ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 ottobre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 15:09 GMT+2



28 ottobre 2016

L'IMO conferma il 2020 come data per l'introduzione di combustibili più puliti per le navi

Soddisfazione della Commissione Europea e dell'ESPO

Il Comitato per la protezione dell'ambiente marino (MEPC) dell'International Maritime Organization (IMO), riunitosi ieri e oggi a Londra, ha confermato che il 1° gennaio 2020 sarà la data di entrata in vigore del limite del tenore di zolfo pari dello 0,50% in massa per i combustibili ad uso marittimo. L'IMO ha sottolineato che si tratta di «una decisione storica sia per l'ambiente e che per la salute umana». Il limite massimo del tenore di zolfo attualmente in vigore, ad eccezione di limiti inferiori per le aree di controllo delle emissioni, è del 3,50%, limite che è stato in vigore il 1 ° gennaio 2012.

La data del 2020 è stata concordata negli emendamenti alla convenzione Marpol approvati nel 2008 e l'IMO ha ricordato che quando sono state adottate tali modifiche si è anche convenuto che entro il 2018 avrebbe dovuto essere effettuata una revisione al fine di valutare se il fuel oil con queste caratteristiche era disponibile in vista dell'entrata in vigore del limite più rigoroso e che, in caso contrario, la data avrebbe potuto essere rinviata al 2025. Tuttavia la revisione è stata completata nel 2016 ed è stata trasmessa al MEPC che ha quindi potuto assumere una decisione fissando la data al 1° gennaio 2020.

Soddisfazione per la decisione dell'IMO è stata espressa da Vileta Bulc: «tre settimane dopo l'accordo sul trasporto aereo a Montreal - ha evidenziato il commissario europeo ai Trasporti - lo slancio per un'azione globale sul clima continua ad essere rilevante. L'accordo di oggi è una pietra miliare per il settore de trasporto più pulito. La raccolta dei dati - ha osservato Bulc - è un primo passo importante ed è anche molto positivo che abbiamo iniziato una discussione su un equo contributo dello shipping all'impegno per il clima. La Commissione Europea continuerà a lavorare a stretto contatto con l'International Maritime Organization e tutti i suoi membri al fine di un settore del trasporto marittimo competitivo e sostenibile».

Anche l'associazione dei porti europei ha accolto con favore la delibera del comitato dell'IMO: «è evidente - ha rilevato Isabelle Ryckbost, segretario generale dell'European Sea Ports Organisation (ESPO) - che porre un limite al tenore di zolfo per le emissioni di scarico può avere un enorme impatto sulla qualità dell'aria a livello locale. Questa decisione rappresenta dunque un grande passo avanti per il settore marittimo e portuale e per le persone che vivono attorno ai porti. Infatti il 90% dei porti europei sono molto vicini alle aree urbane. Inoltre, confermando il 2020, l'IMO dimostra che un'ambiziosa agenda ecologica è possibile a livello globale. Dobbiamo sperare - ha concluso Ryckbost - che l'IMO dimostri lo stesso grado di ambizione nell'affrontare il cambiamento climatico».

ABB Marine Solutions
Consorzio ZAI
Salerno Container Terminal

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail