ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 settembre 2018 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 00:54 GMT+2



23 aprile 2018

La Commissione UE avvia un'indagine sul prestito ponte di 900 milioni di euro che lo Stato italiano ha concesso a Alitalia

Ulteriori accertamenti per verificare se il prestito costituisce un aiuto di Stato vietato oppure soddisfa le condizioni previste dagli orientamenti per i prestiti di salvataggio

La Commissione Europea ha avviato un'indagine approfondita per valutare se il prestito ponte di 900 milioni di euro che l'Italia ha concesso alla compagnia aerea Alitalia costituisce un aiuto di Stato vietato o se è conforme alle norme dell'UE in materia di aiuti alle imprese in difficoltà.

L'indagine è incentrata sul prestito di 600 milioni di euro concesso lo scorso maggio e sull'ulteriore prestito di 300 milioni di euro erogato lo scorso ottobre dallo Stato italiano all'azienda, che il 2 maggio 2017 è stata posta in amministrazione straordinaria dopo che un anno fa il personale di Alitalia aveva respinto un piano che prevedeva il taglio dei costi e gli azionisti avevano quindi deciso di non fornire ulteriori finanziamenti all'impresa.

Lo scorso gennaio l'Italia ha notificato l'intero prestito di 900 milioni di euro come aiuto per il salvataggio, ai sensi delle norme UE in materia di aiuti di Stato, in particolare degli orientamenti sugli aiuti per il salvataggio e la ristrutturazione. La Commissione Europea ha ricordato che tale notifica ha fatto seguito ad una serie di denunce che la Commissione ha ricevuto nel 2017 nelle quali si sosteneva che il prestito costituiva un aiuto di Stato incompatibile con le vigenti norme UE.

La Commissione UE, specificando che al momento è del parere che il prestito statale costituisca un aiuto di Stato, ha precisato che gli ulteriori accertamenti annunciati oggi saranno volti a verificare se il prestito soddisfi le condizioni previste dagli orientamenti. In particolare, la Commissione teme che la durata del prestito, che va da maggio 2017 fino almeno a dicembre 2018, superi la durata massima di sei mesi prevista dagli orientamenti per i prestiti di salvataggio. Inoltre la Commissione nutre timori sul fatto che l'aiuto non si limiti al minimo necessario.

«È compito della Commissione - ha ricordato Margrethe Vestager, commissaria responsabile per la Concorrenza - garantire che i prestiti che gli Stati membri concedono alle imprese siano conformi alle norme dell'UE in materia di aiuti di Stato. Verificheremo se il prestito concesso ad Alitalia è conforme a tali norme».

ABB Marine Solutions
Consorzio ZAI

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail