testata inforMARE

29 septembre 2022 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 13:35 GMT+2



CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERS ANNO XXXVII - Numero 15 SETTEMBRE 2019

STUDI E RICERCHE

I CARICATORI SI PREPARANO A SENSIBILI AUMENTI DEI PREZZI DEL CARBURANTE PER IL TRASPORTO MERCI MARITTIMO

Per molti proprietari della merce non è chiaro quale sarà l'impatto sui propri costi dei noli delle imminenti regole 'IMO 2020' sul carburante marittimo a basso contenuto di zolfo, per quanto adesso stiano diventando disponibili migliori informazioni, afferma la ditta di analisi sul trasporto marittimo containerizzato nonché esperta sui dati Drewry, che sta per varare un 'rilevatore dei prezzi del bunker a basso contenuto di zolfo'.

Secondo la Drewry da diversi anni "una delle maggiori e più difficili domande a cui rispondere nel trasporto marittimo internazionale è: quanto costerà il nuovo carburante a basso contenuto di zolfo dal 2020?".

Peraltro essa afferma che i caricatori, gli spedizionieri ed i vettori stanno facendosi un'idea migliore dei costi e delle fonti dei dati.

"Tutti quanti - o quasi tutti - hanno convenuto che ci sarà un grande costo in più per il settore ed i suoi utenti" nota la Drewry.

"Ma i caricatori interpellati dalla Drewry rispetto alla questione dell'IMO 2020 hanno ammesso che 'i dati sono frammentari e confusi' ed un'elevata percentuale di caricatori ha replicato che esiste molta incertezza in ordine all'impatto dell'IMO 2020 riguardo ai propri costi dei noli".

Soprattutto a causa di questo, la Drewry ha sviluppato un Calcolatore dell'Impatto dell'IMO sui Costi, ma afferma che "questo ha richiesto che noi effettuassimo nostre previsioni sul costo dal 2020 del carburante a basso contenuto di zolfo, poiché nel mercato non esiste nessun prezzo stabilito per il nuovo carburante.

Le cose stanno cambiando.

A luglio ed agosto, le prime indicazioni dei prezzi per il carburante a basso contenuto di zolfo allo 0,5% (0,5S) conforme alla normativa IMO 2020 hanno mostrato che il nuovo carburante costa circa il 30% in più di quello attuale, il carburante ad alto contenuto di zolfo IFO380 presso i porti asiatici che avevano iniziato a venderlo.

Questo prezzo si basa sulle effettive transazioni per il bunkeraggio relative alle navi che trafficano con i porti cinesi, dove la direttiva 0,5S è già stata attuata.

Il prezzo dello 0,5S a basso contenuto di zolfo nell'importante porto di Singapore è di circa 560 dollari per tonnellata".

Tuttavia, la Drewry afferma di avere chiesto ai clienti di "stare attenti nell'uso di queste prime indicazioni sui prezzi, perché la domanda di carburante a basso contenuto di zolfo si incrementerà notevolmente a novembre e dicembre e le condizioni di mercato allora saranno molto diverse".

Allo scopo di assistere i caricatori, gli spedizionieri ed i vettori che hanno bisogno di rivedere le proprie maggiorazioni per il bunker prima e dopo il passaggio al carburante a basso contenuto di zolfo, la Drewry ha dato il via ad un Rilevatore dei Prezzi del Bunker a Basso Contenuto di Zolfo pubblicamente disponibile che sarà aggiornato ogni trimestre ed anche a dicembre, quando molti contratti richiederanno i dati relativi al costo del nuovo carburante.

"Dal punto di vista contrattuale, la capacità dei caricatori e dei fornitori di adeguare i propri BAF (Fattori di Correzione del Bunker) al momento giusto verso la fine del 2019 - possono essere negoziate varie date per il passaggio - ad un costo equo è una priorità massima nei prossimi mesi" nota la Drewry.

"I caricatori che hanno ridefinito i propri BAF ed il proprio meccanismo di indicizzazione del bunker tenendo conto del cambiamento apportato dall'IMO 2020 hanno quasi sempre convenuto che occorra compensare i vettori del differenziale di prezzo fra carburante a basso ed alto contenuto di zolfo, anche se qualcosa come il 5% della capacità complessiva è equipaggiata con scrubber (filtri depuratori).

Noi riteniamo che le probabilità siano che i prezzi del bunker a basso contenuto di zolfo, dopo un incremento nel 2020, diminuiscano nel 2021 e 2022 e che il sovrapprezzo iniziale si riduca".

Ma la Drewry sostiene che ci saranno diverse importanti ripercussioni indotte dal passaggio alle regole sul carburante a basso contenuto di zolfo:
  • i caricatori presteranno molta più attenzione e saranno più precisi in ordine ai Fattori di Correzione del Bunker rispetto al passato;
  • le navi più piccole - che tendono a non essere equipaggiate con scrubber o con motori efficienti - saranno emarginate dai vettori molto più che in passato;
  • qualche capacità navale aggregata sarà tagliata (rottamata) e gli armatori incapperanno in perdite di capitale riguardo ad alcune delle loro adesso obsolete navi, costruite in un periodo in cui le regole sull'inquinamento erano permissive;
  • paradossalmente, le linee di navigazione con elevato utilizzo di scrubber (che evitano i costi in più del carburante a basso contenuto di zolfo) saranno in grado di continuare ad acquistare un sacco di carburante ad elevato contenuto di zolfo e diventeranno più competitivi quanto ai costi e meglio isolate dall'instabilità dei prezzi del carburante a basso contenuto di zolfo rispetto alle altre linee di navigazione.
"L'unica area di incertezza è se i vettori ricorreranno in misura maggiore alla lenta navigazione nell'era dei bunker più costosi; bisogna tenere d'occhio questo fattore" sottolinea la Drewry che conclude: "I fattori di correzione del bunker saliranno alle stelle fra il quarto trimestre del 2019 ed il primo trimestre del 2020, dapprincipio, e saranno assai instabili nella prima metà del 2020".
(da: lloydsloadinglist.com, 2 settembre 2019)



PSA Genova Pra


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail