testata inforMARE
4 ottobre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
16:28 GMT+2


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 GIUGNO 2019

STUDI E RICERCHE

NUOVE ROTTE COMMERCIALI DESTINATE A CONTRIBUIRE A FAR FRONTE ALLA DOMANDA A LUNGO TERMINE DI TRASPORTO MERCI

Secondo un importante nuovo rapporto, lo sviluppo di nuove rotte commerciali contribuirà a soddisfare la crescita prevista della domanda di trasporto merci nei decenni a venire.

Come riportato da Lloyd's Loading List il mese scorso, lo ITF Transport Outlook 2019, prodotto per conto dell'OCSE dall'ITF (International Transport Forum), un gruppo di esperti intergovernativo, prevede che la domanda di trasporto merci globale si triplicherà fra il 2015 ed il 2050 sulla base degli attuali tassi di crescita della domanda.

Lo ITF sostiene che le nuove rotte di trasporto marittimo, fluviale e ferroviario contribuiranno a venire incontro a tale crescita della domanda, trasformando i flussi di traffici e le strategie logistiche nel frattempo.

"Queste variazioni potrebbero risultare da nuove e migliori reti di trasporto merci in Eurasia ed Africa e da nuove rotte marittime in corso di apertura nelle acque dell'Artico" si afferma.

"L'uso della rotta del Mare del Nord per i trasporti marittimi di merci fra il Nord Europa ed il Giappone potrebbe ridurre le distanze di viaggio del 37% rispetto all'instradamento attraverso il Canale di Suez" aggiunge.

"La distanza dai porti nordeuropei alla Corea si ridurrebbe del 31%, alla Cina del 23% ed a Taiwan del 17%.

L'uso regolare del Passaggio a Nord-Ovest potrebbe ridurre la distanza di viaggio fra il Nord America ed i grandi porti situati nel Nord-Est asiatico sino al 20%.

I nuovi canali potrebbero inoltre assicurare rotte marittime alternative che accorcerebbero le attuali rotte commerciali".

Il rapporto afferma che i piani finalizzati alla realizzazione del Canale di Kra attraverso la penisola malese ridurrebbero la distanza per il petrolio ed altre spedizioni dal Medio Oriente alla Cina ed al Giappone di 1.200 km, l'equivalente di due o tre giorni di tempo di viaggio attraverso lo Stretto di Malacca.

Allo stesso modo, il proposto Canale del Nicaragua attraverso l'istmo dell'America Centrale potrebbe teoricamente assicurare un'alternativa al Canale di Panama che sarebbe così meglio in grado di accogliere le navi più grandi.

L'ammodernamento delle infrastrutture ed il miglioramento dell'efficienza dei processi doganali presso gli attraversamenti transfrontalieri nelle direttrici terrestri euroasiatiche presentano il potenziale per accorciare i tempi di viaggio da quattro a sette giorni, contribuendo a facilitare i flussi ferroviari nei tre principali corridoi fra Cina, Asia Centrale, Europa, Sud-Est asiatico ed Asia meridionale.

"Fra questi corridoi, la rotta settentrionale - utilizzando le ferrovie transiberiane o il sistema ferroviario del Kazakhistan - è attualmente la sola direttrice con servizi di trasporto stabili ed affidabili nell'ambito dell'iniziativa inerente alle infrastrutture di trasporto intermodale est-ovest".

Il rapporto afferma che l'idea economica di trasporto ferroviario dall'Asia all'Europa è chiara e che in Cina adesso esiste una notevole volontà politica di incrementare la capacità di rete.

"Sebbene il trasporto per ferrovia sia cinque volte più costoso del trasporto via mare, è circa 1,7 volte più veloce" afferma l'ITF.

"Questo fa della ferrovia una modalità attraente per il trasporto di merci assai sensibili ai tempi, come gli articoli di moda, l'elettronica, le parti di auto ed i deperibili compresi gli alimentari".

In Africa, il rapporto ha constatato che gli investimenti relativi ai progetti infrastrutturali stanno accelerando rapidamente e che un certo numero di piani ed iniziative potrebbero favorire l'integrazione del continente e dare impulso ai traffici.

La realizzazione del corridoio Mombasa-Kampala fra il Kenya e l'Uganda, ad esempio, ha ridotto i tempi di viaggio da quindici a cinque giorni, mentre in Namibia e nello Zambia il gruppo per il Corridoio della Baia di Walvis ha ridotto i tempi di sdoganamento da quarantotto e due ore.

"Ci si aspetta che entro il 2030 venga sviluppata una maggiore connettività fra l'Africa meridionale e quella orientale, e fra l'Africa orientale e quella occidentale entro il 2040" aggiunge il rapporto.

"In Africa, le opzioni di trasporto merci transcontinentale potrebbero indurre l'incremento dei traffici interafricani e potrebbero anche abbreviare le direttrici di traffico internazionale entro il 2050, se i progetti attuali e programmati di infrastrutture di transito in Africa continueranno a mietere vantaggi in termini di risparmio di costi e di tempi".

Tuttavia, il rapporto avverte altresì che anche se la decimazione ambientale dell'Artico potrebbe significare che la rotta del Mare del Nord possa essere libera dai ghiacci su base stagionale in un momento situato fra il 2040 ed il 2050, gli operatori dovrebbero affrontare costi elevati.

"Oltre alle condizioni meteorologiche ed alle accresciute preoccupazioni inerenti alla sicurezza nelle acque artiche, gli operatori si trovano di fronte a barriere logistiche dovute alla scarsità delle infrastrutture, ai severi requisiti di certificazione ed alla rigorosa normativa ambientale" sottolinea il rapporto.

"Il Codice Polare stabilisce standard rigorosi fra cui quelli relativi alla progettazione navale, alla formazione degli equipaggi, alle caratteristiche dei serbatoi di carburante o allo scarico delle acque di scolo.

Regole ambientali ancor più rigide potrebbero applicarsi al trasporto marittimo nell'Artico in futuro, per esempio riguardo all'uso dell'olio combustibile pesante, già vietato nell'Antartico.

Conformarsi a queste regole riduce il guadagno economico netto dei tempi di viaggio più brevi".
(da: lloydsloadinglist.com, 14 giugno 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Il governo finlandese vieta ad Helsinki Shipyard di esportare un nuovo rompighiaccio in Russia
Helsinki
Il mezzo navale è stato ordinato a fine 2021 dalla russa Nornickel
Il progetto “Women in Transport - the challenge for Italian Ports” compie un anno
Roma
Giampieri (Assoporti): la portualità deve essere protagonista anche nella lotta contro le disuguaglianze
MIMS, contributi all'acquisto di nuovi mezzi per il trasporto ferroviario delle merci
Roma
Fondi per 55 milioni di euro del Piano Complementare
Lomar Shipping ha comprato la tedesca Carl Büttner
Londra
Transazione del valore di quasi 160 milioni di dollari
La società armatrice Lomar Shipping del
Installato nel porto di Barcellona un nuovo sistema radar per migliorare la sicurezza del traffico marittimo
Barcellona
Monitoraggio istantaneo e preciso dei movimenti delle navi all'esterno e all'interno dello scalo
Il porto di Barcellona è stato dotato di un nuovo sistema radar per la sorveglianza e
In Svizzera i finanziamenti al servizio ferroviario transalpino di autostrada viaggiante sono stati estesi sino al 2026
Chiasso
RAlpin auspica che la scadenza sia prorogata a fine 2028
CDP, Intesa Sanpaolo e BEI concedono a La Spezia Container Terminal un finanziamento di 160 milioni
Transport & Environment, gli e-fuels per alimentare gli autoveicoli sono un bluff
Bruxelles
Nel 2035 - sottolinea l'organizzazione - potranno alimentare non più del 2% delle vetture europee. Aneris: è fondamentale che l'utilizzo dei carburanti sintetici sia destinato solo al settore aereo e a quello marittimo
È on-line la rinnovata edizione di inforMARE, da sempre quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
Genova
Sviluppata sulla base di una piattaforma proprietaria, offre nuove molteplici informazioni e opportunità ai lettori, agli studiosi e agli inserzionisti
Le associazioni marittimo-portuali europee chiedono di destinare al settore i proventi generati dall'inclusione dello shipping nell'UE ETS
Bruxelles
Lettera congiunta di ECSA, Advanced Biofuels Coalition, CLECAT, CLIA, ENMC, eFuel Alliance, ESC, ESPO, EWABA, FEPORT e SEA Europe
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Una delegazione della svizzera Groupement Fer ha visitato il porto di Genova
Genova
Dal 2018 il servizio ferroviario Southern Express di PSA Italy tra Genova e Basilea ha trasportato oltre 23.000 container
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Convegno “Riparazioni navali in crescita: investimenti per il futuro di Genova”
Si terrà il 23 settembre nel capoluogo ligure
Dal 26 settembre al primo ottobre la quinta edizione della Naples Shipping Week
Il programma un calendario di 40 eventi
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
Private developers sought for Dhalkout Port
(Oman Daily Observer)
Le secrétaire général de l'Elysée, Alexis Kohler, mis en examen pour "prise illégale d'intérêts"
(franceinfo)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile