ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 settembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 09:09 GMT+2



9 gennaio 2008

NYK rallenterà la velocità delle proprie navi per far fronte all'impennata del costo del combustibile

«Dobbiamo pensare a gestire il gruppo - ha sottolineato il presidente Miyahara - con la consapevolezza che siamo entrati in un'era di prezzi del fuel così alti»

Il piano di contenimento dei costi del gruppo armatoriale Nippon Yusen Kaisha (NYK) prevede la riduzione della velocità delle navi della flotta per diminuire il consumo di combustibile. «Un rallentamento del 10% della velocità dei viaggi - ha rilevato il presidente del gruppo giapponese, Koji Miyahara - determinerà un risparmio di oltre il 25% del fuel e una riduzione delle emissioni di CO2. Oltre a queste misure sono necessari sforzi costanti per migliorare il modello di business, sforzi come quello per rivedere la struttura dei noli con la comprensione da parte dei clienti».

Miyahara ha ricordato che cinque anni fa, nell'anno fiscale conclusosi nel marzo 2003, il prezzo del bunker era stato fissato a 164 dollari alla tonnellata nell'ambito dei risultati del gruppo, mentre nella seconda metà dell'esercizio fiscale 2007, che si concluderà alla fine del prossimo marzo, si prevede che il prezzo del bunker sarà fissato a 430 dollari alla tonnellata. Inoltre - ha sottolineato il presidente della NYK - il prezzo del bunker in Giappone e a Singapore è ulteriormente cresciuto avvicinandosi a 500 dollari alla tonnellata. «Ed ora che il prezzo del fuel ha raggiunto il livello non previsto di 500 dollari - ha osservato - ritengo che dobbiamo pensare a gestire il gruppo NYK con la consapevolezza che siamo entrati in un'era di prezzi del fuel così alti».

Il gruppo NYK prevede che le proprie acquisizioni di fuel nell'intero anno fiscale 2007 ammonteranno a circa sei milioni di tonnellate. «Se compariamo semplicemente l'attuale prezzo di 500 dollari con il prezzo di 164 dollari di cinque anni fa ignorando la differenza dei volumi acquisiti - ha detto Miyahara - una stima approssimativa mostra una crescita di circa 230 miliardi di yen dei costi per il fuel. Inoltre si prevede che le spese per il fuel nel 2007 aumenteranno di circa 80 miliardi di yen rispetto all'anno precedente».

«In particolare - ha concluso Miyjahara - vorrei sottolineare che i sistemi sinora adottati non sono più in grado di far sì che le portacontainer che consumano grandi quantità di fuel continuino ad operare con margini di profitto. Se una singola nave portacontainer consuma giornalmente 200 tonnellate di fuel al costo di 500 dollari alla tonnellata, il suo costo relativo al fuel salirà fino a 100.000 dollari in un solo giorno. Ciò significa che è si sta verificando un drastico cambiamento nel tradizionale modello di business del trasporto marittimo».

PSA Genova Pra'

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail