ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

25 novembre 2017 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 03.09 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXXV - Numero 31 AGOSTO 2017

TRASPORTO INTERMODALE

TRAFFICI STRADA-ROTAIA SULL'ADRIATICO IN ITALIA

Dopo molti anni di attesa, i principali operatori di trasporto merci ferroviario attivi sulla costa adriatica italiana hanno annunciato nuovi servizi per i semirimorchi.

Fino adesso il trasporto ferroviario intermodale lungo l'Adriatico è stato limitato ai contenitori, a causa delle limitazioni alla sagoma, ma la RFI, autorità italiana di gestione delle infrastrutture ferroviarie, sta per completare i lavori di allargamento della fondamentale strettoia del tunnel di Ortona, nei pressi di Pescara.

Il suo completamento è previsto per la fine di quest'anno, aprendo così l'intera linea alla sagoma di carico P400.

In attesa del nuovo sviluppo, la GTS di Bari ha lanciato un servizio di carri a tasca P386 sulle tratte adriatiche coperte dal gruppo (Bari-Bologna-Padova e Bari-Piacenza-Milano) con 16 coppie di treni settimanali e promette relazioni di viaggio da porta a porta comparabili a quelle su strada.

"Con il nuovo servizio P386 prevediamo almeno tre coppie di treni in più entro la fine dell'anno" afferma Alessio Muciaccia, amministratore delegato della GTS.

Inoltre, la ISC (Interporto Servizi Cargo) ha introdotto un servizio di semirimorchi dalla Puglia al nord.

La ICS, che fa parte dell'Interporto Campano di Nola nei pressi di Napoli, si concentra sui treni da Verona a Giovinazzo (Bari) in partenariato con il Lugo Terminal.

"Questo nuovo servizio consentirà ai semirimorchi movimentati dai traghetti greci e turchi di essere trasportati da e per il Regno Unito, il Benelux, la Germania e la Scandinavia via Verona grazie agli affermati servizi del Verona Quadrante Europa" ha spiegato la ISC in un comunicato stampa.

La ISC sarà altresì la prima società di trasporto merci ferroviario ad introdurre servizi P400 sulla costa tirrenica grazie ad un accordo con la RFI che le darà accesso alla linea ad alta velocità dal 2019 in poi.

Infine, la Hupac ha annunciato un servizio di sagoma P386 da Bari a Busto Arsizio, il suo grande hub ferroviario al confine con la Svizzera.

Restano alcuni problemi sulle sezioni Busto-Bologna e Pescara-Bari che le limitano al profilo C45/P364, ma è possibile ottenere permessi fuori-sagoma per spedizioni fino a P386.

La Hupac ha in programma l'effettuazione di tre coppie di treni alla settimana da Busto al terminal Ferruccio della FSI a Bari.

Un servizio di semi-rimorchi da Pescara a Novara destinato al Nord Europa è iniziato alcuni mesi fa ad opera della IFR S.r.l. di Pescara e della MVT Italia S.r.l. di Novara.

Quest'ultima fa parte della Michel Verscheure Transport BVBA di Anversa.
(da: worldcargonews.com, 5 agosto 2017)



CONTRANS ABB Marine Solutions Evergreen Line
Est Europea Servizi Terminalistici
Salerno Container Terminal
Consorzio ZAI    


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail