ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 10:28 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 MARZO 2016

TRASPORTO INTERMODALE

CONTARGO RIDUCE L'IMPRONTA DI CARBONIO

L'operatore multimodale europeo Contargo ha introdotto un calcolatore gratuito "dell'impronta di carbonio", denominato IMTIS, al fine di aiutare i caricatori, gli spedizionieri e le linee di navigazione a ridurre la propria impronta di carbonio.

L'IMTIS calcola le emissioni di CO2 derivanti dal trasporto di contenitori che utilizzano varie modalità di trasporto.

Il sistema tiene conto non solo delle emissioni di CO2 del trasporto stesso, ma anche dell'esborso energetico nel processo della produzione e distribuzione di carburante, nonché del consumo energetico di movimentazione presso il terminal e dell'amministrazione.

Quanto possano essere grandi le differenze fra le singole modalità di trasporto si può dimostrare per mezzo di un esempio.

In questo caso, poniamo che vi sia l'effettuazione di un viaggio tutto camionistico dal deposito contenitori di Wörth/Karlsruhe a Rotterdam, per una distanza complessiva di 574 km.

A Wörth/Karlsruhe, il container vuoto viene caricato sul semirimorchio mediante un'impilatrice (4 kg di CO2) e trasportato per 30 km sino al punto di riempimento di Graben Neudorf (22 kg di CO2).

Da Graben Neudorf, il percorso del contenitore carico di 544 km presenta 479 kg di emissioni di CO2, di modo che le emissioni complessive di anidride carbonica generati dal viaggio, prima dello scarico del container in porto, è di 505 kg.

Ora, per lo stesso percorso, si trasporti su camion il container vuoto a Graben Neudorf ed al ritorno sempre su camion il container pieno da lì al terminal trimodale di Wörth/Karlsruhe.

Il viaggio di andata e ritorno genera un totale di 52 kg.

Al capolinea ferroviario, la movimentazione del contenitore carico da parte di un'impilatrice aggiunge altri 8 kg.

Il successivo trasporto ferroviario a Rotterdam (667 km) genera 223 kg di emissioni di CO2.

A Rotterdam, l'impronta totale di carbonio è di 293 kg, con un risparmio di 212 kg.

Infine, invece della ferrovia da Wörth/Karlsruhe, si spedisca il carico su chiatta.

La tratta fluviale di oltre 653 km produce 111 kg, di modo che il totale per l'intero viaggio è di 171 kg, con un risparmio complessivo di 334 kg.

I calcoli dell'IMTIS possono essere effettuati per qualsiasi numero di scali marittimi e punti interni.

Come sottolinea la Contargo, la COP21 di Parigi ha deciso di mantenere il riscaldamento globale entro l'anno 2100 al di sotto dei 2°C.

Allo scopo di conseguire tale obiettivo, le emissioni di CO2 in Europa devono essere ridotte del 40% entro il 2013.

Se si vuole riuscire ad ottenere tale risultato, le emissioni del settore dei trasporti dovranno essere notevolmente ridotte.
(da: worldcargonews.com, 22 marzo 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail