ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

27 October 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 04:42 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 15 FEBBRAIO 2017

TRASPORTI ED AMBIENTE

L'ETI ACCONSENTE A FINANZIARE LO SVILUPPO DI SISTEMI AD ENERGIA EOLICA AL FINE DI RIDURRE LE EMISSIONI DELLE NAVI MERCANTILI

L'ETI (Energy Technologies Institute) finanzierà lo sviluppo di sistemi a rotore flettner per le navi mercantili, sostenendo che l'energia eolica rappresenta il solo modo credibile per ridurre le emissioni di CO2 del trasporto marittimo.

Un sistema a rotore flettner utilizza un cilindro rotante per convertire la forza del vento in una spinta che contribuisca a far muovere la nave.

L'ETI è un partenariato pubblico-privato fra imprese specialiste in energia ed ingegneria globale ed il governo del Regno Unito e funge da collegamento fra ambiente accademico, industria e Whitehall per accelerare lo sviluppo di tecnologie a basso contenuto di carbonio.

Nel proprio rapporto "HDV Marine Insights", l'ETI afferma che i carburanti non fossili, fra cui il nucleare, non rappresentano una fonte energetica credibile nel medio-lungo termine ai fini della riduzione delle emissioni del settore, che secondo le previsioni dell'IMO (International Maritime Organisation) potrebbero incrementarsi del 250% rispetto al livello del 2011 da qui al 2050.

L'IMO ha dichiarato che la riduzione del consumo di carburante, piuttosto che cercare di eliminare del tutto i carburanti fossili, è un modo più plausibile al fine di ridurre le emissioni proprie dello shipping.

Stuart Bradley, direttore strategie dell'ETI ed autore del rapporto, ha dichiarato a The Loadstar che una combinazione di sistemi di rotori flettner, recupero del calore residuo e propulsione ad alta efficienza potrebbe comportare un risparmio di carburante del 30%, al quale i rotori flettner contribuirebbero per il 17%.

"Il trasporto marittimo emette quantitativi notevoli di CO2 che, senza un intervento, aumenteranno nella proporzione delle nostre emissioni nazionali man mano che gli altri settori diventano meno dipendenti dal carbonio" afferma Bradley.

"A differenza dei settori dell'energia e del calore e di altre modalità di trasporto, in questo settore non sembra esserci un'alternativa credibile ai carburanti fossili per alimentare le navi.

Così nel medio-lungo termine, il potenziale migliore allo scopo di conseguire reali riduzioni di CO2 è quello di ridurre il consumo di carburante".

Anche l'Università di Delft nei Paesi Bassi ha pubblicato un rapporto, su incarico della Commissione Europea, sui sistemi ad energia eolica che suggerisce come i rotori flettner potrebbero far risparmiare qualcosa come il 23% a seconda della velocità.

Il suo rapporto, "Analysis of Market Potentials and Market Barriers for Wind Propulsion Technology" afferma che ogni sistema per avere successo dovrebbe superare quattro barriere: i vettori devono essere in grado di dotare le navi di tale tecnologia; il sistema deve offrire efficienze in termini di costi; l'armatore deve poter essere sicuro di queste efficienza; infine, gli armatori devono essere in grado di finanziare l'acquisizione e l'installazione di ogni sistema.

Bradley è d'accordo, affermando che la tecnologia dev'essere dimostrabile affinché il settore possa avere la fiducia necessaria ad effettuare gli investimenti richiesti.

Gavin Allwright, segretario generale della IWSA (International Windship Association) ha dichiarato a The Loadstar che la decisione dell'operatore finlandese Viking Line di installare due vele a rotore Norsepower - un aggiornamento del rotore flettner - su una delle sue navi di linea indica che il settore sta venendo a patti con i sistemi ad energia eolica.

L'accordo è stato annunciato recentemente nel corso del mese e Ulf Hagström, vice presidente anziano delle operazioni e nuove costruzioni marittime della Viking Line sostiene: "La nostra nave da crociera è la prima ad utilizzare una combinazione di carburanti puliti alternativi, moderne vele a rotore, propulsione elettrica ed uno scafo ottimizzato dal punto di vista idrodinamico.

Noi crediamo nella capacità della tecnologia di potenziare le prestazioni della nostra nave consentendo significative riduzioni del consumo di carburante e dei costi, così come delle emissioni di carbonio".

Aggiunge Allwright: "Sembra che il mercato abbia già deciso che c'è posto per i rotori flettner e questa è la conseguenza dell'aumento di fattibilità per questa tecnologia negli ultimi anni con navi operative ed aspettative di ulteriori affidamenti ed ordinazioni nel corso del 2017" ha detto.

"La E-Ship 1 della Enercon è in mare da sette anni; questa nave non è stata dotata in seguito ma costruita da zero con quattro rotori flettner e sebbene la ditta ne abbia sospeso l'ulteriore sviluppo - essendosi ammalato il responsabile - essa ha dichiarato un risparmio di carburante del 15%".

L'anno scorso, l'ETI ha chiesto alle imprese di effettuare proposte per lo sviluppo di un sistema di rotore flettner che possa conseguire un risparmio di carburante di almeno il 10%".

Prossimamente, l'ETI cercherà di definire i costi comportati dallo sviluppo ed andrà avanti con ditte selezionate allo scopo di consegnare una dimostrazione in scala reale su una grande nave attiva nei traffici internazionali nei prossimi tre anni.
(da: theloadstar.co.uk, 27 gennaio 2017)



PSA Genova Pra'


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail