ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

8 dicembre 2019 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 01:40 GMT+1



2 dicembre 2019

I problemi sulla tratta autostradale Liguria-Piemonte comportano maggiori oneri mensili per l'autotrasporto pari a cinque milioni

Lo sottolinea il presidente della Commissione Autostrade del Mare di ALIS che chiede una pianificazione strutturata sul tema delle infrastrutture

Ammontano a cinque milioni di euro al mese i maggiori costi che l'autotrasporto deve sostenere a causa dei problemi di viabilità sulle autostrade A6 Savona-Torino e A26 Genova Voltri-Gravellona Toce causati dalla fragilità e dalle condizioni di usura di alcuni viadotti. Lo afferma il gruppo di trasporto merci e logistica SMET denunciando che «il settore dei trasporti e l'intero sistema economico italiano sono ad oggi pesantemente penalizzati dalla fragilità infrastrutturale del nostro Paese. Le infrastrutture sono infatti la colonna vertebrale dell'economia e per questo motivo la loro precarietà impone scelte immediate».

«Il danno subito dal settore dell'autotrasporto - ha specificato Domenico De Rosa, amministratore delegato del gruppo SMET e presidente della Commissione Autostrade del Mare di ALIS (Associazione Logistica dell'Intermodalità Sostenibile) - è stimabile in un incremento dei costi pari a cinque milioni di euro al mese. Il crollo parziale del viadotto Madonna del Monte in A6 e la chiusura dei viadotti Fado e Pecetti in A26, nonostante i bypass che hanno consentito la riapertura in un solo senso di marcia - ha spiegato De Rosa - hanno di fatto raddoppiato i tempi e i chilometri di percorrenza sull'asse autostradale Liguria-Piemonte. La situazione è particolarmente delicata sull'asse Savona-Torino, definito automotive proprio per il gran numero di mezzi che la percorre abitualmente, tra i porti di Genova e Savona e la città di Torino».

«I nostri autisti, in costante contatto con le prefetture - ha denunciato De Rosa - riescono a raggiungere le destinazioni con molto disagio. La fragilità degli assi viari limita gravemente l'accesso ai porti, rende difficoltoso il raggiungimento della committenza e rischia di danneggiare gravemente il trasporto intermodale. Per questo l'intero settore dei trasporti attende risposte immediate e soluzioni concrete». De Rosa ha concluso auspicando «che si possa raggiungere al più presto una pianificazione strutturata sul tema delle infrastrutture, che è una priorità assoluta per il paese in termini di sicurezza e che consentirebbe di superare questa situazione di continua emergenza».

Logistics Solution
Vincenzo Miele

Leggi le notizie in formato Acrobat Reader®. Iscriviti al servizio gratuito.


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza








Indice Prima pagina Indice notizie

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail