ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

26 novembre 2020 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 05:48 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 LUGLIO 2016

PORTI

RIPRESA DEI TRAFFICI CONTAINERIZZATI A ROTTERDAM

I primi segnali mostrano che il terzo trimestre del 2016 sta sostenendo la lieve tendenza alla ripresa nel settore containerizzato di Rotterdam.

La prima metà del 2016 ha conseguito circa 95.000 TEU in più rispetto ai 6 milioni di TEU movimentati nella seconda metà del 2015.

Allard Castelein, amministratore delegato dello HbR (Porto di Rotterdam) ha dichiarato in occasione della conferenza stampa sui risultati della prima metà del 2016 del porto che il forte rialzo dei traffici containerizzati di Anversa (il solo fra i grandi porti della fascia Amburgo-Le Havre ad avere conseguito tali risultati) potrebbe avere raggiunto il suo punto massimo grazie ad un pacchetto di misure che Rotterdam si accinge a presentare ai principali clienti.

"Non si tratterà di una soluzione valida per tutti, ma comprenderà diversi pacchetti per diversi vettori o diverse alleanze in diversi momenti nel tempo" afferma Castelein.

Non sono stati forniti i particolari, ma il pacchetto dovrebbe includere il nuovo strumento digitale che secondo il porto potrebbe far risparmiare "decine di migliaia di euro per ogni singolo scalo".

Il programma computerizzato visualizza tutti le fasi e gli eventi della sosta di una portacontainer, dall'ormeggio al terminal alle chiatte per il bunker e lo smaltimento rifiuti, ed è determinante per snellire l'intera spedizione dal momento che descrive ed evidenzia immediatamente tutte le potenziali sovrapposizioni ed altri fattori di disturbo rispetto alla programmazione.

Lo strumento, denominato Pronto, è stato sviluppato in collaborazione con la MSC, la Maersk e la Shell ed è già operativo.

Esso è ancora in fase di miglioramento con le osservazioni "di tutti i grandi nomi del settore containerizzato" afferma Castelein.

Nella prima metà del 2016, il numero delle navi da 18.000 TEU ed oltre a Rotterdam si è incrementato del 32% da un anno all'altro.

Castelein ha aggiunto che i terminal automatizzati presso il Maasvlakte II stanno accrescendo la produttività.

Fra tutti hanno movimentato 600.000 TEU nella prima metà del 2016, rispetto ai 300.000 TEU per l'intero 2015.

"Sono in lizza per conseguire cumulativamente 1,5 milioni di TEU nell'intera annata" sottolinea Castelein.

Ciò lascia aperta la questione se i terminal possano nonostante questo rimanere indietro rispetto agli impegni sui volumi stabiliti nei loro contratti di concessione e, se così fosse, che cosa intende fare al riguardo lo HbR.

Nel contempo, Paul Smits, responsabile finanziario dello HbR, ha accolto favorevolmente l'indagine sugli enti portuali belgi e francesi annunciata dalla Commissione Europea, inerente alla questione delle imposte sulle società nei porti belgi e francesi, adesso che è stato concordato che i porti olandesi pagheranno le imposte sulle società a partire da gennaio dell'anno prossimo.

Smits ha ribadito l'enorme frustrazione di Rotterdam per come gli aiuti di stato continuano ad inclinare il campo di gioco, mediante il cofinanziamento dello sviluppo delle infrastrutture portuali (Fiandre/Anversa) ovvero pagando il conto delle perdite annuali o anche con immissioni finanziarie (Amburgo).

Supportato dal parlamento olandese, la segretaria ai trasporti olandese Melanie Schulz ha recentemente annunciato che sarà approntata una "politica aggiuntiva" per supportare Rotterdam.

Smits ha dichiarato che essa comprenderà la manutenzione ed altri servizi connessi con le infrastrutture "nazionali" ed "internazionali" come i fiumi, che sono idrovie internazionali.

"Nel corso degli anni" afferma Smits, "la prassi ha gradualmente conseguito sempre maggiore importanza in materia di gestione portuale o addirittura effettuando il dragaggio e la manutenzione per conto proprio.

Unitamente al ministero indagheremo attentamente su come farci pagare per cose che chiaramente sono sotto la responsabilità del governo".

Ciò potrebbe includere altri sviluppi ai quali lo HbR sta contribuendo, come la pianificata circonvallazione per il trasporto merci Theemsweg Betuwe Line allo scopo di aggirare il ponte levatoio che si estende sul canale Caland e sulle banchine Brittannië, nonché l'ampliamento del passaggio per le navi fluviali fra la foce del fiume Reno (un'idrovia statale) ed i bacini Maasvlakte ed Europort dello scalo marittimo.
(da: worldcargonews.com, 23 luglio 2016)



PSA Genova Pra'


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail