ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 03:48 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXIV - Numero 15 NOVEMBRE 2016

TRASPORTO MARITTIMO

LA OCEAN ALLIANCE SVELA I PIANI RELATIVI ALLA PIÙ GRANDE RETE CONTAINERIZZATA DEL MONDO

I membri della Ocean Alliance hanno svelato il 3 novembre la proposta di una rete che a suo dire sarà "la più grande alleanza di trasporto marittimo del mondo" che dovrebbe diventare operativa ad aprile con una flotta di circa 350 navi e con quasi 3,5 milioni di TEU di capacità complessiva.

I quattro partner - CMA CGM, COSCO Container Lines, Evergreen Line e OOCL (Orient Overseas Container Line) - condivideranno la propria capacità su diverse rotte, effettuando assieme 40 servizi nei traffici est-ovest con circa 100 porti di scalo e quasi 500 coppie di porti nella propria rete cosiddetta "Day One".

"La sottoscrizione dell'accordo relativo al prodotto Day One segna un importante passo in avanti proprio a dimostrazione di quanto siamo impegnati nello sviluppo dei prodotti più competitivi per il mercato, nonché dell'alto livello di sinergia e fiducia che condividiamo nel partenariato" hanno affermato i vettori che partecipano all'alleanza in una dichiarazione congiunta rilasciata il 3 novembre.

Prima del suddetto annuncio della rete, la ditta di analisi in materia di trasporto marittimo containerizzato Alphaliner ha dichiarato che la proposta Ocean Alliance supererebbe l'accordo di condivisione di navi 2M fra Maersk e Mediterranean Shipping Co in due delle maggiori direttrici di traffico mondiali, l'Asia-Europa e l'Asia-Nord America.

Secondo Alphaliner, nei traffici Asia-Europa, la Ocean Alliance avrebbe un leggero vantaggio in termini di capacità, con una quota di mercato del 34,5%, rispetto al 33,4% della 2M.

A detta di Lloyd's List, Alphaliner peraltro stima che la Ocean Alliance avrà una quota di mercato nei traffici Asia-Nord America di quasi il 39% in termini di capacità impiegata, rispetto ad appena poco meno del 16% della 2M ed al 45,5% degli altri partecipanti.

L'alleanza afferma che si "conformerà ai requisiti delle filiere distributive globali" assicurando nel contempo più elevate frequenze di partenza, tempi di viaggio migliori ed una maggiore copertura in termini di circuiti, porti di scalo e coppie portuali.

Per quanto attiene la ricerca delle necessarie approvazioni dell'alleanza da parte delle autorità internazionali per la concorrenza, i membri hanno dichiarato di avere registrato l'Accordo Quadro (Accordo di Alleanza) presso il Ministero dei Trasporti della Repubblica Popolare Cinese e che la Commissione Marittima Federale degli Stati Uniti ed il Ministero del Mare e della Pesca della Corea del Sud hanno già concesso la propria approvazione.

L'alleanza ha anche completato la propria revisione dell'autovalutazione di conformità per l'Unione Europea, annunciando di essere "soddisfatta che il proprio accordo ed i servizi siano conformi ai requisiti disposti dalla normativa europea, in seguito al soddisfacente completamente di una autovalutazione delle proprie attività ai sensi delle regole sulla concorrenza dell'Unione Europa ed alle discussioni con la Commissione Europea".

Ha poi aggiunto: "Successivamente, la Ocean Alliance continuerà a lavorare a stretto contatto con tutte le autorità al fine di assicurare la piena conformità alla normativa ed ai regolamenti applicabili e di conseguire le necessarie approvazioni normative affinché la Ocean Alliance inizi le operazioni a partire dal 1° aprile 2017".

Quale maggiore contribuente alla Ocean Alliance, il gruppo CMA CGM impiegherà 119 navi con una quota di capacità del 35%.

Rodolphe Saadé, vicepresidente del gruppo CMA CGM, commenta: "La Ocean Alliance è il maggiore accordo operativo mai stipulato fra compagnie di navigazione.

Con oltre 40 servizi marittimi, condivideremo la nostra flotta con le più grandi compagnie di navigazione asiatiche.

Questa nuova offerta è una pietra miliare della nostra strategia dal momento che essa rafforza la nostra competitività e consolida la nostra posizione quale soggetto fondamentale nel settore del trasporto marittimo.

Mediante l'offerta di più porti e più scali diretti, così come di migliori tempi di viaggio, forniremo ai nostri clienti servizi di qualità senza pari".

Riguardo ai singoli traffici serviti dall'alleanza, la CMA CGM ha detto che i traffici transpacifici disporranno di 20 circuiti, 145 scali settimanali e 52 porti, assicurando "la più esaustiva copertura di mercato e consistenza geografica per circuito, con tempi di viaggio ottimizzati per i principali mercati".

La CMA CGM sarà il principale protagonista con i suoi marchi CMA CGM ed APL.

In relazione ai traffici Asia-Nord Europa, l'alleanza effettuerà operazioni con 6 circuiti, 79 scali settimanali e 31 porti e la CMA CGM afferma che i clienti trarranno vantaggio da una migliore frequenza e dall'aumento della copertura.

Nei traffici transatlantici, effettuerà operazioni con 3 circuiti, 34 scali settimanali e 21 porti, compresa "una esaustiva copertura dell'Europa settentrionale, con servizi diretti da tutti i paesi del Mediterraneo occidentale, un'estesa soluzione intermodale messicana e un collegamento alla volta del Mediterraneo orientale, dell'Adriatico, del Mar Nero e del Nord Africa attraverso lo hub di Malta".

Per quanto attiene i traffici Asia-Mediterraneo, effettuerà operazioni con 4 circuiti, 67 scali settimanali e 33 porti, con i clienti che trarranno vantaggio da "collegamenti senza soluzione di continuità con tutti i porti sussidiari del Mediterraneo mediante un'estesa rete di raccordo che consente collegamenti con 4 circuiti nello hub dedicato della CMA CGM di Singapore e la copertura del Nord Africa con 13 feeder e 15 scali settimanali".

Nei traffici Asia-Mar Rosso, effettuerà operazioni con 2 circuiti, 21 scali settimanali e 12 porti.

Per finire, nei traffici Asia-Medio Oriente, effettuerà operazioni con 5 circuiti, 55 scali settimanali e 25 porti.

Dichiara la CMA CGM: "Ci saranno una piena copertura ed i migliori tempi di viaggio del mercato con scali diretti in Corea, in Cina, a Taiwan ed in più porti del sud-est asiatico.

Ci saranno scali diretti nel Golfo medio-orientale al servizio di 8 paesi e fornendo l'accesso ad una estesa rete di raccordo che assicura collegamenti senza problemi".

Secondo la CMA CGM, le rotazioni di servizio inerenti al prodotto "Day One" sono quelle riscontrabili consultando il sito:

http://www.lloydsloadinglist.com/freight-directory/news/Ocean-Alliance-unveils-plans-for-world's-largest-container-network/67916.htm#.WBxNOV9d670
(da: lloydsloadinglist.com, 3



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail