testata inforMARE
5. Februar 2023 - Jahr XXVII
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
09:07 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 30 SETTEMBRE 2019

PORTI

IL PORTO DI LOS ANGELES A TUTELA DEI PROGRESSI RIGUARDO ALLA PULIZIA DELL'ARIA MOVIMENTANDO NEL CONTEMPO PIÙ CARICHI CHE MAI

Il Porto di Los Angeles continua a fare progressi in ordine al taglio delle emissioni derivanti da navi, treni, camion, imbarcazioni portuali ed equipaggiamento per la movimentazione di contenitori sin dal 2005, secondo il suo Rapporto del Censimento 2018 sulle Emissioni nell'Aria.

Inoltre, il rapporto mostra che il porto sta rispettando e superando tutti gli obiettivi 2023 per la riduzione delle sostanze inquinanti primarie, mentre i volumi dei carichi continuano ad aumentare.

"Anche se i carichi si sono incrementati del 26% dall'anno di riferimento 2005, abbiamo sostenuto i notevoli progressi relativi alla pulizia dell'aria che abbiamo fatto da allora" afferma il direttore esecutivo del Porto di Los Angeles Gene Seroka.

"Il nostro obiettivo resta quello di conseguire zero emissioni, che è il motivo per cui ci siamo concentrati a lavorare con i nostri partner sulle efficienze operative e sulle soluzioni di prossima generazione per le emissioni quasi zero e specialmente zero, di modo che il nostro porto, la comunità e l'ambiente possano prosperare assieme".

Per leggere la scheda di valutazione:

https://kentico.portoflosangeles.org/getmedia/3459f00b-7c05-4ff6-b718-a44f8f07a051/2018_Air_Quality_Report_Card

Il CCAP (Piani di Azione per la Pulizia dell'Aria) del Porto confronta le riduzioni delle emissioni fra tutti gli anni solari rispetto all'anno di riferimento 2005 allo scopo di tracciare i progressi compiuti verso gli obiettivi del CAAP.

Anche se i risultati produttivi containerizzati del 2018 sono saliti sino al massimo storico di circa 9.46 milioni di TEU, in aumento rispetto ai 9,34 milioni di TEU nel 2017, le emissioni di NO (ossidi di azoto) sono ancora del 60% (al di sotto del livello del 2005, con un decremento reale su base annua dell'1% rispetto al 2017).

Le emissioni di SO (ossidi di zolfo) restano al 98% al di sotto del livello del 2005, con un decremento reale su base annua del 2% rispetto al 2017.

Le emissioni dei particolati diesel restano all'87% al di sotto del livello del 2005, per quanto le emissioni reali di particolati diesel si siano incrementate leggermente dell'1% rispetto al 2017.

Le emissioni di gas serra sono in calo del 10% rispetto al livello del 2005, con un aumento del 3% rispetto al livello del 2017.

Per leggere la presentazione:

https://kentico.portoflosangeles.org/getmedia/ffc72e12-cc1c-4d4d-8dc8-c5a59d28685b/2018_Air_Emissions_Inventory_Presentation

"Gli incrementi annui non sorprendono data la crescita dell'1,3% dei volumi dei carichi containerizzati rispetto all'anno precedente" afferma il direttore della gestione ambientale del Porto Christopher Cannon.

"Essi sottolineano l'importanza dell'ulteriore riduzione delle tecnologie motoristiche basate sulla combustione nell'equipaggiamento per carichi pesanti nelle operazioni portuali che in ultima analisi passeranno ad un uso diffuso di tecnologie a zero emissioni al fine di continuare a conseguire riduzioni dei gas serra".

Il Porto sta attualmente capofilando o partecipando a 16 progetti con molteplici partner al fine di comprovare l'utilità dei motori ad emissioni quasi zero e zero, della tecnologia di controllo delle emissioni e delle stazioni di rifornimento e ricarica alternative.

I progetti comprendono il collaudo di camion pesanti elettrici ibridi o a batterie, a gas naturale e a pile combustibili all'idrogeno, di elevatori a forca a batterie elettriche, di trattori da piazzale, di carriponte e gru a portale gommate, nonché di equipaggiamento per il controllo delle emissioni su grandi navi e battelli portuali.

Tutte le dimostrazioni vengono effettuate in condizioni operative in situazioni reali all'interno o nelle prossimità dei porti della Baia di San Pedro.

"Questi progetti sono fra le nostre più ambiziose iniziative per la pulizia dell'aria finora" afferma Cannon.

"Le emissioni possono fluttuare da un anno all'altro mentre noi sviluppiamo, valutiamo ed implementiamo tali iniziative, ma nel ridurre o eliminare la combustione noi spostiamo la lancetta verso lo zero".

L'inventario annuale è il principale strumento del Porto ai fini del tracciamento dei progressi delle molteplici strategie per la riduzione e, laddove possibile, dell'eliminazione dell'inquinamento atmosferico derivante da tutte le fonti correlate al porto.

Gli ultimi risultati si basano sui dati raccolti nel corso dell'anno solare 2018 e rivisti dalle agenzie di regolamentazione dell'aria regionali, statali e federali.

Le linee di tendenza captate dal rapporto del 2018 includono:
  • La combinazione di navi più grandi che trasportano un numero maggiore di contenitori, di un numero minore complessivo degli scali navali e delle strategie di riduzione delle emissioni navali in porto hanno comportato una riduzione da record delle emissioni navali in tutte le categorie di elementi inquinanti.

    I progressi in termini di pulizia dell'aria delle navi sono notevoli perché, con l'eccezione dei gas serra, le navi rappresentano la fonte singola di emissioni, generando oltre il 30% di tutti gli elementi inquinanti misurati.

    Le strategie in corso comprendono la riduzione della velocità delle navi, il collegamento alle prese elettriche di terra sugli ormeggi, l'uso di carburante più pulito e gli incentivi per attirare navi più nuove e più pulite.
  • L'equipaggiamento per la movimentazione dei carichi, i camion pesanti, i battelli portuali e le locomotive hanno generato un modesto incremento di alcuni elementi inquinanti rispetto all'anno precedente.

    I progressi relativi alla pulizia dell'aria da parte delle navi compensano gli incrementi sopra citati, comportando che il Porto resta in linea complessivamente per le emissioni.
  • I camion pesanti sono la maggiore fonte singola di gas serra, producendo circa il 35% di tali emissioni di tutte le fonti correlate al porto.
  • Gli ultimi risultati confermano l'energico perseguimento da parte del Porto di carburanti puliti alternativi e di tecnologie per emissioni quasi zero e zero ai fini dell'alimentazione della movimentazione dei carichi.
Le nuove ed ampliate misure individuate nel più recente aggiornamento del CAAP dei Porti della Baia di San Pedro adottato alla fine del 2017 comprendono:
  • Camion - Accelerare la transizione ai camion ad emissioni quasi zero e zero mediante la richiesta che tutti i nuovi camion portuali che entrano in porto rispettino gli standard 2014 per motori puliti e istituire un 'Addebito per Camion Puliti' per tutti i camion che non rispettano gli standard di emissioni quasi zero e zero.

    L'addebito, la cui introduzione è attesa nel 2020, finanzierebbe gli incentivi ad acquistare camion portuali ad emissioni quasi zero e zero.

    Gli obiettivi del CAAP richiedono la transizione dal parco automezzi al servizio dei porti ai camion a zero emissioni entro il 2035.
  • Equipaggiamento per la movimentazione dei carichi: richiedere agli operatori terminalistici di acquistare equipaggiamento a zero emissioni, se possibile, o quasi zero o il più pulito disponibile quando si procurano nuovo equipaggiamento fuori strada da piazzale.

    Gli obiettivi del CAAP richiedono la transizione di tutto l'equipaggiamento per la movimentazione dei carichi a zero emissioni entro il 2030.
  • Navi - Collaborare con gli armatori e gli operatori delle navi al fine di incrementare la partecipazione alla comprovazione della tecnologia ed ai programmi di riduzione delle emissioni.

    Inoltre, ai sensi della normativa della California sull'energia elettrica a terra, la richiesta agli operatori navali di far funzionare i contenitori, i carichi refrigerati e le navi da crociera con elettricità del lato di terra presso gli ormeggi, ovvero di utilizzare tecnologia alternativa per catturare le emissioni, balza in alto sino all'80% della loro flotta con effetto dal 1° gennaio 2020.
  • Battelli portuali - Accelerare l'impiego di motori più puliti e di strategie operative per ridurre le emissioni dei battelli portuali.
  • Locomotive - Realizzare partenariati con linee ferroviarie primarie di Classe 1 e con ferrovie a corto raggio al servizio dei porti per ammodernare le locomotive e commutare il parco motrici con i motori più puliti a disposizione.

    Migliorare la rete ferroviaria in banchina in tutto il complesso per far sì che la movimentazione di più carichi per ferrovia sia anche la massima priorità.

    Un convoglio a due strati può eliminare sino a 750 viaggi camionistici.
  • Efficienze della filiera distributiva - Collaborare con partner del settore pubblico e privato in ordine a sicure soluzioni digitali che ottimizzino il flusso dei carichi e riducano le emissioni in tutte le modalità dall'origine alla destinazione.
Il rapporto 2018 mostra come il Porto continui a rispettare e superare tutti gli obiettivi 2023 per la riduzione degli elementi inquinanti primari.

Il Porto ha raggiunto il proprio obiettivo di riduzione dei particolati diesel nel 2012 (77%), il proprio obiettivo di riduzione di SO nel 2014 (93%) e quello inerente ai NO nel 2017 (59%).

Sulla base della propria riduzione dell'87% delle emissioni di particolati diesel, il Porto continua inoltre a superare il proprio obiettivo 2020 inerente alla riduzione del rischio per la salute delle operazioni correlate al porto già raggiunto nel 2014.

Per il futuro, il Porto punta a ridurre le emissioni di gas serra del 40% al di sotto del livello del 1990 entro il 2030 e dell'80% al di sotto del livello del 1990 entro il 2050.

Il Porto di Los Angeles è il principale porto americano ed è fortemente impegnato nello sviluppo di operazioni innovative, strategiche e sostenibili che apportino vantaggi all'economia ed alla qualità della vita della California meridionale.

Il Porto di Los Angeles, scalo marittimo all'avanguardia per volumi containerizzati e valore dei carichi, ha reso possibili traffici per 297 miliardi di dollari nel corso del 2018.

Le operazioni nel complesso portuale della Baia di San Pedro rendono possibile un posto di lavoro su nove nella regione composta da cinque contee della California meridionale.
(da: cargobusinessnews.com, 19 settembre 2019)



DP World hat die Ausschreibung für den Betrieb eines Endcontainers im Hafen von Deendayal (Kandla) vergeben.
Gandhidham
Joint Venture Drydocks World-Aker Solutions zur Modernisierung von FPSO-Einheiten
Marfret erhöht die Frequenz des Direktionsdienstes Italien-Ägypten
Genua
Ein zweites Schiff
Cargotec und Konecranes zeichnen neue Datensätze für jährliche und vierteljährliche Erlöse auf.
Helsinki/Hyvinkää
Im Jahr 2022 erhöhte sich der Wert der neuen von den beiden Gruppen erworbenen Aufträge um +9,8% bzw. +23,7%.
Im Jahr 2022 wuchs der Wert der neuen von ABB erworbenen Aufträge um +6,7%.
Zürich
Die Ergebnisse der Geschäftstätigkeit nahmen vierteljährlich nach Quartalsgeldern zu.
Letztes Jahr sank der Schiffsverkehr im Wald von Bosporus um 8,8%.
Ankara
Letztes Jahr verringerte sich der Schiffsverkehr im Wald von Bosporus um 8,8%.
Im letzten Quartal des Jahres 2022 betrug die Reduktion -5,1%.
MSC wird den Hafen von Livorno in den West Med-Middle-East-Indien-Dienst einbeziehen
Genf
Link hat wöchentliche Häufigkeit
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
USV registriert Umsatzrückgang nach 40 aufeinanderfolgenden Wachstumsquartalen
Atlanta
USV registriert Umsatzrückgang nach 40 aufeinanderfolgenden Wachstumsquartalen
2022 haben die Erlöse zum ersten Mal die 100 Milliarden Dollar überschritten.
Im Jahr 2022 erhöhten sich die Einnahmen der Gruppe "Ministertsilä" um +22%.
Helsinki
Der Wert der neuen Aufträge ist um +6% gestiegen.
Im Jahr 2023 sind in den Sarkos mehr als 400.000 Krokeristen im Vergleich zu den 221ern im letzten Jahr erwartet.
Cagliari
Bis heute sind 191 die Häfen von Cagliari, Olbia, Porto Torres, Golf Aranci, Oristano und Arbatax erschütterten.
Neuer Einsatz von Euromed Grimale gegen die Vereinbarung in der Präventivebene der Moby
Mailand
Es wurde vom Gericht in Mailand am 24. November genehmigt.
Künstliche Intelligenz und autonome Navigation
Tokyo
Dies sind die Tätigkeitsfelder, in denen die Japaner NYK und Ghelia zusammenarbeiten werden.
Der rumänische Hafen von Costanza hat einen jährlichen Datenverkehr zum Jahresende
Konstanz
Der rumänische Hafen von Costanza hat einen jährlichen Datenverkehr zum Jahresende
Die Container wurden von 772.046 teu (+ 22,2%) beladen.
Soddisfation von Confitarma für den Geschäftsausschuss des Europäischen Parlaments in den Bestimmungen über die Schiffskreditvergabe
Rom
Wir kämpfen seit vielen Jahren-und die Konföderation-dafür, dass die Schiffbaukredite zu regulatorischen Zwecken stufenweise mit der Infrastruktur gleichgesetzt werden.
In "Blue Economy" investieren, um Arbeitsplätze zu schaffen, Einkommensniveaus zu erhöhen und Emissionen zu reduzieren
Losanna
Das schlägt eine wissenschaftliche Studie vor, die in der "Frontiers in Marine Science" veröffentlicht wurde.
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Um die Aspekte der Stadtentwicklung in der Hafenstadt zu vertiefen, ist in Livorno ein Zeitraum von drei Tagen zu vertiefen.
Livorno
Sie treffen sich mit zwei technischen Gruppen ...
Am Donnerstag in Mailand eine Konferenz von Fedespedi über "Logistikdigitalisierung und PNRR"
Mailand
Die Föderation leistet seit dem Jahr 2020 ihren Beitrag zum Bau des Plans
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
TAS Offshore in talks to build 27 tugboats
(The Star Online)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy