ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

23 de noviembre de 2020 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 17:41 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 31 GENNAIO 2017

PROGRESSO E TECNOLOGIA

IL VARO IN EUROPA DELL'E-CMR

Il 23 gennaio il primo passaggio transfrontaliero di sempre ad utilizzare lettere di vettura elettroniche ha contraddistinto il varo della e-CMR (formato elettronico della convenzione relativa al contratto di trasporto merci stradale internazionale) fra Spagna e Francia.

Facendo parte di una più ampia strategia finalizzata a digitalizzare i sistemi di assistenza ai traffici, esso offre un aumento dell'efficienza ed una riduzione dei costi operativi.

Il segretario generale dell'IRU Umberto de Pretto afferma: "Lo scopo ultimo della lettera di vettura elettronica è quella di migliorare ulteriormente la qualità della filiera distributiva, con un potenziamento dell'efficienza e della visibilità.

Più stati membri la utilizzano, più il sistema diventa allettante, dal momento che i paesi che accettano la e-CMR usufruiranno di vantaggi reciproci".

Il lancio della e-CMR, organizzato congiuntamente dall'IRU, dalla spagnola ASTIC (Asociación de Transporte Internacional por Carretera) e dalla francese FNTR (Fédération Nationale des Transports Routiers) è partito da Huelva e ha viaggiato fino a Perpignano, attraversando la frontiera a Le Perthus.

Il viaggio di 1.300 km riguardava un trasporto di arance da parte del partner di trasporto Primafrio.

La lettera di vettura CMR cartacea è un documento ufficiale delle spedizioni fra mittenti e trasportatori.

Essa fornisce una traccia cartacea del trasferimento logistico ed è l'unico documento in possesso dell'autista del camion in relazione al carico trasportato.

Con l'e-CMR, gli operatori di trasporto saranno in grado di imputare dati elettronicamente, immagazzinare informazioni logistiche e scambiare dati in tempo reale.

Joaquin del Moral, direttore generale del Ministero Trasporti ed infrastrutture spagnolo, commenta al riguardo: "Nella sua qualità di uno dei primi paesi a ratificare il protocollo e-CMR, la Spagna è favorevole della lettera di vettura elettronica e pertanto supporta in pieno questa iniziativa per testarne ed analizzarne i vantaggi.

Essa rappresenta il futuro delle operazioni logistiche".

La tempestiva registrazione dei dati significa che le agenzie ricevono istantaneamente informazioni sulle merci che vengono trasportate, di modo che ogni azione richiesta di conseguenza, come i procedimenti legali iniziali, la fatturazione e persino le procedure di risposta agli incidenti, avvengono in modo più rapido e con minori costi.

L'iniziativa riduce altresì l'impatto ambientale dei traffici globali, utilizzando meno carta e minimizzando le esigenze di archivio.

Essa limita il potenziale di errore umano e può adottare piattaforme multilinguistiche per un applicazione internazionale senza soluzioni di continuità.

Il lancio, agevolato dalla TransFollow, è una importante nuova pietra miliare per l'innovazione costituita dalla e-CMR, avendo dimostrato che funziona ed è semplice da implementare ed utilizzare.

È probabile che esso spinga altri paesi ad aggregarsi, incrementando perciò il potenziale di vantaggi comuni.

Alain Vidalies, ministro dello stato francese per i trasporti, ha rimarcato nel corso del suo discorso conclusivo in occasione del 71° congresso della FNTR: "L'adesione del governo francese al protocollo aggiuntivo alla Convenzione CMR a gennaio del 2017 manda un potente messaggio al settore del trasporto merci.

Esso mostra un forte impegno ad incoraggiare operazioni della filiera distributiva più fluide ed a sua volta alla promozione della crescita e della competitività.

Noi guardiamo avanti per riscontrare - in termini pratici - i vantaggi che la e-CMR apporterà al settore della logistica in Francia.

Si tratta del primo passo verso operazioni di trasporto completamente digitali che noi intendiamo impiegare nei mesi a venire".

Le regole per il trasporto di merci a livello internazionale sono previste dalla Convenzione delle Nazioni Unite per il trasporto di merci, cioè la CMR (convenzione relativa al contratto di trasporto merci stradale internazionale).

Gli operatori di trasporto, gli autisti ed i ricevitori delle spedizioni utilizzano una lettera di vettura CMR, che contiene le informazioni inerenti alle merci spedite ed alle parti che le trasportano e le ricevono.

Fino a poco tempo fa, le lettere di vettura CMR venivano rilasciate solamente in formato cartaceo.

A febbraio del 2008, è stato aggiunto un protocollo alla Convenzione CMR concernente l'uso della lettera di vettura elettronica.

Questo protocollo è entrato in vigore il 5 giugno 2011 e fino a questo momento lo hanno accettati undici paesi.

Solo il mese scorso la Francia ha aderito alla e-CMR e gli altri paesi che si sono già aggregati sono Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Lettonia, Lituania, Paesi Bassi, Slovacchia, Spagna e Svizzera.
(da: transportjournal.com/iru.org, 23 gennaio 2017)



PSA Genova Pra'


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it