ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 settembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 22:46 GMT+2



20 gennaio 2011

Assologistica suggerisce alcune modifiche al testo unificato di riforma dei porti

Le sette proposte dell'associazione

inforMARE - Assologistica, l'associazione italiana delle imprese di logistica, magazzini generali e frigoriferi e terminal operators portuali, interportuali e aeroportuali, ha segnalato la necessità di alcune ulteriori modifiche ed integrazioni al testo unificato di riforma della legislazione in materia portuale recentemente definito con il lavoro svolto dalla Commissione Lavori Pubblici del Senato e dal suo presidente Luigi Grillo, a cui l'associazione ha rivolto il proprio apprezzamento.

Assologistica ha avanzato le seguenti proposte di modifica sotto forma di emendamenti motivati e presentati alla Commissione dalla confederazione dei trasporti Confetra:

  1. Sicurezza del lavoro: si propone che si evitino commistioni di responsabilità e che quindi risultino attribuiti con maggiore chiarezza ed in coerenza con la legislazione attuale, i poteri dell'Autorità Portuale sulla “safety” nelle operazioni portuali.
  1. Classificazione dei porti: si ripropone che vengano normativamente identificate le peculiarità dei porti di transhipment.
  1. Porti sede di Autorità Portuale: si propone di confermare la vigente previsione per la soppressione di eventuali enti inutili, si apprezza particolarmente la possibilità di aggregazione di più porti.
  1. Servizi tecnico-nautici: si ripropone di distribuire più equamente tra tutti i potenziali beneficiari i costi delle disposizioni dell'Autorità Marittima per la sicurezza (safety), modificando leggermente l'accordo interassociativo intervenuto tra le organizzazioni più direttamente interessate e recepito nel Testo Unificato.
  1. Pool di manodopera: si propone, per evitare in alcune aree del Paese infiltrazioni mafiose nelle gare pubbliche per l'erogazione del lavoro temporaneo, che le Agenzie possano essere costituite dagli imprenditori del porto.
  1. Organizzazione del lavoro portuale: si propone, fermo restando i limiti di legge, di cassare formulazioni che potrebbero rappresentare limitazioni alla potestà organizzativa del concessionario da parte delle Autorità Portuali.
  1. Previsioni relative alla scadenza delle concessioni: in considerazione del tempo trascorso dalla applicazione della legge 84/94 e con l'avvicinarsi della scadenza di numerose concessioni, si propone che nella procedura di evidenza pubblica per la riassegnazione di una concessione scaduta, l'AP debba prevedere che l'eventuale subentrante compensi gli investimenti non ammortizzati effettuati dal concessionario uscente e riconosca un valore di avviamento. Ciò ad evitare la riduzione o la sospensione degli investimenti ed il rallentamento dell'attività commerciale negli ultimi anni di durata della concessione, con conseguenti perdite di efficienza e di produttività e pregiudizio, quindi, per il porto e gli utenti. (iM)

PSA Genova Pra'

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail