ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

22 luglio 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 11.25 GMT+2



21 giugno 2012

Ok della giunta comunale di Livorno all'ordinanza della Capitaneria di Porto in deroga al decreto “anti inchino”

La deroga - ha spiegato l'assessore Grassi - consente la piena operatività del porto di Livorno

La giunta comunale di Livorno ha espresso parere favorevole alla bozza di ordinanza predisposta dalla locale Capitaneria di Porto in deroga al cosiddetto “decreto anti inchino”, il provvedimento interministeriale del 2 marzo emanato dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti e dal ministero dell'Ambiente a seguito del naufragio della nave da crociera Costa Concordia all'isola del Giglio per disciplinare il transito delle navi in prossimità delle coste. L'ordinanza della Capitaneria di Porto di Livorno, pur tesa a garantire in sicurezza la navigazione nel circondario marittimo di Livorno e in particolare in prossimità dell'isola di Gorgona e delle Secche della Meloria, prevede per le navi mercantili dei limiti differenti da quanto stabilisce il decreto interministeriale.

Il decreto interministeriale - ha ricordato l'assessore comunale alla Valorizzazione del territorio e all'ambiente, Mauro Grassi - ha istituito per le navi mercantili adibite al trasporto di merci e passeggeri superiori alle 500 tonnellate di stazza lorda, il divieto di navigazione, ancoraggio e sosta nella fascia di mare che si estende per due miglia marine dai perimetri esterni dei parchi e delle aree protette nazionali, marini e costieri, e all'interno dei medesimi perimetri, ma la Capitaneria di Porto di Livorno, in relazione ai traffici marittimi e alle caratteristiche morfologiche del territorio livornese, ha ritenuto necessario individuare soluzioni più confacenti rispetto alle criticità operative derivanti dall'introduzione di questi divieti, concertandole con gli enti locali, fra i quali il Comune di Livorno.

In particolare, per le “Secche della Meloria”, l'ordinanza della Capitaneria prevede di limitare il transito delle navi mercantili in una fascia di mare larga due miglia, in adiacenza al perimetro esterno della zona C prevista dal decreto 21 ottobre 2009. Viene invece derogata un area contigua al cono di ingresso e di uscita delle navi dal porto di Livorno evitando di estendere la fascia nell'area sud del perimetro. Per l'isola di Gorgona si vieta la navigazione, l'ancoraggio e la sosta di navi mercantili superiori a 500 tsl nella fascia di mare che si estende per 0,7 miglia dal perimetro esterno del limite a mare del Parco dell'Isola di Gorgona così come previsto dal decreto del 22 luglio1996. Il canale di accesso/uscita dal porto che permette lo sbarco di merci e passeggeri in possesso delle necessarie autorizzazioni, sarà disciplinato a parte.

“Siamo assolutamente favorevoli al decreto “anti inchino” - ha spiegato l'assessore Grassi - in quanto è finalizzato alla sicurezza della navigazione e dell'ambiente, in particolare perché disastri come quello della Concordia non si ripetano. Siamo altresì favorevoli alla deroga predisposta dalla Capitaneria perché individua un “corridoio” che consente la piena operatività del porto di Livorno. Per questo, dopo gli approfondimenti effettuati dall'ufficio Ambiente del Comune, l'amministrazione ha inviato all'Autorità Marittima il proprio parere favorevole».

FIORE
ABB Marine Solutions
Salerno Container Terminal

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail