ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:22 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIII - Numero 30 NOVEMBRE 2015

LOGISTICA

L'ONU DISPONE DI UN MILIARDO DI DOLLARI DA SPENDERE NELLA LOGISTICA ED È IN CERCA DI ALTRI PARTNER PER I CARICHI

Non accade spesso che un caricatore con una capacità annua di spesa prossima ad un miliardo di dollari USA per la logistica incoraggi tutti i soggetti interessati nel settore affinché presentino richieste di partecipazione a gare d'appalto, ma l'ufficio approvvigionamenti dell'ONU ha chiesto alle linee aeree, agli spedizionieri ed alle linee di navigazione di registrarsi sul suo nuovo sito web, dal momento che è alla ricerca do altri partner per i carichi.

Il budget complessivo per gli approvvigionamenti del Segretariato dell'ONU nel 2014 era di 3 miliardi di dollari USA, 750 milioni dei quali sono andati all'aviazione e qualcosa come 170 milioni alle spedizioni di merci.

La spesa complessiva dell'ONU per "trasporti, depositi e posta" è stata di 2,46 miliardi di dollari USA.

E adesso l'ONU vorrebbe ripartire il residuo.

"Poiché non sembra probabile che la pace nel mondo si verifichi molto presto, l'ONU avrà una maggiore necessità di trasporto di carichi aerei e marittimi" ha detto Somi Ro, responsabile degli approvvigionamenti per la logistica ed i trasporti dell'ONU ai partecipanti alla Air and Sea Cargo Americas, svoltasi a Miami negli Stati Uniti.

"L'ONU sta aggiornando le sue modalità di funzionamento e ha rivisitato le proprie clausole contrattuali, gli elenchi dei fornitori e le procedure di appalto.

Vorremmo reclutare nuovi soggetti affinché diventino nostri partner nel trasporto dei carichi.

E stiamo cercando di essere molto più amichevoli e vicini al settore" ha aggiunto la Ro.

Malgrado le enormi difficoltà logistiche che l'ONU deve affrontare ed una spesa significativa, essa ha solo 25 spedizionieri nel proprio elenco dei fornitori.

"C'è un sacco di spazio perché nuove imprese ci raggiungano e lavorino con noi" aggiunge Chris Hutton, funzionario per gli approvvigionamenti dell'ONU.

"Solo una quarantina di imprese ci forniscono trasporto aereo, di modo che stiamo disperatamente cercando di avere più concorrenza".

L'ONU spedisce tante cose, dai vaccini ai veicoli, e richiede noleggio a breve e lungo termine di aeromobili e navi, servizi accessori di assicurazione, equipaggio e manutenzione per gli aeromobili, così come la spedizione di merci.

Hutton ha spiegato che la procedura è molto semplice.

Le imprese possono registrarsi sul sito UN Global Marketplace per tre livelli di appalto.

Il livello di base consente di partecipare a gare di appalto per contratti di valore sino a 40.000 dollari USA.

Occorre poi che l'impresa fornisca maggiori informazioni per partecipare al livello successivo, per contratti sino a 500.000 dollari USA.

Per contratti di valore di oltre 500.000 dollari USA, le imprese devono essere in grado di dimostrare requisiti aggiuntivi, come quello di essere finanziariamente stabili e di non fare affidamento solo sull'ONU per tutte le proprie attività.

Anche gli appalti per i voli che riguardano gli aerei passeggeri richiedono un livello di valutazione più elevato.

Dopo la registrazione, le procedure relative alle gare di appalto presentano due fasi.

L'ONU si accerta che le imprese soddisfino i suoi requisiti di conformità tecnica per la gara, che poi si aggiudica il partecipante con l'offerta più bassa.

"Per vedere se si è competitivi, basta guardare chi sono i concorrenti e che cosa si fanno pagare per quel servizio: è tutto pubblico" afferma Hutton.

"E per qualsiasi appalto che preveda contratti al di sopra del 200.000 dollari USA, siamo obbligati a convocare i partecipanti alla gara e dirgli perché non se la sono aggiudicata".

Hutton ha aggiunto che l'ONU è alla ricerca di tutti i tipi di impresa, dalle PMI alle corporazioni globali, in tutto il mondo.

Ha detto ai partecipanti: "Vorremmo aggiungervi al nostro elenco di fornitori, dal momento che vogliamo incrementare le attività".

Anche nel caso in cui l'ONU abbia in mente un particolare percorso per una spedizione, Hutton aggiunge: "Potreste avere un'idea migliore, perciò ditecela".

Quasi il 90% delle sue attività di mantenimento della pace - e quindi gran parte della sua logistica - è in Africa.

Hutton afferma che l'ONU è attualmente in cerca di rotte dirette fra l'America Latina e l'Africa.

Ha poi consigliato di visitare il sito web www.ungm.org prima di registrarsi e chiedere di partecipare alla gara d'appalto e ha fornito alcune dritte, quali assicurarsi che la denominazione sociale registrata sia la stessa che compare sul conto bancario, nonché indicare più di un indirizzo di posta elettronica, uno dei quali generico, di modo che l'ONU possa sempre mettersi in contatto.
(da: theloadstar.co.uk, 9 novembre 2015)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail