testata inforMARE
27 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
13:04 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 APRILE 2019

LEGISLAZIONE

È IMPROBABILE CHE LE REGOLE IMO 2020 NUOCCIANO ALLA CONCORRENZA NEL TRASPORTO MARITTIMO CONTAINERIZZATO DI LINEA

L'imminente normativa sul carburante a basso contenuto di zolfo potrebbe accelerare il consolidamento delle linee di navigazione containerizzate, mentre i costi supplementari correlati alla cosiddetta IMO 2020 dovrebbero spingere i vettori vulnerabili dal punto di vista finanziario ad iniziative di fusione ed acquisizione: questo segnala la ditta di analisi in materia di trasporto marittimo containerizzato Drewry.

Ma la Drewry conclude che anche nel caso che le nuove leggi della IMO 2020 spronino ad un'altra tornata di fusioni, resteranno ancora in giro abbastanza vettori perché i principali mercati restino in regime di concorrenza.

Esaminando come i cambiamenti potrebbero comportare conseguenze per i traffici fondamentali, la Drewry ha notato che la maggior parte dei principali vettori hanno adesso riferito i risultati finanziari relativi all'intera annata 2018: "e grazie ad una tendenza in aumento nel quarto trimestre del 2018 della domanda e delle tariffe di nolo, a cui ha dato impulso l'iperattività dei minacciati dazi statunitensi, il settore è stato in grado di tornare ad un piccolo profitto nella ragione di 1,5 miliardi di dollari USA" come si legge nel rapporto Container Forecast della Drewry.

"Accolta favorevolmente così com'era stato per la ripresa della seconda metà dell'anno, l'attenzione è ora concentrata sulle prospettive per quest'anno; e al di là di questo, su quale impatto la nuova regolamentazione dell'IMO sul carburante a basso contenuto di zolfo avrà sulla redditività nel 2020" aggiunge la Drewry, notando come il settore del trasporto marittimo containerizzato "ancora non si sia del tutto ripreso dalla crisi finanziaria globale e dalle devastanti perdite in cui era incorso subito dopo".

Essa sottolinea come un esame condotto sulla più recente stabilità finanziaria dei vettori, la "Altman Z-score", mostri che molti ancora ricadono nella cosiddetta "zona di sofferenza".

Man mano che la data fissata per l'inizio dell'obbligatorietà della IMO 2020 si avvicina, i vettori inevitabilmente si innervosiscono riguardo al suo impatto generale, nota la Drewry, dato che le linee di navigazione verificano se "sono in condizione di far fronte ad una miriade di costi supplementari correlati come i

BAF non recuperabili, le spese in conto capitale per installare i filtri depuratori ed il finanziamento supplementare ai fini del credito per il bunker".

Aggiunge la Drewry: "Senza voler essere troppo allarmisti, c'è il potenziale affinché l'IMO 2020 susciti un altro fallimento di un importante vettore o inneschi più difensive fusioni ed acquisizioni.

Potrebbe andare a finire che l'IMO inavvertitamente dia una spinta al consolidamento del settore, più vicino a dove esso deve stare allo scopo di conseguire una redditività sostenibile".

L'analista afferma che l'ultima tornata di fusioni ed acquisizioni, iniziata con la fusione dei vettori cinesi Cosco e CSCL nel 2016 e conclusa con l'integrazione di vettori giapponesi NYK, MOL e K Line nella ONE (Ocean Network Express) nel primo trimestre del 2018, ha fatto compiere qualche passo avanti nel processo di consolidamento sino al punto che i principali sette vettori ora controllano approssimativamente i tre quarti della flotta mondiale di portacontainer.

"Tuttavia, anche se le precedenti fusioni ed acquisizioni hanno consegnato il controllo quasi completo del mercato globale ad un manipolo di linee di navigazione, ci sono ancora vari gradi di concorrenza a livello di traffico/rotta" evidenzia la Drewry.

"È significativo il fatto che questo valga per alcune delle principali rotte est-ovest dai grandi volumi e che generano entrate.

Utilizzando il metodo dello HHI (Herfindahl-Hirschman Index), solo uno dei traffici del nostro campione, il relativamente piccolo traffico Europa-Costa Orientale del Sud America in direzione sud, ricade nella larghezza di banda "molto concentrato".

La maggior parte dei principali traffici est-ovest ricadono nella descrizione "competitivo".

Afferma la Drewry: "Il problema per i vettori è che nei mercati dove c'è concorrenza essi sono soggetti ai capricci della domanda e dell'offerta, che spesso sono fuori dal loro controllo.

Al contrario, in un mercato concentrato con pochi vettori rivali la loro esistenza o meno non sembra dipendere così tanto da quei fondamentali principi economici".

Tenendo in mente il potenziale di un maggiore consolidamento indotto dall'IMO, la Drewry ha esaminato che cosa ci vorrebbe per tirar fuori alcuni di quegli essenziali traffici est-ovest dalla zona della concorrenza e portarli all'interno di un nuovo territorio che consentirebbe loro di diventare soggetti che impongono i prezzi anziché soggetti che si adeguano ai prezzi.

"Per giocare questa partita abbiamo bisogno di prendere in considerazione qualche plausibile transazione" sostiene la Drewry.

"La possibilità di qualche rilevamento fra le 7 linee di navigazione di punta è remota a nostro giudizio, principalmente a causa della probabilità che tali accordi vengano abbattuti dai regolatori della concorrenza.

Tuttavia, nella nostra analisi abbiamo constatato che senza almeno uno di tali accordi l'indice HHI a malapena si sarebbe spostato, di modo che abbiamo incluso una entità combinata CMA CGM e Hapag-Lloyd come se ci fosse stato interesse da parte del vettore francese l'anno scorso.

Le altre transazioni immaginarie che abbiamo utilizzato sono state quella della Cosco che acquisisce la PIL e quelle di altri accordi basati sulla comune nazionalità, mettendo assieme le linee di navigazione taiwanesi Evergreen, Yang Ming e Wan Hai ed altresì accoppiando la HMM e la SM Line della Corea del Sud".

Continua la Drewry: "Il prossimo passo è quello di utilizzare la nostra capacità commerciale di base da gennaio 2019 e vedere che cosa succede quando combiniamo tutte quelle dei vettori.

Per i fini di questa analisi l'abbiamo limitata ai traffici dell'Asia-Nord Europa e dell'Asia-Costa Occidentale del Nord America.

Occorrerebbe notare che le quote di capacità saranno diverse al momento in cui l'IMO 2020 verrà attuato poiché i vettori avranno preso in consegna le nuove navi e ne avranno spostate in giro altre di modo che sarebbe bene usare un po' di cautela.

Il risultato di questa ricerca scientifica è che anche questi accordi (che a nostro giudizio vanno al di là della plausibilità) sarebbero sufficienti solo a spostare questi traffici nella zona moderatamente concentrata dello HHI.

I vettori potrebbero conseguire qualche briciola di potere di determinare i prezzi, ma certamente non abbastanza da essere in grado di decidere in proprio".

Conclude la Drewry: "Anche se l'IMO 2020 dovesse spronare un'altra tornata di consolidamento nel settore, vi sono possibilità che restino ancora abbastanza vettori da impedire che i grandi traffici siano molto concentrati.

Ci vorranno un paio di assai improbabili mega fusioni ed acquisizioni per muovere davvero il quadrante".
(da: lloydsloadinglist.com, 2 aprile 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Dollar crisis hits shipping sector as payment to MLOs face hurdles
(The Financial Express)
APSEZ forms JV with Gadot Chemical Terminals in Israel to buy Haifa Port
(Business Standard)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile