testata inforMARE
5 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
03:20 GMT+2


COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTSANNO XXXV - Numero 28 FEBBRAIO 2017

TRASPORTI ED AMBIENTE

IL VOTO DEL PARLAMENTO EUROPEO FISSA UNA SCADENZA CHIARA AI FINI DI UNA SOLUZIONE GLOBALE IN ORDINE ALLA CO2 NEL TRASPORTO MARITTIMO

Il 16 febbraio il Parlamento Europeo ha votato a favore dell'inclusione delle emissioni di CO2 derivanti dal trasporto marittimo nello ETS (Sistema europeo di scambio delle quote di emissione) e dell'istituzione di un fondo per il clima marino "in mancanza di progressi a livello internazionale" a partire dal 2023.

Poiché il cambiamento climatico rappresenta una problematica a livello mondiale ed il trasporto marittimo è un settore globale, l'ESPO (European Sea Ports Organisation) ritiene fermamente che l'IMO (International Maritime Organization) sia di gran lunga il posto giusto per mettere in linea con l'Accordo di Parigi l'introduzione di un obiettivo inerente alla CO2 e le misure per ridurre le emissioni derivanti dal trasporto marittimo.

A tale riguardo, l'ESPO crede che il piano d'azione concertato in occasione della riunione della IMO MEPC lo scorso ottobre sia un punto di partenza per le discussioni.

Sulle base delle prove scientifiche disponibili, occorre che l'IMO moltiplichi i propri sforzi e presenti un obiettivo iniziale di riduzione nel contesto della verifica dell'Accordo di Parigi nel 2018 unitamente a provvedimenti sul breve termine.

Entro il 2023, l'IMO dovrebbe introdurre l'obiettivo necessario nonché misure per far scendere la curva delle emissioni di CO2.

L'ESPO ritiene che un periodo di 6 anni fino a quando non entreranno in vigore i provvedimenti dell'Unione Europea sia un lasso di tempo sufficiente perché l'IMO discuta e concerti i necessari obiettivi e misure.

Il 2023 deve pertanto considerarsi una pietra miliare.

Nel caso che questa scadenza non venisse rispettata, dovranno essere adottati provvedimenti dall'Unione Europea.

Dovrebbe tuttavia essere chiaro che in caso di un accordo internazionale entro il 2023, i provvedimenti dell'Unione Europea dovrebbero essere abrogati.

"L'Accordo di Parigi ha condotto a risultati eccezionali a causa della cooperazione a livello internazionale ed all'attivo impegno dei paesi in via di sviluppo e sviluppati.

Poiché il cambiamento climatico è una minaccia globale e lo shipping un settore internazionale, è chiaro che un approccio regionale non è preferibile.

L'IMO è di gran lunga il posto giusto per introdurre un obiettivo e provvedimenti per le emissioni del trasporto marittimo.

Il voto odierno in Parlamento dovrebbe essere visto come un incoraggiamento per una soluzione globale, dal momento che il termine previsto nel 2013 viene rispettato.

Se, tuttavia, l'IMO non dovesse fissare un obiettivo di riduzione delle emissioni ed adottare i provvedimenti per attuarlo entro il 2023, un approccio da parte dell'Unione Europea sembrerebbe inevitabile.

Noi pertanto speriamo che l'IMO accelererà il processo e dimostrerà lo stesso livello di ambizione nell'occuparsi del cambiamento climatico così come fece in occasione dell'accordo sui limiti di inquinamento atmosferico globale lo scorso mese di ottobre" afferma Isabelle Ryckbost, segretario generale dell'ESPO.

I porti, le città costiere e le loro comunità locali sono fra i soggetti maggiormente vulnerabili alle condizioni meteorologiche estreme risultanti dal riscaldamento globale.

Ai sensi dell'Accordo di Parigi occorre che tutti i paesi e tutti i settori dell'economia intraprendano iniziative immediate e contribuiscano a mantenere l'incremento della temperatura globale al di sotto dei 2°C.

I provvedimenti per il clima a livello europeo e nazionale attualmente in fase di sviluppo per attuare l'Accordo di Parigi obbligheranno i porti a ridurre l'impronta di carbonio delle proprie attività situate a terra.

Questi sforzi dovrebbero essere accompagnati da misure inerenti le emissioni generate in mare.

La reputazione ambientale del settore marittimo-portuale è a rischio.

Lo scorso ottobre, la IMO MEPC 70 ha concordato un piano d'azione relativo allo sviluppo di una esaustiva strategia sulla riduzione delle emissioni di gas serra derivanti dalle navi.

Il 2018 è stato definito la pietra miliare per la definizione di una strategia iniziale dell'IMO.

Questa strategia iniziale consentirà al trasporto marittimo internazionale di prendere parte alla prima riunione per fare l'inventario ai sensi dell'Accordo di Parigi nel 2018 quando tutti gli obiettivi nazionali di riduzione saranno verificati affinché siano adeguati allo scopo.

La suddetta strategia sarà in conseguenza adattata sulla base dell'analisi dei dati disponibili e la strategia rivisitata prevista per la primavera del 2023 sarà infine adottata.

Il piano d'azione tuttavia non prende nessun impegno per mettere a punto un obiettivo iniziale di riduzione delle emissioni nell'ambito della strategia.
(da: hellenicshippingnews.com/espo.be, 16 febbraio 2017)



DALLA PRIMA PAGINA
Hapag-Lloyd comprerà i terminal portuali e le attività logistiche della cilena SAAM
Amburgo, Santiago
Accordo del valore di un miliardo di dollari
Prossimo avvio della privatizzazione del porto greco di Volos
Atene
Gara per l'acquisizione di almeno il 67% del capitale dell'Autorità Portuale
Trasportounito, nel porto di Genova è necessario un autoparco nell'area ex Ilva a Cornigliano
Genova
Da destinare alla sosta giornaliera di 800 veicoli pesanti
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
La Spezia
Saranno utilizzati, tra l'altro, per acquistare 20 nuovi mezzi di sollevamento
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia
Chiasso
Collegherà Gliwice e Pordenone tre volte alla settimana
Nei prossimi giorni l'operatore intermodale elvetico Hupac attiverà un treno shuttle tra Italia e Polonia aperto a tutti gli operatori di trasporto che avrà una frequenza
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile