ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 aprile 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 21.39 GMT+2



8 giugno 2012

Bureau Veritas interrompe l'erogazione di servizi alle compagnie marittime dell'Iran

Wallace (United Against Nuclear Iran) ha ringraziato i dirigenti della società francese «per aver assunto questa rapida e responsabile misura»

L'agenzia di stampa Reuters ha reso noto che la società francese di classificazione e certificazione Bureau Veritas (BV), sulla scia della crescente pressione delle sanzioni adottate contro l'IRAN per bloccare lo sviluppo del programma nucleare della nazione mediorientale, ha deciso di interrompere l'erogazione di propri servizi alle compagnie marittime iraniane così come ha fatto lo scorso aprile la società britannica Lloyd's Register.

La Reuters ha diffuso un comunicato dell'azienda francese nel quale dichiara che «le uniche attività nel settore marittimo che Bureau Veritas ha mai esercitato a bordo di navi in Iran o di proprietà di compagnie iraniane è quella della classificazione di navi, che attengono esclusivamente alla sicurezza e alla prevenzione dell'inquinamento marino, ovvero per la sicurezza e la salvaguardia degli interessi di terze parti».

Ciononostante - prosegue la nota diffusa dall'agenzia di stampa - «Bureau Veritas ha assunto la decisione di cessare tutte le attività di tipo marittimo sulle navi di proprietà iraniana al fine di evitare qualsiasi tipo di fraintendimento». Tali attività erano svolte per le navi delle compagnie iraniane Islamic Republic of Iran Shipping Lines (IRISL) e National Iranian Tanker Company (NITC).

La notizia è stata accolta con favore dall'United Against Nuclear Iran (UANI), un'organizzazione che si oppone alla prosecuzione del programma nucleare iraniano. Nei giorni scorsi la UANI, con una lettera del suo presidente, Mark Wallace, ex ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite, indirizzata all'amministratore delegato di Bureau Veritas, Didier Michaud-Daniel, aveva sollecitato l'azienda francese a cessare la certificazione di navi iraniane accusando la società francese di aver assunto negli ultimi mesi «una serie di decisioni irresponsabili e illegali certificando navi che altri fornitori di certificazioni come il Lloyd's Register e il Det Norske Veritas hanno sospeso a causa delle sanzioni statunitensi ed europee. Ora Bureau Veritas - aveva denunciato la UANI - offre la certificazione ad almeno una dozzina di navi dell'IRISL e ad undici petroliere della NITC». Wallace aveva chiesto a Michaud-Daniel di comunicare entro oggi alla UANI le intenzioni di Bureau Veritas rispetto alle proprie attività in Iran.

Oggi la stessa UANI ha confermato che Bureau Veritas «ha deciso di dismettere totalmente tutte le attività nel settore marittimo connesse all'Iran» e che tale decisione riguarda «tutte le navi dell'IRISL e delle sue controllate, indipendentemente dalla loro bandiera», nonché tutte le navi della NITC. Wallace ha ringraziato i dirigenti della società francese «per aver assunto questa rapida e responsabile misura».

Bari Port Authority

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail