testata inforMARE
8. Februar 2023 - Jahr XXVII
Unabhängige Zeitung zu Wirtschaft und Verkehrspolitik
22:09 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 31 OTTOBRE 2019

TECNOLOGIA INFORMATICA

LA CATENA DI BLOCCHI SARÀ UNA SVOLTA PER IL TRASPORTO MARITTIMO GLOBALE

I soggetti che gestiscono le operazioni di trasporto marittimo sono stati descritti come "ottimisti di primo grado" poiché il livello dei traffici globali è influenzato dai dazi di Trump per la Cina e dato che riecheggiano cupe previsioni per la crescita economica globale.

Può essere che le questioni che devono affrontare le aziende di trasporto marittimo siano così grandi da essere troppo grandi perché un solo operatore le possa risolvere da sé e così si è pervenuti ad una nuova era di "capitalismo collaborativo".

Ci si meraviglia se tale iniziativa abbia la parvenza di cercare di legittimare l'oligopolio quale struttura economica desiderabile.

Al fine di illustrare che cosa si intende, si consideri il fatto che diversi dei maggiori vettori marittimi mondiali hanno aderito alla piattaforma di catena di blocchi "TradeLens" che appartiene congiuntamente alla IBM ed al gigante containerizzato Maersk.

La tecnologia di registro digitale, ovvero la catena di blocchi, potrebbe eliminare o ridurre drasticamente la documentazione cartacea che rappresenta una parte così grande del trasporto marittimo.

Grandi quantitativi di documentazione accompagnano le transazioni, fra cui le polizze di carico, i contratti di vendita, le lettere di credito, i contratti con le parti di noleggio, i documenti portuali eccetera.

Questi documenti passano attraverso una serie di parti diverse per la realizzazione del trasporto e della consegna del carico e per l'effettuazione dei pagamenti, procedure che sono lunghe e fanno perdere tempo.

Possiamo essere scettici riguardo alle criptovalute e tuttavia la tecnologia della catena di blocchi che esse sottendono costituiscono una svolta dinamica.

Essa ha il potere di riorganizzare le risme di carta che compongono le "polizze di carico", le "autorizzazioni a movimentare le merci" eccetera e di realizzare una rivoluzione mediante la trasformazione del trasporto marittimo di merci in un ambiente senza carta ed online.

Questo libererebbe tutte le parti in ogni transazione dall'utilizzare chiavi pubbliche e private per eseguire transazioni materiali, scambiare e consentire lo stoccaggio di informazioni sensibili in un formato criptato.

Ciò consentirà una consegna senza soluzione di continuità delle obbligazioni contrattuali, delle istruzioni di presentazione ed accettazione e dello scambio di pagamenti in modo sicuro.

La IBM e la Maersk hanno lanciato la "TradeLens" quale ecosistema all'inizio del 2018 nel tentativo di sfruttare la tecnologia della catena di blocchi per i sistemi delle filiere distributive globali.

Esso si avvale di un processo di crittografia per collegare i porti e gli operatori dei terminal, i proprietari della merce, le autorità doganali, gli spedizionieri di merci, i broker e le imprese di trasporto nell'ambito di un processo senza soluzione di continuità che dovrebbe rivelarsi più agevole ed efficiente rispetto al vecchio metodo di dover fare affidamento su una tornata apparentemente infinita di controlli e ricontrolli cartacei.

Si pensi al risparmio di tempo e di impegno se una transazione potesse essere suggellata ed approvata elettronicamente e potesse consentire lo stoccaggio sicuro della verifica in modo da non poter essere modificata o cancellata da qualcuno degli utenti o da un terzo esterno.

Che cosa ha stimolato il crescente interesse per l'ecosistema TradeLens?

Il BDI (Baltic Dry Index) viene pubblicato quotidianamente dalla Borsa Baltica con sede a Londra ed è composto dalle medie dei periodi di noleggio delle navi Capesize, Panamax e Supramax.

Esso viene riportato in tutto il mondo quale indicatore dei quantitativi di rinfuse secche trasportate via mare così come quale segnale indicatore generale del mercato dello shipping che misura i cambiamenti del costo del trasporto di varie materie prime.

Più direttamente, l'indice misura la domanda di capacità di trasporto marittimo rispetto all'offerta di rinfusiere per carichi secchi.

La domanda di trasporto marittimo varia con il quantitativo di carico che viene commercializzato o movimentato in vari mercati (offerta e domanda).

Dal momento che l'offerta di navi mercantili è generalmente sia esigua che poco elastica e che ci vogliono in media due anni per costruire una nuova nave mercantile, il costo derivante dal blocco di una nave è troppo alto perché la si possa tenere fuori servizio per brevi intervalli.

Pertanto marginali incrementi della domanda possono rapidamente spingere verso l'alto l'indice.

Al contrario, marginali decrementi della domanda possono causare un rapido calo dell'indice.

L'indice è salito alquanto rapidamente a febbraio da 598,32 sino ad un picco di 2.457,19 ad agosto.

Dopo di che è ruzzolato indietro del 26,4% sino a 1.809,00 e si è assestato pericolosamente vicino al punto di supporto tecnico di 1.763,44.

Naturalmente i costi di trasporto marittimo varieranno in tutto il mondo, ma poiché i dazi hanno fatto diminuire la fiducia e gli investimenti delle aziende, il FMI (Fondo Monetario Internazionale) ha dichiarato che i traffici globali delle merci sono stati stagnanti, riducendo così i prezzi che i vettori possono addebitare per movimentare i carichi.

Al di là di questo contesto deprimente dei traffici, il trasporto marittimo deve affrontare il fatto di dover fare i conti con i costi in aumento così come con la contrazione dei ricavi.

Le navi sono soggetti molto inquinanti poiché emettono milioni di tonnellate di gas serra come l'anidride solforosa, l'anidride carbonica ed il metano.

Tutti questi gas contribuiscono al riscaldamento globale trattenendo il calore nell'atmosfera.

Le emissioni marittime rappresentano circa il 3% delle emissioni globali di anidride carbonica, grosso modo la stessa percentuale del trasporto aereo.

Secondo il Forum Economico Mondiale se il trasporto marittimo fosse un paese sarebbe il sesto maggior inquinante del mondo.

Pertanto, non sorprende che se la TradeLens riuscisse a contribuire a razionalizzare le attività e a far risparmiare sui costi il numero delle imprese che vi aderiscono senza dubbio salirebbe.

A gennaio 2018 oltre alla Maersk e ad una partecipata solo un vettore marittimo era salito a bordo.

La raccolta iniziale è stata lenta, dato che, come avviene in un tipico libero mercato, gli operatori si sono chiesti perché impegnarsi in una piattaforma se essa appartiene ad un concorrente.

Tuttavia, col passare del tempo si è compreso che la contrazione dei ricavi e l'aumento dei costi implicano che i vantaggi superano tali perplessità.

Alla fine di giugno sono stati reclutati due dei principali cinque vettori, portando a 15 il numero complessivo delle linee di navigazione che si servono della piattaforma.

Il vice presidente per la catena di blocchi ed i traffici globali della IBM Todd Scott afferma che l'adesione di grandi vettori marittimi fa prevedere per la TradeLens "un anno ancora migliore nel 2020".

Dichiara Scott: "... L'anno scorso abbiamo ricevuto adesioni da organizzazioni di tutto il mondo che, a loro volta, hanno indotto una stabile crescita del nostro ecosistema TradeLens...".

Todd ha spiegato che la TradeLens ha già trattato i dati risalenti e ha lavorato i sili esistenti fra i partner commerciali, riducendo straordinariamente la documentazione richiesta per tutte le spedizioni possibili.

Siamo ancora ai primi giorni e c'è una lunga strada da fare fino a quando il settore riuscirà ad acquisire il pieno potenziale per realizzare la catena di blocchi nel trasporto marittimo.

(da: hellenicshippingnews.com/forbes.com, 17 ottobre 2019)



Vereinbarung zwischen der Italienischen Akademie der Marine Marktplatz und dem Adplex Ligure Oriental
La Spezia
Die Studie und die Analyse des Bedarfs der Arbeitnehmer der Hafenterminals von Gewürz und Marina von Carrara
CMA CGM würde die Schifffahrtsgesellschaft La Méridion erwerben
Marseille
Zur laufenden Behandlung mit der STEF-Gruppe
Pino Musolino wurde zum Präsidenten von MEDPorts gewählt.
Pino Musolino wurde zum Präsidenten von MEDPorts gewählt.
Tunis
Jordi Torrent wurde zum Stellvertretenden Generalsekretär der Vereinigung ernannt.
Die positiven Bestandteile des Einkommens, die durch "weiße Zertifikate" generiert werden, können der Tonnare-Steuer unterworfen werden.
Rom
Die Agentur der Einnahmen erläuterte die Agentur, indem sie eine Instanz der Grimaldi-Gruppe beantwortet hat.
Letztes Jahr ging der Verkehr mit den HPH-Trust-Containern um -7,3% zurück.
Singapur
Letztes Jahr ging der Verkehr mit den HPH-Trust-Containern um -7,3% zurück.
Der Rückgang der Geschäftstätigkeit ist in der zweiten Hälfte des Jahres 2022 eingetreten.
Verkaufserteilung für die Fanschelterfahrung im Hafen von Cagliari
Cagliari
Die Arbeiten werden in drei Jahren durchgeführt.
CMA CGM und die Hafenbehörde von Barcelona wurden zum Erwerb der Puerto Seco Azuqueca zugelassen.
Madrid
Freier Kartellverbot für spanische Kartellrecht
Deserta vergewissert sich auch die dritte Ausschreibung für Seeverkehrsverbindungen mit den kleineren Inseln
Cagliari
Die Gewerkschaften fordern die Überarbeitung der Ausschreibung, insbesondere in wirtschaftlicher Hinsicht, auf.
NÄCHSTE ABFAHRSTERMINE
Visual Sailing List
Abfahrt
Ankunft:
- Alphabetische Liste
- Nationen
- Geographische Lage
Auf dem Hafen von Civitavecchia wurde ein illegaler Handel mit direkten Abfällen in Afrika gestoppt.
Civitavecchia
3 Partien von Waren mit einem Gesamtgewicht von 32 Tonnen
Gruber Logistics eröffnet zwei Büros in der Türkei
Gruber Logistics eröffnet zwei Büros in der Türkei
Zeit
Ziel ist es, durch den Hafen von Triest den Handel mit und für Europa zu steigern.
Im letzten Jahr stieg der Frachtverkehr in den spanischen Häfen um +3,5%.
Madrid
Im letzten Jahr stieg der Frachtverkehr in den spanischen Häfen um +3,5%.
Verringerung des containergestützten Transitverkehrs. Im vierten Quartal war ein Rückgang um -1,1% zu verzeichnen.
DP World hat die Ausschreibung für den Betrieb eines Endcontainers im Hafen von Deendayal (Kandla) vergeben.
Gandhidham
Joint Venture Drydocks World-Aker Solutions zur Modernisierung von FPSO-Einheiten
Marfret erhöht die Frequenz des Direktionsdienstes Italien-Ägypten
Genua
Ein zweites Schiff
Cargotec und Konecranes zeichnen neue Datensätze für jährliche und vierteljährliche Erlöse auf.
Helsinki/Hyvinkää
Im Jahr 2022 erhöhte sich der Wert der neuen von den beiden Gruppen erworbenen Aufträge um +9,8% bzw. +23,7%.
Im Jahr 2022 wuchs der Wert der neuen von ABB erworbenen Aufträge um +6,7%.
Zürich
Die Ergebnisse der Geschäftstätigkeit nahmen vierteljährlich nach Quartalsgeldern zu.
Letztes Jahr sank der Schiffsverkehr im Wald von Bosporus um 8,8%.
Ankara
Letztes Jahr verringerte sich der Schiffsverkehr im Wald von Bosporus um 8,8%.
Im letzten Quartal des Jahres 2022 betrug die Reduktion -5,1%.
HÄFEN
Italienische Häfen:
Ancona Genua Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Neapel Trapani
Carrara Palermo Triest
Civitavecchia Piombino Venedig
Italienische Logistik-zentren: Liste Häfen der Welt: Landkarte
DATEN-BANK
ReedereienWerften
SpediteureSchiffs-ausrüster
agenturenGüterkraft-verkehrs-unternehmer
MEETINGS
Um die Aspekte der Stadtentwicklung in der Hafenstadt zu vertiefen, ist in Livorno ein Zeitraum von drei Tagen zu vertiefen.
Livorno
Sie treffen sich mit zwei technischen Gruppen ...
Am Donnerstag in Mailand eine Konferenz von Fedespedi über "Logistikdigitalisierung und PNRR"
Mailand
Die Föderation leistet seit dem Jahr 2020 ihren Beitrag zum Bau des Plans
››› Archiv
NACHRICHTENÜBERBLICK INHALTSVERZEICHNIS
L'Algérie investit 500 millions d'euros au Cameroun
(L'Expression)
3rd oil tanker body found, 5 workers still missing
(Bangkok Post)
››› Nachrichtenüberblick Archiv
FORUM über Shipping
und Logistik
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archiv
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genua - ITALIEN
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Umsatzsteuernummer: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Verantwortlicher Direktor: Bruno Bellio
Jede Reproduktion, ohne die ausdrückliche Erlaubnis des Herausgebers, ist verboten
Suche in inforMARE Einführung
Feed RSS Werbeflächen

inforMARE in Pdf
Handy