ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 18:16 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 30 GIUGNO 2016

LOGISTICA

LA NUOVA TECNOLOGIA È FONDAMENTALE PER LA CRESCITA DEI 3PL, MA DEVE AGGIUNGERE VALORE AI LORO "PARTNER CARICATORI"

Alla crescita dei 3PL sarà dato impulso mediante investimenti in tecnologia, ma essa deve aggiungere valore ai clienti: questo hanno udito i partecipanti alla recente conferenza "Future of Logistics" svoltasi a Londra.

"La disintermediazione consentirà ai caricatori di lavorare con nuovi soggetti della filiera distributiva" afferma John Manners-Bell, amministratore delegato della Transport Intelligence.

"I 3PL in attività necessitano di dare seriamente un'occhiata a quale valore stanno fornendo ai caricatori e chiedono in che modo possono sviluppare partenariati con loro".

Ci si aspetta che i servizi di software offerti dai 3PL raggiungano il valore di 30 miliardi di dollari USA entro il 2022, ad un tasso di crescita del 6,5%, secondo un rapporto Global Market Insights pubblicato questo mese.

"È probabile che la rapida adozione di software e delle ultime applicazioni informatiche per migliorare la copertura di distribuzione e fornire servizi di qualità alla clientela dia impulso alla crescita" sottolinea Manners-Bell.

Ciò è supportato da un rapporto di ricerca sui mercati relativi ai 3PL a livello mondiale, il quale concorda sul fatto che alla crescita del mercato sarebbe dato impulso da parte della tecnologia.

Si legge nel rapporto: "È probabile che l'uso di tecnologie aggiornate nei servizi logistici si incrementi… i servizi abilitati dall'informatica incrementano l'efficienza dei servizi logistici per quanto attiene alla programmazione dei trasporti ed alla gestione di consegne e scorte.

Società come la Wipro, la Kale Consultants e la Wal-Mart hanno fatto sì che fosse essenziale per i loro partner logistici l'impiego di questi servizi.

"Inoltre, i venditori nel mercato adesso utilizzano soluzioni basate sulla nuvola per la gestione delle relazioni con la clientela al fine di migliorare le relazioni fra venditore e caricatore mediante la fornitura di maggiore visibilità nel processo della filiera distributiva, riducendo così la complessità della gestione delle relazioni con la clientela".

I partecipanti alla conferenza hanno sentito dire che le relazioni fra 3PL e cliente sarebbero fondamentali e che i dati dovrebbero essere condivisi.

"I 3PL dovrebbero mirare alla consegna della propria tecnologia ai caricatori operativi nella propria rete" ha dichiarato Sandy Stewart, amministratore delegato per trasporti e logistica della Stifel.

"Questo non farebbe contenta la gente del software di gestione della filiera distributiva, ma funzionerebbe per la filiera stessa.

Tutte le informazioni dovrebbero essere aggregate nella nuvola".

Nicolas Leroux, amministratore della Lunatech, ha detto: "Chi controlla le informazioni controllerà la filiera distributiva.

Ma occorre sfuggire al retaggio ed aprire i sistemi".

Justin Zatouroff, partner della KPMG, aggiunge: "È tutta una questione di grandi dati e di analitica.

Il problema sarà relativo a chi detiene i dati e chi li può analizzare.

C'è una paranoia in ordine alla condivisione dei dati, ma la nuova generazione è più disposta a condividere".

Anche l'e-commerce è stato citato come settore fondamentale per gli investimenti in telematica e la tecnologia per la previsione della domanda della Amazon è vista quale fattore chiave del suo successo, nonché decisivo per la sua strategia di distribuzione.

"La Amazon capisce così bene i propri consumatori statunitensi che sa cosa compreranno e può essere a casa loro il giorno successivo" afferma Stewart.

Poi però aggiunge che la Amazon presenta anche una debolezza: "Ciò in cui la Amazon è carente sono gli articoli di peso superiore ai 22 kg - la consegna in guanti bianchi: si tratta di una vulnerabilità".

Jerome Charlez, fondatore della Khearos, ha sottolineato gli alti costi delle scarse previsioni nell'e-commerce.

Ha infatti detto ai partecipanti: "L'anno scorso sono stati perduti 4,2 miliardi di dollari USA a causa delle cattive previsioni nell'e-commerce.

I soldi sono stati persi nell'ultimo miglio, dove c'è un elevato rischio".

Ma Zatouroff della KPMG ha detto che la tecnologia per fare buone previsioni è disponibile.

"C'è il problema dei picchi imprevedibili per i dettaglianti.

Abbiamo realizzato parecchi modelli con un livello notevole di precisione, informazioni che si possono riversare in tutta la filiera distributiva, allo scopo di appurare con precisione il confronto fra domanda e scorte".

Zatouroff è un sostenitore del "buttarsi" piuttosto che aspettare la nuova tecnologia, che cambia tutte le volte.

E ci sono stati avvertimenti per i 3PL ed i vettori che non investono in informatica per l'e-commerce.

"Occorre che il trasporto si reinventi, o verrà reinventato nel modo peggiore" afferma Charlez.

"Le agili imprese di trasporto hanno bisogno di cambiare alla svelta, di essere flessibili e riconoscibili".
(da: theloadstar.co.uk, 27 giugno 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail