ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:33 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 31 OTTOBRE 2016

PORTI

LA APL TERMINALS TROVA NUOVI SOCI PER VADO

La COSCO Shipping Ports e la Qingdao Port International Development si sono associate alla APL Terminals per effettuare operazioni nei terminal container nuovi ed esistenti a Vado Ligure.

L'anno scorso la APMT (APM Terminals) aveva annunciato due nuovi accordi che coinvolgevano il gruppo Qingdao Port: la APMT avrebbe rilevato una quota del 20% in un nuovo terminal per rinfuse secche nel porto Dongjiaku di Qingdao, mentre sarebbe stato siglato un protocollo d'intesa relativo al progetto portuale di Vado della APMT in Italia, che avrebbe dovuto includere "altri potenziali soci" in quel momento ancora da designare.

La APMT ha ora annunciato di avere raggiunto un accordo con la China COSCO Shipping Ports e la Qingdao Port International Development (Hong Kong) Co., Limited, una consociata totalmente partecipata dalla Qingdao Port International Co., Ltd., che diventerà un'azionista indiretta di minoranza dell'associazione d'impresa di Vado.

"Gli accordi prevedono interessi relativi sia all'esistente Reefer Terminal di Vado, la maggiore infrastruttura per carichi refrigerati sul Mar Mediterraneo, sia al nuovo terminal ad acque profonde dalla capacità di 800.000 attualmente in costruzione nel porto di Vado.

La APM Terminals avrà una quota del 50% ed effettuerà operazioni sia nel Reefer Terminal che nel terminal container APM Terminals Vado; la COSCO Shipping Ports avrà una quota del 40%, mentre la Qingdao Port International Development (Hong Kong) Co., Limited ne avrà una del 9,9%" spiega la APMT.

La cerimonia per la firma dell'accordo con la COSCO Shipping Ports si è svolta a Shanghai; ad essa hanno partecipato l'attuale amministratore delegato della APM Terminals Kim Fejfer, così come Morten Engelstoft, che succederà a Fejfer quale amministratore delegato il prossimo 1° novembre.

"Attraverso le partecipazioni a livello globale e gli obiettivi condivisi di eccellenza operativa, c'è molto che possiamo ottenere assieme, anche nell'attuale difficile ambiente imprenditoriale" dichiara Fejfer, aggiungendo "e siamo contenti di far progredire le nostre strette relazioni con la COSCO Shipping Ports ed il gruppo Qingdao Port".

La APMT ha menzionato il fatto che la COSCO Shipping Ports, una consociata del gruppo COSCO Shipping, ha assunto il controllo del porto greco del Pireo all'inizio di quest'anno.

"Con il supporto della propria linea di navigazione affiliata, la COSCO Container Lines, numero uno mondiale per tonnellaggio complessivo e numero quattro per capacità containerizzata, la COSCO Shipping Ports ha ampliato le proprie operazioni nella regione del Mediterraneo nel contesto dell'iniziativa "Una Cintura Una Via" allo scopo di rafforzare i collegamenti logistici fra Cina ed Europa.

La COSCO è già partner in diverse operazioni nell'ambito della rete terminalistica globale della APM Terminals, quali il Suez Canal Container Terminal in Egitto, l'APM Terminals Zeebrugge in Belgio ed il Qingdao Qianwan Container Terminal (QQCT) in Cina" dichiara la APMT.

Lo sviluppo di Vado ha in programma la realizzazione di nuove e migliori capacità della filiera distributiva per i mercati del Nord Italia, della Svizzera e della Germania meridionale.

Lo APMT Vado sarà un terminal semi-automatizzato, dotato di sistemi di controllo e navette, progettato per movimentare navi portacontainer ultra-grandi sino a 19.000 TEU.

La nuova infrastruttura si fonderà con l'attuale Vado Ligure Reefer Terminal, che dispone di una capacità annua per 275.000 TEU e per oltre mezzo milione di tonnellate di frutta refrigerata.
(da: worldcargonews.com, 17 ottobre 2016)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail