ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 novembre 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 06.45 GMT+1



20 luglio 2012

La cessione di Tirrenia a CIN dovrebbe superare il pericolo del paventato spezzatino

Filt Cgil, , Fit Cisl, e Uiltrasporti: ora si apre una esigenza di grande attenzione da parte del sindacato

La sottoscrizione dell'atto finale di acquisizione di Tirrenia da parte di Compagnia Italiana di Navigazione (CIN) ( del 20 luglio 2012) è un fatto «certamente positivo in quanto dovrebbe superare il pericolo del paventato spezzatino che tanto ha preoccupato i lavoratori ed il sindacato confederale. Lo hanno rilevato i segretari generali di Filt Cgil, Franco Nasso, Fit Cisl, Giovanni Luciano e Uiltrasporti, Luigi Simeone, precisando che «certamente, ora si apre una esigenza di grande attenzione da parte del sindacato alle problematiche che potrebbero emergere. Ci riferiamo - hanno spiegato - all'assetto della flotta, alla garanzia occupazionale per il personale, alle condizioni contrattuali, ecc».

«Vi è poi - hanno osservato ancora i rappresentanti dei sindacati - un altro aspetto certamente collegato all'operazione di privatizzazione Tirrenia che riguarda il cabotaggio nazionale nel suo complesso che, com'è noto, sta attraversando un forte periodo di difficoltà dovuto anche alla crisi economica in atto, al forte calo del turismo nel collegamento con le isole, ecc. Anche su questo versante il sindacato confederale si impegnerà e dedicherà la dovuta attenzione sapendo che complessivamente il cabotaggio nazionale è un'area fondamentale di occupazione per i marittimi italiani».



ABB Marine Solutions

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail