ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

2 septembre 2014 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 23:23 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 29 FEBBRAIO 2012

Legislazione

Lo ESC in disaccordo con l'analisi della FMC sul divieto delle conferenze

L'ESC (Consiglio dei Caricatori Europei) ha sollevato dei dubbi in ordine ad un certo numero di conclusioni ed osservazioni contenute nel recente studio della FMC (Commissione Marittima Federale) degli Stati Uniti circa gli effetti collaterali verificatisi negli USA in seguito al divieto delle conferenze di linea nell'ambito dell'Unione Europea a partire dalla fine del 2008.

Anzitutto, il Consiglio afferma: “L'impressione complessiva che si ricava dalla lettura delle 354 pagine di questo documento è che mantenere lo status quo nel settore normativo statunitense costituirebbe la migliore opzione per tutte le parti interessate; tuttavia la FMC ammette che la sua indagine non ha attirato suggerimenti da parte di alcun caricatore od organizzazione dei caricatori, probabilmente a causa della tempistica e del breve termine imposto per la risposta”.

Lo ESC sottolinea che, da quando le conferenze di linea sono state vietate nell'Unione Europea, i THC ed i BAF sono stati resi di gran lunga più trasparenti, facendo diventare più graduale lo sviluppo degli accordi tariffari di nolo da varco a varco tutto compreso.

Ma è qualcosa fra le conclusioni secondarie della FMC ciò che lo ESC considera maggiormente preoccupante.

Controbattendo all'osservazione che si sono verificate una volubilità delle tariffe di nolo ed un consolidamento del settore di gran lunga maggiori nella direttrice di traffici Asia-Europa rispetto a quella transpacifica da quando le conferenze sono state vietate nell'Unione Europea, lo ESC evidenzia come la conseguente massiccia introduzione di navi super post-Panamax oltre i 10.000 TEU nella prima direttrice abbia completamente cambiato le sue dinamiche, rendendo le due direttrici non confrontabili.

Le portacontainer ultra-grandi sono diventate molto più difficili da riempire, comportando un'abnorme volubilità del mercato.

Lo ESC obietta altresì all'ipotesi della FMC secondo cui gli accordi di discussione, quale il TSA (Accordo di Stabilizzazione del Transpacifico), potrebbero essere efficaci nel contribuire a ridurre la volubilità delle tariffe di nolo.

Il presidente del Consiglio Trasporti Marittimi dello ESC, Jean Louis Cambon, ammonisce al riguardo: “Le diverse componenti di informazione su capacità, volumi, indice dei prezzi, riunioni fra vettori e così via, come originariamente proposti nell'Unione Europea, potrebbero sembrare innocue, se prese ciascuna di per se stessa, ma possono combinarsi in una miscela esplosiva, in particolare se gli aspetti tradizionali ed il livello di aggregazione dei dati non venissero rispettati.

Vogliamo essere sicuri che non venga convalidato alcun elemento che possa indurre nuovamente la gente ad adottare prassi collusive ed anticoncorrenziali.

Piuttosto che rimanere nello status quo implicato dal rapporto della FMC, noi ci concentreremmo pertanto sull'incoraggiamento di una maggiore liberalizzazione con l'abolizione delle esenzioni in blocco dall'anti-trust in tutto il mondo, seguendo la via tracciata dall'Unione Europea”.

Lo ESC sembra ritenere che troppe discussioni indirette possano già essere in corso.

Riferendosi alla recente ondata di GRI annunciati dai vettori marittimi nella direttrice di traffico Asia-Europa da quando sono state annunciate le mega-alleanze, Cambon ha osservato: “Nonostante l'auto-inflittasi terribile situazione in cui si trovano i vettori, è davvero notevole il fatto che la data del 1° marzo 2012 sia così spesso adottata dalla maggior parte di loro con un quantum sostanzialmente simile di incremento.

È ancor di più singolare la circostanza che molto raramente in passato un GRI abbia avuto successo se adottato in tale data, così a breve distanza dal Nuovo Anno cinese, tenendo altresì ora in considerazione lo scenario di un'economia europea depressa”.
(da: ci-online.co.uk, 23.02.2012)



FIORE ABB Marine Solutions


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail