ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 agosto 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18.12 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXVI - Numero 12/2008 - DICEMBRE 2008

Conferenze e convegni

Secondo gli esperti, inevitabile il calo della navigazione di linea

I relatori erano diversi, ma il messaggio è stato lo stesso: la crescita economica globale sta rallentando e le prospettive del trasporto marittimo di linea di contenitori puntano verso il basso.

In questione, è stata solo la lunghezza della recessione: sarà di un anno, 18 mesi o addirittura due anni?

Questi erano i sentimenti diffusi in occasione della seconda conferenza "Containerisation & Liner Shipping China", organizzata dalla IBC Global Conferences e da Containerisation International, svoltasi a Tianjin, in Cina, alla metà dello scorso settembre.

Ben Hackett, consulente ed ex amministratore delegato del settore consulenze internazionali della GI (Global Insight), che parlava a nome proprio, ha riassunto tale convincimento.

"I traffici containerizzati stanno rallentando, poiché l'aumento del 4,3% che prevediamo per quest'anno rappresenta meno della metà del 9,5% conseguito nel 2007.

L'economia mondiale sta subendo il doppio shock di una crisi creditizia e dell'elevato prezzo del petrolio e, qualsiasi cosa si possa dire circa la Cina, essa non può decuplicarsi rispetto alle difficoltà riscontrate altrove.

La fiducia delle imprese e del consumatore è bassa e le acquisizioni dall'Estremo Oriente sono in ribasso.

Prendetevi una vista dei traffici di primaria importanza in uscita dall'Estremo Oriente alla volta di Europa e Nord America.

Essi sono aumentati del 15% e del 3% lo scorso anno, ma le ultime previsioni della GI suggeriscono un aumento di appena il 2,1% ed una perdita del 6,6%, rispettivamente, nel 2008".

Hackett si aspetta poi modeste riprese nel 2009: entrambi i traffici fanno registrare tassi di crescita previsti del 3% circa per il 2009.

Anche Daniel Ryan, presidente della divisione cinese sia della APL che della APL Logistics, ha presentato una previsione assai negativa, in particolare per il traffico Estremo Oriente/Europa.

"Si è verificato un rapido ma sostanziale deterioramento dei consumi europei e adesso c'è un notevole eccesso di capacità in questo traffico" ha dichiarato.

"L'attuale situazione sulla rotta Asia-Europa è di gran lunga peggiore di quella verificatasi nel corso dell'ultimo calo ciclico e c'è perciò bisogno di un'azione mitigatrice".

Continua Ryan: "La APL, unitamente a qualche altro vettore, ha iniziato ad intraprendere iniziative per far fronte alla crisi mediante la razionalizzazione della rete, il ribaltamento di tonnellaggio in altri mercati, la cessazione dei contratti di navi a noleggio ed il rallentamento della velocità di crociera.

Saranno queste azioni individuali a determinare la portata di ogni eccesso di capacità nel traffico in questione".

Egli spera che tali provvedimenti possano funzionare, ma suggerisce che "il settore della navigazione di linea possa trovarsi a dover affrontare il suo calo più significativo da molti anni a questa parte, in particolare perché anche i costi stanno aumentando".

Questo quadro negativo è complicato da "uno scenario dei costi sostanzialmente diverso, di modo che i prezzi del carburante sono ancora attestati a livelli apicali storici, malgrado le recenti riduzioni del prezzo del petrolio".
(da: Containerisation International, novembre 2008, pag. 19)



ABB Marine Solutions


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Anno XXVI
Numero 12/2008

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail