testata inforMARE
28 novembre 2022 - Anno XXVI
Quotidiano indipendente di economia e politica dei trasporti
11:55 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook


CENTRO INTERNAZIONALE STUDI CONTAINERSANNO XXXVII - Numero 15 DICEMBRE 2019

STUDI E RICERCHE

LA GLOBALIZZAZIONE SI STA EVOLVENDO, NON È IN FLESSIONE, AFFERMA IL RESPONSABILE DELLA DHL

La globalizzazione si sta evolvendo, non è in flessione, secondo l'amministratore delegato della DHL Express e le ultime conclusioni del GCI (Global Connectedness Index) della DHL indicano che il mondo resta più connesso che in quasi tutti gli altri momenti della storia, malgrado alcune recenti forti turbolenze nella geopolitica e nei traffici globali.

La DHL e la Stern School of Business della New York University hanno pubblicato oggi l'aggiornamento 2019 del GCI (Global Connectedness Index) della DHL che evidenzia gli sviluppi essenziali nei flussi internazionali di capitale, traffici, informazioni e persone.

Su incarico affidato dalla DHL, il nuovo rapporto mostra che la contrazione dei flussi di capitale internazionali ha comportato una leggera flessione della connettività globale nel 2018.

Tuttavia, malgrado i forti venti contrari nella geopolitica e nei traffici globali, il GCI è rimasto vicino al suo massimo storico del 2017 ed il rapporto ha concluso che il mondo "resta più connesso che in quasi tutti gli altri momenti della storia, senza che finora vi siano segnali di un significativo ribaltamento della situazione riguardo alla globalizzazione".

L'amministratore delegato della DHL Express John Pearson ha commentato: "Gli scambi internazionali consentono alla gente ed alle aziende di tutto il mondo di collaborare per cogliere nuove opportunità.

Anche se le attuali tensioni geopolitiche potrebbero perturbare seriamente la connettività globale, questo aggiornamento del 2019 constata che gran parte dei flussi internazionali sono rimasti sorprendentemente resilienti fino adesso.

In ultima analisi, ciò a cui stiamo assistendo oggi è l'evoluzione della globalizzazione e non il suo declino.

Occorre che i responsabili delle decisioni stiano attenti a non reagire in modo eccessivo alla pesante retorica dei titoli in prima pagina".

Questo aggiornamento del DHL Global Connectedness Index è stato calcolato sulla base di oltre 3,5 milioni di punti dati su flussi da paese a paese.

Esso assicura una completa copertura dal 2001 al 2018, unitamente ad un'analisi parziale della prima metà del 2019.

Il rapporto è altresì caratterizzato da una ricerca approfondita in ordine alle relazioni commerciali fra Stati Uniti e Cina, "tracciando il drastico calo dei traffici fra i due paesi, così come da un esame delle recenti indicazioni secondo cui la globalizzazione sta lasciando il posto alla regionalizzazione" sottolinea il rapporto.

Steven A. Altman, ricercatore senior alla NYU Stern School of Business e capo redattore del GCI, commenta: "La nostra analisi non conferma una solida tendenza alla regionalizzazione.

Invece, abbiamo visto che la distanza media lungo la quale i paesi effettuano scambi si è mantenuta stabile dal 2012.

Anche se le logore relazioni fra le più importanti economie potrebbero comportare una frattura lungo le linee regionali, tale spostamento non ha ancora avuto luogo definitivamente".

L'aggiornamento del GCI sostiene di mostrare che i flussi di traffico "hanno continuato ad intensificarsi nel corso delle prime fasi della guerra commerciale fra Stati Uniti e Cina nel 2018.

Tuttavia, questa forza non si è estesa fino al 2019.

Nella prima metà di quest'anno, la quota della produzione globale scambiata fra i confini nazionali è diminuita".

Continua poi: "Anche se è probabile che la crescita dei flussi di traffico resti positiva quest'anno, non ci si aspetta che tenga il ritmo con la crescita del PIL.

Nondimeno, le attuali previsioni suggeriscono che l'intensità dei traffici sia avviata solo ad un modesto calo nel corso del 2020".

Si afferma che il capitale è stato il solo montante dell'indice che è calato nel 2018 e si aggiunge: "Infatti, la riduzione della connettività a livello globale è stata interamente indotta dalla contrazione dei flussi di capitale internazionali, nello specifico degli investimenti esteri diretti e degli investimenti in portafoglio di titoli azionari.

Anche se i primi dati sui flussi di capitale per il 2019 suggeriscono una certa stabilizzazione, un solido recupero su queste metriche rimane sfuggente.

"Tuttavia, gran parte del calo degli investimenti esteri diretti è stato dovuto ai cambiamenti della politica fiscale statunitense che hanno spinto le multinazionali statunitensi a rimpatriare i guadagni detenuti all'estero.

Questo suggerisce che i fondamentali potrebbero essere più forti di quanto non sembrino, senza alcun ripiegamento della globalizzazione aziendale in corso".

Nel frattempo, la globalizzazione dei flussi di informazioni continua a progredire, ma le misure disponibili indicano un possibile rallentamento.

"Mentre la crescita delle comunicazioni internazionali ha in genere superato di gran lunga la crescita delle comunicazioni interne almeno dai primi anni 2000, i dati recenti suggeriscono che entrambi stanno crescendo a tassi più simili", ha osservato il rapporto.

"Anche i flussi globali di persone continuano ad avanzare.

I viaggi in uscita dalle economie emergenti e la liberalizzazione dei requisiti in materia di visti turistici hanno dato una spinta significativa al turismo internazionale.

Nonostante le polemiche di politica pubblica, anche la migrazione internazionale continua a crescere".

Guardando avanti, l'aggiornamento del 2019 rileva che "tutti e quattro i flussi misurati dal GCI - traffici, capitale, informazioni e persone - stanno attualmente affrontando potenti venti contrari.

L'aumento delle barriere e l'incertezza sull'apertura futura stanno iniziando a comportare costi significativi.

Allo stesso tempo, un sondaggio sulle percezioni della globalizzazione rivela che molta gente non si rende conto di quanto sia effettivamente limitata la connessione globale.

Una sintesi del rapporto ha concluso: "Mentre il mondo è più connesso che in quasi tutti i periodi precedenti della storia, la maggior parte delle attività si svolge ancora all'interno e non oltre i confini nazionali.

Il rapporto evidenzia come tali percezioni esagerate della globalizzazione possano comportare processi decisionali distorti nelle attività e una sottostima del potenziale significativo disponibile a causa di ulteriori incrementi della connettività globale".
(da: lloydsloadinglist.com, 4 dicembre 2019)



DALLA PRIMA PAGINA
Uiltrasporti, il governo non sostiene la decarbonizzazione del settore trasporti
Roma
Tarlazzi: assenti o insufficienti le misure nella bozza della nuova legge di Bilancio
Anche lo slancio dei risultati economici della CMA CGM ha perso forza
Marsiglia
Nuovo record di ricavi trimestrali. Nel periodo luglio-settembre i carichi trasportati dalla flotta sono tornati a crescere
Affidata la progettazione dell'elettrificazione di banchine dei porti di Bari e Brindisi
Bari
Contratto del valore di 488mila euro
La giapponese MOL ordinerà due nuove navi da crociera
Tokyo
Investimento di 100 miliardi di yen per unità da 35.000 tsl
Il porto di Trieste cresce nei primi dieci mesi del 2022 ma arretra nell'ultimo quadrimestre
Trieste
Nel periodo luglio-ottobre movimentate 18.325.525 tonnellate di carichi (-7,7%)
Prestito di 43 milioni di euro della BERS a Serbia Cargo
Londra
Fincanziato anche il potenziamento del porto kazako di Aktau
La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) ha concesso un prestito di 43 milioni di euro alla società ferroviaria merci statale serba ...
FESCO acquisterà portacontainer da 6-7.000 teu di seconda mano per importare banane dall'Ecuador
Mosca
Da febbraio a marzo 2022 le spedizioni di banane ecuadoriane verso la Russia sono calate da 9,32 milioni a 5,83 milioni di casse
La prima nave di Explora Journeys prenderà il mare il prossimo 17 luglio
Ginevra
Partirà da Southampton verso il Nord Europa sino ad oltre il Circolo Polare Artico
FerMerci, l'aumento del costo dell'energia rischia di bloccare il trasporto ferroviario merci
Roma
Domani l'associazione proporrà un “Patto per la formazione del personale di esercizio nel trasporto ferroviario merci”
Taglio della prima lamiera della nave da crociera Silver Ray
Papenburg
Silverseas Cruises decide di rinviare di un mese il lancio della gemella “Silver Nova”
Il Korean Register autorizzato a fornire servizi di certificazione e sorveglianza alle navi greche
Atene
Accordo con Ministero delle Attività marittime e delle politiche insulari di Atene
Ad ottobre il traffico delle merci nei porti marittimi cinesi è aumentato del +3,7%
Pechino
Il solo traffico da e per l'estero è stato di 393,4 milioni di tonnellate (+0,2%)
Nel terzo trimestre, per la prima volta in due anni, gli scambi commerciali del G20 sono diminuiti
Parigi
Ulteriore indebolimento della crescita del commercio di servizi
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
Progetto per realizzare un nuovo porto franco nel Galles
Londra
È stato presentato da Associated British Ports, da Port of Milford Haven e dalle contee di Neath Port Talbot e Pembrokeshire
AGCS, l'inflazione ha l'effetto di incrementare la gravità dei sinistri marittimi
Monaco di Baviera
I recenti aumenti dei valori delle navi e dei carichi significano che le perdite e le riparazioni stanno diventando più onerose
PROSSIME PARTENZE
Visual Sailing List
Porto di partenza
Porto di destinazione:
- per ordine alfabetico
- per nazione
- per zona geografica
Nel 2021 il traffico delle merci nei porti dell'UE è aumentato del +4,1% (-3,5% sul 2019)
Bruxelles
Nel segmento dei container, il traffico in Italia è rimasto stabile mentre è cresciuto nelle altre principali nazioni marittime
BANCA DATI
ArmatoriRiparatori e costruttori navali
SpedizionieriProvveditori e appaltatori navali
Agenzie marittimeAutotrasportatori
PORTI
Porti italiani:
Ancona Genova Ravenna
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Livorno Taranto
Cagliari Napoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venezia
Interporti italiani: elenco Porti del mondo: mappa
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivio
RASSEGNA STAMPA
More than 80 injured as Indian police clash with Adani port protesters
(Reuters)
Unye Port Opened to the World
(Raillynews)
››› Archivio
FORUM dello Shipping
e della Logistica
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivio
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Direttore responsabile Bruno Bellio
Vietata la riproduzione, anche parziale, senza l'esplicito consenso dell'editore
Cerca su inforMARE Presentazione
Feed RSS Spazi pubblicitari

inforMARE in Pdf
Mobile