ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 settembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 02:55 GMT+2



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 30 GIUGNO 2019

PORTI

VEICOLI AUTONOMI: LA IAPH PUBBLICA UN RAPPORTO RIGUARDO ALL'IMPATTO SUI PORTI

Mentre la MSC (Maritime Safety Committee) dell'IMO la scorsa settimana a Londra ha consegnato un lavoro preliminare circa un esercizio normativo esplorativo per il trasporto marittimo autonomo, la IAPH pubblica le conclusioni di un rapporto preliminare sulle implicazioni dei veicoli autonomi terrestri, marittimi ed aerei per i porti.

La IAPH (International Association of Ports and Harbors) ha pubblicato uno studio condotto dalla Fraunhofer CML in collaborazione con l'Autorità Portuale di Amburgo sull'impatto dei veicoli autonomi (marittimi, aerei e terrestri) rispetto alle esigenze infrastrutturali portuali.

Il rapporto analizza in maniera assai dettagliata l'impatto degli attuali sviluppi a breve, medio e lungo termine nella tecnologia dei veicoli autonomi riguardo ai porti.

Il rapporto raccomanda l'investimento proattivo in appropriate infrastrutture nei porti nel breve termine.

Tuttavia, esso riconosce altresì che i rapidi progressi nell'autonomia dei veicoli (specialmente per quanto attiene i veicoli senza equipaggio di superficie, sottomarini ed aerei) stanno creando l'incertezza in ordine agli specifici requisiti per i porti in cui si intersecano traffici stradali, ferroviari ed aerei.

Il direttore generale della IAPH Patrick Verhoeven commenta: "Gli irrevocabili progressi nel campo dei veicoli autonomi, e specialmente quelli nelle navi di superficie, significano che i porti dovranno adattare i propri sistemi, processi ed infrastrutture di ormeggio a terra al fine di soddisfare in modo sicuro ed efficiente le loro esigenze.

Tuttavia, la storia non finisce qui.

Attualmente, presso i porti associati alla IAPH, vengono impiegati droni per la sicurezza e la manutenzione.

Vengono utilizzati anche droni sottomarini per le ispezioni alle navi e la loro manutenzione.

Veicoli autonomi sono già operativi nell'ambito di aree chiuse presso alcuni dei più avanzati porti mondiali come Singapore e Rotterdam, mentre sono in programma prove finalizzate all'uso da parte della ferrovia e della strada di reti 5G al di là dei varchi portuali.

Il nostro rapporto mostra che l'automazione del trasporto marittimo è solo un aspetto, poiché i porti devono confrontarsi con molti elementi in più dell'automazione".

L'IMO definisce un esercizio esplorativo riguardo all'uso delle MASS (Navi di Superficie Autonome Marittime)

La 101a sessione della MSC (Maritime Safety Committee) sta ora redigendo il proprio rapporto definitivo in seguito alle sessioni svoltesi la settimana scorsa presso la sede dell'IMO a Londra.

Esso comprende i progressi in ordine all'esercizio normativo esplorativo condotto in relazione all'uso di MASS (Navi di Superficie Autonome Marittime).

La Commissione ha istituito il Gruppo di Lavoro MASS allo scopo di ultimare la redazione di linee guida provvisorie per le prove su MASS che utilizzano una piattaforma internet che dovrebbe essere completata nel 2020.

Il Gruppo fornirà commenti sui principi preliminari delle linee guida provvisorie in ordine alle prove su MASS, così come proposte per lo sviluppo di quelle linee guida, concentrandosi sul reclutamento in sicurezza, nonché la formazione e la certificazione degli operatori responsabili della gestione o del controllo di una nave.

Nel contempo la IAPH sta contattando i porti suoi associati al fine di ricevere contributi paralleli in relazione ai pilotaggi attualmente in corso su veicoli autonomi.

Collegare in pratica l'interfaccia bordo-terra

Il direttore generale della IAPH Patrick Verhoeven conclude: "Nelle sue considerazioni conclusive in occasione della 101a Maritime Safety Committee dell'IMO, il segretario generale Kitack Lim ha accolto favorevolmente i notevoli progressi dell'esercizio normativo esplorativo sull'uso delle navi di superficie autonome marittime, compresi i preparativi in vista della riunione del Gruppo di Lavoro Intersessionale MASS a settembre e l'approvazione delle Linee Guida Provvisorie per le prove su MASS.

La IAPH guarda lontano per aggiungere la voce del settore portuale al fine di assicurare un approccio di collaborazione fra nave e terra con l'IMO per l'impiego dei veicoli autonomi a terra, in mare ed in aria".
(da: hellenicshippingnews.com, 19 giugno 2019)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail