testata inforMARE
5 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
04:50 GMT+2


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXIII - Numero 28 FEBBRAIO 2015

LEGISLAZIONE

LA COMMISSIONE EUROPEA ACCETTA GLI IMPEGNI DELLA FRANCIA IN RELAZIONE ALLE ESENZIONI FISCALI PER DETERMINATI SERVIZI MARITTIMI DI NOLEGGIO

La Commissione Europea ha portato a termine un'accurata indagine avviata nel 2013 al fine di appurare se le modifiche alle regole fiscali francesi in ordine alle compagnie di navigazione fossero in linea con la normativa dell'Unione Europea sugli aiuti di stato dopo che la Francia si è impegnata a dissipare le preoccupazioni della Commissione.

Quest'ultima era preoccupata dal fatto che anche la concessione di vantaggi fiscali a certe navi battenti bandiera non dell'Unione Europea potesse essere in contrasto con gli obiettivi della politica europea sui trasporti marittimi.

La Francia si è ora impegnata a far sì almeno il 25% dei contribuenti fiscali in ordine al tonnellaggio francese battano bandiere dello Spazio Economico Europeo.

Questo dovrebbe sciogliere le riserve della Commissione.

A maggio del 2003, la Commissione originariamente aveva approvato il regime fiscale relativo al tonnellaggio francese.

Tale regime consentiva alle compagnie di navigazione di essere tassate sulla base del tonnellaggio della flotta e non in relazione ai reali profitti della compagnia.

Il regime limitava l'ammissibilità della scelta di navi noleggiate a tempo determinato non battenti bandiere dell'Unione Europea (le navi “a noleggio temporaneo” assicurano servizi di trasporto marittimo con unità ed equipaggi affittati temporaneamente da altre compagnie).

Tali navi non avrebbero dovuto costituire più del 75% della flotta di un contribuente fiscale sul tonnellaggio.

Questo regime era in linea con le allora applicabili linee-guida dell'Unione Europea 1997 sugli aiuti di stato per il trasporto marittimo, che erano finalizzate a migliorare la competitività delle compagnie di navigazione che si trovano ad affrontare la concorrenza da parte di attività non europee e a dare impulso ai posti di lavoro nel settore.

Successivamente all'adozione delle linee-guida aggiornate nel 2004, la Francia aveva abrogato le specifiche regole sulla bandiera battuta dalle navi noleggiate temporaneamente senza informare la Commissione.

A novembre del 2013, la Commissione aveva avviato un'approfondita indagine ed aveva invitato le parti interessate a presentare i propri commenti sui provvedimenti riformati, perché aveva considerato che dovessero essere mantenute le specifiche limitazioni riguardo alla possibilità di scegliere navi noleggiate temporaneamente che non battessero bandiera di uno stato membro.

Dopo avere esaminato la documentazione ricevuta, la Commissione era pervenuta alla conclusione che fino a quel momento nessun beneficiario fiscale sul tonnellaggio in Francia disponeva di una composizione della propria flotta con più del 75% di navi noleggiate temporaneamente battenti bandiera al di fuori dell'Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo.

L'abrogazione delle specifiche regole sulla bandiera battuta pertanto non aveva avuto ancora nessun effetto in pratica.

Nello stesso tempo, la Commissione ha altresì ritenuto che non ci fosse alcuna garanzia che le cose rimanessero così in futuro, dal momento che non era stato previsto alcun requisito minimo per i nuovi arrivati circa la bandiera da battere nell'ambito dello Spazio Economico Europeo.

Di conseguenza, una compagnia di navigazione nuova arrivata la cui flotta fosse composta al 100% da navi noleggiate temporaneamente non nello Spazio Economico Europeo sarebbe stata in grado di beneficiare dell'esenzione fiscale.

La Commissione ha considerato che ciò non fosse in linea con le Linee Guida Marittime del 2004.

Anche se queste ultime non impongono specifiche limitazioni ai noleggiatori temporanei (a livello contrattuale, si tratta dei fornitori di servizi di trasporto marittimo), la Commissione ha sempre richiesto nella propria prassi che i noleggiatori temporanei che volessero beneficiare del regime fiscale sul tonnellaggio debbano contribuire agli obiettivi delle linee-guida di preservare competenze marittime minime nell'ambito dell'Unione Europea o dello Spazio Economico Europeo ovvero all'obiettivo di promuovere l'adozione di bandiere europee.

Al fine di ovviare alle preoccupazioni della Commissione, le autorità francesi si sono pertanto impegnate a richiedere a tutti i contribuenti fiscali sul tonnellaggio francesi di far battere bandiera europea ad almeno il 25% del proprio tonnellaggio.

La Commissione ha accettato questo impegno e ha di conseguenza posto termine all'indagine.
(da: hellenicshippingnews.com, 19 Febbraio 2015)



DALLA PRIMA PAGINA
Hapag-Lloyd comprerà i terminal portuali e le attività logistiche della cilena SAAM
Amburgo, Santiago
Accordo del valore di un miliardo di dollari
Prossimo avvio della privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
Gara per l'acquisizione di almeno il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
Trasportounito, nel porto di Genova è necessario un autoparco nell'area ex Ilva a Cornigliano
Genova
Da destinare alla sosta giornaliera di 800 veicoli pesanti
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia
Chiasso
Collegherà Gliwice e Pordenone tre volte alla settimana
Nei prossimi giorni l'operatore intermodale elvetico Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia aperto a tutti gli operatori di trasporto che avrà una frequenza
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile