ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

14 de noviembre de 2019 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 19:25 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXI - Numero 30 SETTEMBRE 2013

LEGISLAZIONE

LA ITF PREME PER UN'INIZIATIVA SUI PESI DEI CONTAINER

La ITF (Federazione Internazionale dei Lavoratori del Trasporto) ha pubblicato una nuova dichiarazione allo scopo di evidenziare la propria posizione nel periodo antecedente la potenzialmente decisiva riunione DSC/18 dell'IMO iniziata il 16 settembre.

La nuova dichiarazione della ITF fa seguito a quella pubblicata il 4 settembre scorso dalle altre quattro organizzazioni non governative (ICS, WCS, BIMCO ed IAPH) che richiedono la pesatura obbligatoria dei contenitori prima della spedizione.

La ITF afferma di avere effettuato azioni di lobbying per quasi un decennio allo scopo di far introdurre nei porti un sistema internazionale obbligatorio di pesatura dei container, in luogo dell'assegnamento sull'autoregolamentazione da parte dei caricatori.

Nella proposta si dice che dovrebbe esserci una norma internazionale che richieda la pesatura obbligatoria dei contenitori carichi, una procedura finalizzata ad accertare la scorretta dichiarazione dei pesi dei container e che il comandante della nave sia messo in grado di rifiutare il carico dei contenitori non dichiarati o dichiarati scorrettamente.

Gli emendamenti al SOLAS sono supportati dai governi degli Stati Uniti e della Danimarca ed altri paesi e rappresentanti del settore sono stati sollecitati a dimostrare il loro impegno nei confronti degli standard di sicurezza del lavoratore e del pubblico mediante il sostegno alle modifiche al SOLAS.

Paddy Crumlin, presidente della ITF e coordinatore della sua sezione portuali, ha dichiarato: “Si tratta di una questione importante per i lavoratori del trasporto di tutto il mondo.

Noi stimiamo che i contenitori di cui sia stato dichiarato un peso, ma che in realtà sono notevolmente più leggeri o più pesanti, possano essere nell'ordine del 20% dei carichi.

Ciò presenta un serio rischio per la salute e la sicurezza personale dei portuali che caricano e scaricano nei porti, dei marittimi a bordo delle navi mercantili e dei camionisti che trasportano i container sulle strade.

Peraltro, non si tratta di un argomento che interessa solo i lavoratori.

Quando un camion si piega in due perché non è in grado di sopportare il peso di un container, se una nave mercantile si spezza in due perché è stata sovraccaricata, quando le attrezzature e le infrastrutture portuali si consumano prematuramente a causa dei contenitori in sovrappeso, allora esiste una seria questione per il pubblico, per l'ambiente e per la compagnie di navigazione.

È tempo che tale questione ottenga le risposte che merita e noi vogliamo che i governi e gli operatori del settore stiano dietro agli emendamenti al SOLAS in modo che possa essere fornita - mediante l'IMO - una risposta appropriata al problema”.
(da: worldcargonews.com, 16.09.2013)



PSA Genova Pra' Salerno Container Terminal Vincenzo Miele


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it