ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

31 luglio 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 03.20 GMT+2



4 ottobre 2010

La Commissione UE avvia una consultazione pubblica sugli aiuti di Stato alla costruzione navale

L'obiettivo è di decidere se l'attuale normativa debba essere lasciata invariata, modificata o abrogata lasciandola scadere alla fine del 2011

inforMARE - La Commissione Europea ha lanciato una consultazione pubblica sull'applicazione della disciplina europea in materia di aiuti di Stato alla costruzione navale, che è entrata in vigore all'inizio del 2004 (inforMARE del 26 novembre 2003), è stata prorogata nel 2006 e nel 2008 e scadrà alla fine del 2011, con l'obiettivo di decidere se lasciarla invariata, modificarla o abrogarla lasciandola scadere alla fine del prossimo anno.

L'attuale normativa detta disposizioni specifiche in particolare per quanto riguarda l'uso e l'entità degli aiuti all'innovazione, fissando un tetto di finanziamento fino al 20% delle spese per l'innovazione rispetto al massimale precedente del 10% previsto dal regolamento del 1998 sugli aiuti alla costruzione navale. Inoltre include misure di agevolazione per la chiusura di cantieri in caso di capacità economicamente non sostenibili e la concessione di aiuti ai cantieri navali situati nelle regioni che presentano ritardi di sviluppo.

Dalle parole del vicepresidente della Commissione Europea, Joaquín Almunia, responsabile della Concorrenza, traspare l'intenzione di Bruxelles di verificare se gli aiuti al comparto sono ancora giustificati: «la costruzione navale - ha spiegato - è uno dei pochi settori ancora soggetti a un regime specifico di aiuti di Stato, in deroga alle disposizioni orizzontali applicabili agli altri settori. La Commissione effettuerà una valutazione spassionata per misurare l'impatto dispiegato fino ad ora dalla disciplina sulla costruzione navale. In questo modo sarà possibile stabilire se sia giustificato mantenere disposizioni specifiche a salvaguardia della concorrenza e continuare a promuovere l'innovazione nel settore».

Secondo la Commissione, dato che il settore della costruzione navale è ammissibile agli aiuti anche ai sensi delle disposizioni comunitarie ordinarie in materia, la consultazione dovrebbe in particolare contribuire a stabilire se sia tuttora necessario prevedere disposizioni specifiche per questo settore o se il suo regime di aiuti possa essere allineato alle norme applicabili agli altri settori. (iM)

FIORE
ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail