ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

31 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:40 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 16 GENNAIO 2012

Industria

La situazione della produzione di contenitori

La produzione mondiale di box si è mantenuta su livelli molto alti nel corso dei primi sei mesi del 2011, per poi calare in modo spettacolare nel corso della seconda metà dell'anno in seguito alla diminuzione della domanda.

Di conseguenza, oltre il 60% della produzione annua pari a 3,55 milioni di TEU è stata consegnata entro la fine di giugno.

Questa situazione contrasta drasticamente con quella del 2010, quando la produzione è stata notevolmente più bassa nella prima metà dell'anno ed una domanda vivace ha comportato un aumento dei prezzi, che per i contenitori high cube sono saliti del 26% dal 2° trimestre 2010 al 2° trimestre 2011.

Tuttavia, le mutate circostanze e la sensazione di un calo del settore hanno indotto un crollo nella seconda metà del 2011, tanto è vero che i prezzi delle unità standard da 20 piedi nel 4° trimestre del 2011 si sono ridotti sino a 2.300 dollari USA.

Nonostante ciò, il prezzo “annualizzato” medio complessivo calcolato per il 2011 ammonta a 2.700 dollari USA, con un aumento dell'8% rispetto a quello del 2010.

Data la notevole incertezza che prevale nel settore della navigazione di linea al momento attuale e la ridotta attività di acquisizioni nel contesto del settore del leasing, è probabile che la domanda resti debole nelle prime settimane del 2012.

E non ci si aspetta alcun recupero significativo dei prezzi.

La produzione totale nel 2011 ha superato quella del 2010 di oltre il 20% ed i produttori in genere hanno ricavato un quantitativo maggiore di prodotto dalle infrastrutture esistenti.

In termini di singoli produttori, lo scorso anno si è assistito a pochi cambiamenti; ci si aspetta che il leader del mercato, la CIMC, abbia rappresentato il 50% circa della produzione globale (v. tabella).

Ciò comporterebbe che la Singamas Holdings (il numero due mondiale) abbia prodotto il 20% del risultato a livello mondiale, mentre gli altri produttori in classifica, tutti con sede in Cina, avrebbero conseguito l'8-10% ciascuno.

Con la prospettiva di un ribasso per il 2012, ci si aspetta che la produzione di nuovi box sia al di sotto di quella del 2011.

Infatti, se le attuali linee di tendenza dovessero continuare, la produzione complessiva quest'anno scivolerebbe al di sotto dei tre milioni di TEU, cifra ben inferiore alla capacità produttiva teorica del settore pari a cinque milioni di TEU, parametrata su un ciclo di lavoro massimizzato.

La riduzione della domanda è parzialmente correlata al fatto che i vettori marittimi stanno utilizzando le proprie risorse con maggiore efficacia, abbassando così la proporzione dei TEU operativi per ciascuno spot a bordo impiegato.

Attualmente, la relativa media è di 1,85, mentre nel corso della recessione 2008-2009 era prossima a 2:1.

Nello stesso tempo, gran parte degli armatori (sia vettori che noleggiatori) è riluttante ad incrementare i propri programmi di acquisizione a fini di rimpiazzo data la recente volubilità del mercato.

Di conseguenza, la richiesta globale di contenitori potrebbe restare ferma ancora per un anno, per quanto non ci si aspetti che i prezzi delle nuove costruzioni diminuiscano molto al di sotto del loro attuale livello di 2.300 dollari USA per 1 unità standard da 20 piedi.

Quest'ultimo prezzo è prossimo al pareggio per i produttori, perché non ci si aspetta che esso cambi a meno che i prezzi dei materiali non calino in modo significativo dal loro attuale livello stabile.

PRINCIPALI PRODUTTORI DI CONTENITORI (TEU)

Società

Prima metà
2010

Seconda metà
2010

Prima metà
2011

Seconda metà
2011

CIMC Group

480.000

1.005.000

1.150.000

675.000

Singamas Holding

230.000

405.000

400.000

250.000

Altri

250.000

560.000

620.000

455.000

Totale

960.000

1.970.000

2.170.000

1.380.000

Tuttavia, esiste la possibilità che alcune fabbriche posano tornare a tempi di lavorazione più limitati (un turno o meno), il che potrebbe nuovamente imporre aumenti al prezzo dei box finiti, in particolare se il mercato dovesse mostrare qualche segno di miglioramento nel corso del 2012.
(da: Containerisation International, 01.01.2012)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail