ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 luglio 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 09:29 GMT+2



27 aprile 2011

Nel primo trimestre di quest'anno i nuovi ordini di ABB sono aumentati del 28%

Il gruppo ha chiuso il periodo con un utile netto di 655 milioni di dollari (+41%)

Nel primo trimestre di quest'anno il gruppo elvetico ABB ha registrato una sensibile progressione dei risultati economici. Il bilancio del periodo mostra un utile netto di 655 milioni di dollari su ricavi per 8.402 milioni di dollari, con incrementi rispettivamente del 41% e del 21% su 464 milioni e 6.934 milioni di dollari nei primi tre mesi del 2010. L'utile operativo (EBIT) è ammontato a 1.013 milioni di dollari (+43%). L'azienda ha precisato che l'EBIT include oneri per 107 milioni di dollari determinati dall'acquisizione della statunitense Baldor Electric, che è stata portata a termine alla fine dello scorso gennaio.

«I nostri risultati - ha commentato oggi l'amministratore delegato di ABB, Joseph Hogan - dimostrano che stiamo progredendo sia in termini di crescita che di profitti. Stiamo perseguendo con successo settori di crescita e l'acquisizione della Baldor ha offerto un grande contributo ai risultati. Inoltre la nostra inferiore base di costo ha continuato a premiarci accrescendo i profitti dei nostri settori di crescita e consolidando i margini laddove siamo ancora in attesa di una ripresa». «Guardando al futuro - ha proseguito Hogan - ci attendiamo che la prosecuzione della consistente domanda industriale sostenga le nostre attività nelle prime fasi del ciclo di produzione e vediamo segnali positivi nel fatto che le nostre attività legate alle infrastrutture sia nel settore energetico che dell'automazione sono sulla via di un recupero nel corso di quest'anno. I principali fattori di crescita a lungo termine di ABB, cioè la crescente necessità di efficienza energetica, la produttività industriale e infrastrutture energetiche più affidabili sia nelle economie mature che in quelle emergenti, rimangono inalterati».

Nei primi tre mesi del 2011 il gruppo ha totalizzato nuovi ordini per un valore complessivo di 10.357 milioni di dollari, con un aumento del 28% rispetto a 8.067 milioni di dollari nel primo trimestre dello scorso anno. Il valore del portafoglio ordini al 31 marzo scorso era di 29.265 milioni di dollari rispetto a 25.454 milioni di dollari al 31 marzo 2010.

Nel primo trimestre di quest'anno la filiale italiana ABB Italia ha registrato ordini pari a 731 milioni di euro, con un aumento del 57% rispetto a 466 milioni di euro nello stesso periodo del 2010. I ricavi dell'azienda sono cresciuti del 28% attestandosi a 653 milioni di euro rispetto a 512 milioni di euro nel primo trimestre del 2010. ABB Italia ha reso noto che è aumentata anche la propria redditività, mentre la percentuale di export sui ricavi si è attestata al 55%, ed è proseguita anche la crescita delle attività di service che sono aumentate del 23% rispetto al 2010.

«Iniziamo l'anno - ha commentato Barbara Frei, country manager e amministratore delegato di ABB Spa - con un passo decisamente positivo che riguarda tutti i business nei quali siamo impegnati. Sia sul fronte del business corrente che su quello delle grandi commesse, il primo trimestre del 2011 evidenzia la prosecuzione di un percorso di crescita diffusa nei nostri ambiti strategici quali sono l'energia, l'automazione e l'innovazione».


Evergreen Line
Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail