ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

14 dicembre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 06:54 GMT+1



24 agosto 1998

I demolitori indiani temono di non poter più acquistare navi USA

Il Congresso sta infatti discutendo una legge che proibisce la vendita di navi da demolire a paesi che non osservano norme di sicurezza

La Camera USA dei Rappresentanti sta discutendo una legge che di fatto proibisce la vendita di vecchie navi americane per la demolizione a nazioni come India, Pakistan e Bangladesh, che non hanno leggi e regolamenti per la protezione dell'ambiente e dei lavoratori impegnati nei cantieri di demolizione. Il Senato ha già approvato la legge.

La direzione del cantiere indiano di Alang, il più grande complesso di demolizione del mondo, afferma che la legge sarebbe un duro colpo per il cantiere, che non potrebbe più acquistare navi dall'US Navy, dall'US Maritime Administration e da altre agenzie. Circa 180 navi che appartengono a queste agenzie statunitensi dovrebbero essere inviate in India per essere smantellate.

In India, Pakistan e Bangladesh le navi vengono demolite manualmente usando strumenti rudimentali, e questo si traduce spesso in gravi ferite e nella perdita della vita per molti lavoratori. Proprio il cantiere di Alang è stato accusato da gruppi ecologici come Greenpeace di non badare alla salute di migliaia di lavoratori.

Il governo indiano l'anno scorso ha varato una alcune severe normative dopo una serie di incidenti mortali, evidentemente considerate non sufficienti dall'amministrazione USA. In India c'è quindi forte timore per il varo della nuova legge americana: un direttore di cantiere indiano ha detto che dovrebbero essere indotti ad Alang regolamenti che soddisfino le richieste statunitensi. Non vi sono alternative, "sarebbe una catastrofe".

Molti cantieri non avrebbero comunque risorse finanziarie sufficienti per acquistare mezzi moderni da impiegare nel lavoro di demolizione. Del resto i lavoratori hanno detto di opporsi all'introduzione di nuove tecnologie se vi saranno conseguenti perdite di posti di lavoro.




ABB Marine Solutions Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Le pagine saranno aperte in una nuova finestra del browser






Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail