ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 07:56 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 28 DICEMBRE 2012

TRASPORTO FERROVIARIO

FRET SNCF SANZIONATA PER ATTIVITÀ ANTICONCORRENZIALI

Il regolatore della concorrenza francese Aurorité de la Concurrence ha sanzionato la Fret SNCF con una multa di 60,9 milioni di euro a causa di un certo numero di prassi commerciali finalizzate ad ostacolare e differire l'arrivo di nuovi partecipanti nel mercato nel settore del trasporto merci ferroviario in Francia.

Il regolatore, peraltro, ha sottolineato come non ci sia alcuna prova che queste prassi facciano parte di una strategia globale o di un piano complessivo redatto o elaborato dalla SNCF.

Il regolatore aveva dato il via ad una indagine nel 2008 che era stata seguita alla fine del 2009 da un reclamo presentato dalla ECR (Europe Cargo Rail), la consociata francese della Deutsche Bahn.

In una dichiarazione rilasciata il 18 dicembre, il regolatore ha affermato: “Queste prassi costituiscono l'abuso di una posizione di mercato dominante e di una distorsione della concorrenza nello specifico contesto dell'apertura del settore dal 31 marzo 2006”.

La SNCF è stata sanzionata “per aver utilizzato, a fini commerciali, informazioni riservate e strategiche concernenti i suoi concorrenti che aveva ottenuto nel contesto della propria missione pubblica quale gestore delegato dell'infrastruttura ferroviaria” si legge nella dichiarazione.

Le prove dell'infrazione sono state raccolte in seguito a visite ispettive condotte presso i locali della SNCF.

In certi casi, la SNCF aveva “adattato la propria strategia commerciale a traffici specificamente nel mirino dei suoi concorrenti”.

Essa aveva altresì impedito ai propri concorrenti di ottenere l'accesso alla capacità ferroviaria di trasporto merci “indispensabile alla loro attività”, come infrastrutture di movimentazione, spazio sui treni e carri.

La dichiarazione aggiunge che la SNCF ha altresì offerto “tariffe molto basse, al di sotto del prezzo di costo, che hanno reso impossibile a nuovi soggetti di entrare nel mercato in concorrenza”.

Tuttavia, il regolatore non ha irrogato multe alla SNCF per questa prassi, preferendo notificarle un'ingiunzione ed obbligando l'operatore statale a prendere tutte le misure necessarie ad evitare che ciò accada in futuro.

Alla SNCF Geodis, di cui fa parte la Fret SNCF, nessuno è stato subito disponibile a commentare la decisione del regolatore e la possibilità che venga presentato un appello.

Un portavoce ha detto che una dichiarazione sarebbe stata rilasciata in giornata.

Nel corso di un'udienza svoltasi a settembre, che segnava la fine delle indagini da parte del regolatore, si dice che le ferrovie statali francesi abbiano sostenuto che tutte le azioni che hanno finito per ostacolare la concorrenza non sono state il risultato di una politica concertata da parte sua, ma la conseguenza di iniziative individuali.
(da: lloydsloadinglist.com, 18.12.2012)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail