ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

23 November 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 17:46 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIII - Numero 28 FEBBRAIO 2015

PORTI

AMBURGO ALLE PRESE CON PIÙ CONTENITORI MA DEVE LOTTARE CON L'INVASIONE DELLE GRANDI NAVI

Malgrado risultati quasi da record nel settore contenitori lo scorso anno, è probabile che la crescita del porto di Amburgo venga ostacolata da ulteriori ritardi giudiziari in relazione al necessario ed urgente ampliamento ed approfondimento del fiume Elba.

“Abbiamo già aspettato troppo a lungo l'avvio del dragaggio” lamenta Ingo Egloff, amministratore delegato della direzione marketing del porto.

Egloff ha dichiarato che, con 507 scali nel 2014, si è verificato un incremento del 24% da un anno all'altro delle portacontainer molto grandi con capacità di slot superiori ai 10.000 TEU ad Amburgo e ha avvertito che la pazienza e la lealtà dei vettori marittimi è stata provata sino al limite date le attuali limitazioni di pescaggio per carichi e partenze nello scalo.

In riferimento agli anni di indugio giudiziario che ha intralciato il dragaggio del Basso ed Esterno Elba, Egloff si è sfogato esprimendo la propria frustrazione, suggerendo che la necessità dei lavori deve ora essere riconosciuta anche “dai più ostinati oppositori alla modifica del canale”.

Egloff spera che l'approvazione al dragaggio possa giungere dalla Corte Amministrativa Federale di Lipsia in primavera e che il progetto biennale finalizzato ad approfondire il canale navigabile dell'Elba di un metro ed a costruire un canale di passaggio largo 385 metri sia in condizione di essere avviato quest'anno.

Poiché il governo di Berlino sta sviluppando un nuovo piano delle infrastrutture per il paese, Egloff sta esercitando un'azione di lobbying a favore dei porti marittimi tedeschi affinché gli sia data “la massima priorità” e, nello specifico, i fondi per il miglioramento delle idrovie interne.

I terminal container di Amburgo hanno lavorato 9,7 milioni di TEU nel 2014, con un incremento del 5,1% rispetto all'anno precedente, appena al di sotto della sua prestazione da record prima della crisi nel 2008.

Altrove, il maggior porto containerizzato d'Europa, Rotterdam, ha raggiunto i 12,3 milioni di TEU l'anno scorso, in aumento del 5,8% rispetto al 2013, mentre il terzo porto in classifica, Anversa, ha visto aumentare i propri risultati produttivi del 4,7% per 9 milioni di TEU.

I traffici di Amburgo con la Cina hanno rappresentato quasi un terzo dei suoi risultati containerizzati complessivi e sono stati in aumento del 9,8% rispetto all'anno precedente per 3 milioni di TEU.

Peraltro, ci sono state altre aree di crescita significative, come la Polonia - in aumento del 22,6% per 395.000 TEU - ed i traffici con l'India che si sono incrementati del 14,9% per 232.000 TEU.

In compenso, ci sono stati problemi per i suoi traffici con la Russia, dove le sanzioni, il valore in declino del rublo ed il crollo dei prezzi del petrolio hanno comportato conseguenze per la seconda metà dell'anno, quando i risultati relativi alla Russia sono scesi del 7,8% rispetto al 2013 per 662.000 TEU.

Il maggiore operatore terminalistico di Amburgo, la HHLA, ha incrementato la propria produzione di un modesto 1,2% rispetto al 2013, raggiungendo i 7,2 milioni di TEU lavorati presso le sue tre infrastrutture; il terminal ha citato la riduzione dei traffici di raccordo con la Russia quale ragione di questa crescita deludente.

Le sue operazioni con il porto ucraino di Odessa sono state afflitte dal conflitto in corso nel paese, tanto che i risultati sono calati di qualcosa come il 30% da un anno all'altro per circa 300.000 TEU.

Il maggiore operatore terminalistico tedesco, la Eurogate, ha trattato 2,3 milioni di TEU sulle proprie banchine di Amburgo, in aumento di un impressionante 16,7% rispetto all'anno precedente, ed il presidente Emanuel Schiffer ha appoggiato le osservazioni di Egloff.

L'Eurogate ha ospitato il 16 gennaio ad Amburgo la portacontainer più grande del mondo, la CSCL Globe da 19.100 TEU, e si aspetta lo scalo da parte del successore in quel titolo, la MSC Oscar da 19.224 TEU, che sarà a Wilhelmshaven all'inizio di marzo.

Dichiara Schiffer: “Le previsioni si sono dimostrate corrette.

I nostri clienti stanno scalando i nostri porti containerizzati con portacontainer sempre più grandi.

Questo presenta notevoli sfide per le infrastrutture degli scali marittimi così come per la sovrastruttura degli operatori dei terminal container”.
(da: theloadstar.co.uk, 11 Febbraio 2015)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail