ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

20 novembre 2017 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 16.30 GMT+1



19 ottobre 2017

I lavori di manutenzione straordinaria su Costa neoClassica saranno effettuati a Marsiglia anziché a Genova

Lo ha reso noto Costa Crociere motivando il trasferimento con lo stato di incertezza causato dagli scioperi dei lavoratori di Ente Bacini Genova

Gli interventi di manutenzione straordinaria sulla nave da crociera Costa neoClassica precedentemente previsti dal 17 al 27 ottobre a Genova saranno effettuati nel cantiere di riparazioni navali Chantier Naval de Marseille (CNdM) di Marsiglia. Lo ha reso noto la compagnia crocieristica Costa Crociere confermando che nelle prossime ore la nave partirà verso il porto francese e spiegando che «la decisione si è resa inevitabile per l'estrema incertezza creatasi negli ultimi giorni sulla ripresa effettiva dei lavori e la conseguente esecuzione nei tempi previsti».

Lo stato di incertezza a cui fa riferimento la compagnia è quello determinato dallo stato di agitazione dei lavoratori di Ente Bacini Genova, la società controllata dall'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale che gestisce i bacini di carenaggio del porto di Genova, attività che prossimamente sarà affidata alla gestione di privati con una gara avviata dall'AdSP per l'uso esclusivo dei bacini di carenaggio 2, 3, 4 e 5 che scadrà il prossimo 17 novembre.

Precisando che a seguito della decisione di trasferire la nave da Genova a Marsiglia la compagnia ha dovuto «rivedere pesantemente i propri piani per minimizzare gli impatti sull'operatività», e specificando di rispettare le opinioni dei lavoratori e di non voler entrare nel merito della questione, Costa Crociere ha espresso rammarico «per il grave danno economico subìto ed il pregiudizio creato alle attività di riparazioni navali nella città di Genova».

Nei giorni scorsi, con un'inedita presa di posizione congiunta, il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, l'assessore regionale ai Porti, Edoardo Rixi, il sindaco di Genova, Marco Bucci, e il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini, avevano bollato come «incomprensibile e ingiustificabile» lo sciopero proclamato dalle maestranze di Ente Bacini». «Tale comportamento - avevano denunciato i rappresentanti delle istituzioni locali - appare irresponsabile per i danni attuali che esso provoca e ancora più per quelli futuri tali da pregiudicare il cammino di piena valorizzazione dell'Ente intrapreso in questi mesi. Tale autolesionistico atteggiamento - avevano sottolineato Toti, Rixi, Bucci e Signorini - appare ancora più privo di senso dal momento che tutte le maestranze del cantiere, nessuna esclusa, hanno già avuto piena garanzia da tutte le autorità locali che nessuno perderà il proprio posto di lavoro nell'intrapreso percorso di privatizzazione dell'Ente, da troppo tempo auspicato e atteso dal tessuto produttivo del porto e della città».

Ricordiamo che la società cantieristica francese Chantier Naval de Marseille è partecipata dalla Genova Industrie Navali (GIN) delle società genovesi San Giorgio del Porto, T. Mariotti e Finsea e dalla stessa Costa Crociere ( del 2 agosto 2016).

CONTRANS
ABB Marine Solutions
Evergreen Line
Est Europea Servizi Terminalistici
Salerno Container Terminal
Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Cerca altre notizie su



Seleziona la rubrica:  Tutte
Notizie
Porti
Turismo
Banche dati
Trasporto aereo
Autotrasporto



Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail