testata inforMARE
28 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
22:07 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXII - Numero 15 MARZO 2014

TRASPORTO STRADALE

L'AUMENTO DEI TEMPI DI ATTESA PRESSO GLI AEROPORTI GRAVA SUI BILANCI DEGLI AUTOTRASPORTATORI

I servizi stradali di raccordo sono una parte indispensabile della filiera globale della distribuzione delle merci.

Tuttavia, i colli di bottiglia e la lenta lavorazione delle spedizioni presso i principali aeroporti impediscono in misura sempre maggiore alle ditte di autotrasporto di far viaggiare in orario i propri veicoli.

Il risultato consiste in interruzioni nella filiera della distribuzione e nella riduzione della qualità delle procedure di trasporto merci aereo.

Sebastiaan Scholte della Jan de Rijk, pur restando alquanto riluttante in considerazione dell'aggravarsi del problema ogni giorno, parla di “uno dei nostri problemi che dobbiamo affrontare sempre più spesso”.

Quello a cui l'amministratore delegato della Jan de Rijk si riferisce sono le molte ore che i suoi autisti passano presso gli aeroporti in attesa di consegnare o raccogliere i loro carichi.

Ore di tempi morti ed insensati che bloccano la capacità dei camion di essere utilizzati per il trasporto delle merci.

“Ciò di cui noi ed altri fornitori di servizi stradali di raccordo abbiamo urgentemente bisogno sono rapidi tempi di lavorazione ai varchi di accesso, consentendo così un flusso di spedizioni senza soluzioni di continuità ed un costante tasso di utilizzazione dei nostri veicoli” sostiene il dirigente.

Ultimamente, le cose sono peggiorate, dato che i tempi di attesa sono diventati sempre più lunghi.

In particolare presso i grandi hub come Amsterdam, Francoforte, Heathrow o Charle de Gaulle i tempi di sosta per i suoi camionisti, ma anche per quelli di altre ditte, stanno crescendo costantemente, specialmente nei momenti di punta tutti i venerdì e lunedì.

I bassi margini nella movimentazione delle merci via aerea impediscono miglioramenti fondamentali.

Perché? Come spiega sempre Scholte, “perché il lavoro è il maggiore fattore di costo per gli operatori della movimentazione, di modo che essi non incrementano il proprio personale nei giorni di grande traffico al fine di evitare spese aggiuntive di personale”.

Anche se gli piacerebbe assumerebbe più personale, le loro capacità sono assai limitate a causa dei margini estremamente bassi ottenibili in questo settore caratterizzato da una dura concorrenza.

Perciò, lavorazioni più lente delle merci trasportate per via aerea all'interno dei depositi degli operatori di movimentazione ne sono l'ovvia conseguenza.

“L'intera faccenda non sarebbe così dannosa per le ditte di autotrasporto se i movimentatori comunicassero subito tutti gli intasamenti o i ritardi nei tempi di raccolta, cosa che, sfortunatamente, la maggior parte di loro non fa” critica Scholte della Jan de Rijk.

“In quel caso noi saremmo messi in grado di re-instradare i nostri camion e modificare i nostri orari con breve preavviso”.

Scholte parla di tre “fattori-chiave per la capacità di produrre profitti” che devono essere tutti quanti soddisfatti per non finire in rosso: elevati fattori di carico tutto l'anno, margini sufficienti per kg ed utilizzazione costante su base chilometrica del materiale rotabile.

Continua il dirigente: “Considerando la concorrenza rapace, abbiamo bisogno di percorrere più km possibile per ridurre i nostri costi fissi”.

I tempi di attesa non necessari presso gli aeroporti impediscono alla sua ditta di conseguire questo obiettivo.

Più di un uovo nel cestino

La Jan de Rijk attualmente impiega 850 veicoli, il 35% dei quali appartiene ad appaltatori.

Questi partner “vengono attentamente sorvegliati al fine di assicurarci che essi si attengano ai nostri standard, compresa la formazione sulla sicurezza dei loro autisti”.

Per ragioni di costo, circa il 50% della flotta della Jan de Rijk opera con licenza di uno dei paesi dell'Europa Orientale.

Il trasporto merci aereo conta per il 40% delle attività della società olandese, mentre il 60% si riferisce a magazzinaggio, trasporto ferroviario ed altri segmenti.

“In caso di crisi, è meglio avere più di un uovo nel cestino” afferma Scholte.
(da: theloadstar.co.uk/cargoforwarder.eu, 11 Marzo 2014)



DALLA PRIMA PAGINA
Avviata nel porto di Danzica la costruzione del terzo container terminal di Baltic Hub
Danzica
Il progetto comporta un investimento di 450 milioni di euro
Samsung Heavy Industries porta a termine con successo un test di navigazione autonoma
Seul
La sperimentazione su una rotta di circa 950 chilometri
Porto di Gioia Tauro, ok del Comitato di gestione all'abbattimento delle tasse d'ancoraggio
Gioia Tauro
Stanziate le risorse per la realizzazione della struttura polifunzionale di ispezione transfrontaliera
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile