ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

23 novembre 2017 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 10.12 GMT+1



1 settembre 2017

Martedì la prima riunione della Conferenza Nazionale di Coordinamento delle Autorità di Sistema Portuale

All'ordine del giorno la composizione degli Organismi di Partenariato della Risorsa Mare e Linee Guida per la Gestione dello Spazio Marittimo Europeo

Martedì prossimo si riunirà la Conferenza Nazionale di Coordinamento delle Autorità di Sistema Portuale, il nuovo organismo istituito dalle recenti norme di riforma della legislazione italiana sulla portualità che si è insediato lo scorso luglio e che ha il compito di coordinare e armonizzare a livello nazionale le scelte strategiche che attengono ai 15 sistemi portuali definiti dalla riforma ( del 21 luglio 2017).

Annunciando l'appuntamento, l'Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale ha reso noto che l'ordine del giorno verterà su due importanti questioni. La prima ha a che vedere con gli Organismi di Partenariato della Risorsa Mare, che ai sensi del decreto legislativo n. 169/2016 dovranno fungere da luogo di confronto tra il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale e le categorie economico-sociali, in precedenza rappresentate nei vecchi Comitati Portuali. Sarà la Conferenza Nazionale a definire i criteri per l'individuazione dell'associazione nazionale maggiormente rappresentativa con riferimento a ciascuna categoria.

Il secondo tema sono Linee Guida per la Gestione dello Spazio Marittimo Europeo, documento che è stato elaborato dal Tavolo Interministeriale di Coordinamento (TIC) istituito ai sensi del decreto legislativo n. 210 del 2016 che ha recepito la direttiva comunitaria n.89 del 2014 proponendosi di creare una maggiore coerenza tra le diverse attività che si svolgono in mare, sviluppando migliori strumenti regolamentari relativi alla pianificazione dello spazio marittimo e sfruttando in maniera ecologicamente ed economicamente sostenibile ed efficiente il potenziale dei mari e del settore marittimo. La Conferenza Nazionale dovrà valutarne i contenuti e verificare che le disposizioni della riforma portuale siano esposte correttamente al pari di quelle ambientali. Sarà poi il Comitato Tecnico del MIT, previsto dal decreto legislativo 201/2016, ad elaborare per ogni area marittima individuata i piani di gestione dello spazio marittimo. I piani elaborati dal Comitato Tecnico saranno poi sottoposti alla valutazione del TIC.

Nel corso della seduta della Conferenza Nazionale è previsto anche un intervento del capo della Struttura Tecnica di Missione sulle risorse pubbliche disponibili a valere sul Fondo Investimenti di cui all'articolo 1, comma 140, della legge di stabilità del 2017. Istituita con decreto del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 194 del 9 giugno 2015, la Struttura Tecnica di Missione ha compiti di indirizzo strategico, sviluppo delle infrastrutture e supporto alle funzioni di Alta Sorveglianza.

CONTRANS
ABB Marine Solutions
Evergreen Line
Est Europea Servizi Terminalistici
Salerno Container Terminal
Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail