testata inforMARE
06 de diciembre de 2022 - Año XXVI
Periódico independiente sobre economía y política de transporte
10:47 GMT+1
LinnkedInTwitterFacebook
FORUM de lo shipping y
de la logística

Conferenza Internazionale

"A CHE PUNTO È
LA ZONA MEDITERRANEA
DI LIBERO SCAMBIO"

 

Intervento del Dott. Paolo d'Amico
Vice Presidente Confitarma

 

Roma, 8 Novembre 2005

 

PREMESSA

Vorrei innanzi tutto ringraziare gli organizzatori del convegno e il Mediterranean Community of Transportation (Co. Me. Tra) per l'impegno profuso da anni in favore dei Paesi del Mediterraneo.

Nel mio ruolo di rappresentante delle imprese di navigazione italiane, vorrei ribadire il pieno sostegno alle iniziative che il Co.Me.Tra ha elaborato e realizzato dalla "Dichiarazione di Barcellona" del 1995 ad oggi.

Gli armatori italiani condividono gli sforzi che si stanno compiendo per un ampliamento della Zona di Libero Scambio ai Paesi che per il momento ne risultano esclusi: Albania, Bosnia-Erzegovina, Bulgaria, Croazia, Macedonia, Georgia, Libia, Romania, Serbia-Montenegro, Ucraina.

E' evidente, infatti, che una mancata integrazione di tali Paesi produrrebbe una Zona di Libero Scambio incompiuta ("a macchie di leopardo") riducendone la funzionalità e la rappresentatività.

L'Italia ricopre un ruolo di assoluto rilievo nell'ambito del mar Mediterraneo. Tutte le principali rotte che interessano l'Italia descrivono flussi in entrata, a rappresentazione della carenza di materie prime di cui soffre il Paese (in particolare spicca il ruolo della Libia come fornitore di prodotti petroliferi). Un Paese "generoso" quindi, ma anche in grado di creare un notevole valore aggiunto. L'Italia esporta poco in termini di quantità, ma genera una mole di ricchezza sicuramente molto significativa.

Bisogna, poi, tenere in considerazione il boom demografico che nei prossimi dieci anni interesserà le popolazioni del Nord Africa: un aumento stimato di 100/150 milioni di abitanti, con conseguenze e prospettive di sviluppo, in termini di traffici e di trasporti, fino a poco tempo fa impensabili.

 

IL SISTEMA-MEDITERRANEO

In particolare, può essere utile ricordare che:

  • il bacino Mediterraneo riveste un ruolo di primo piano all'interno dello scenario mondiale dei trasporti marittimi e i Paesi che lo compongono diventano sempre più compatti
  • . Senza considerare le merci in transito, negli ultimi anni i traffici marittimi che hanno origine e/o destinazione in uno dei Paesi che si affacciano sul mar Mediterraneo risultano pari a circa il 15% del traffico marittimo mondiale. Di questi, circa un terzo si sono svolti solo all'interno di questo mare. Si può dunque affermare che circa un ventesimo del traffico marittimo mondiale si svolge interamente tra i Paesi del bacino mediterraneo. Inoltre, tale quota di scambio intermediterraneo appare in leggera progressiva crescita;
  • il sistema dei traffici dei Paesi del Mediterraneo è articolato e complesso
  • . La lettura analitica delle matrici origine-destinazione dei traffici marittimi che avvengono tra i singoli Paesi del Mediterraneo al loro interno e con gli altri principali continenti, infatti, indica l'estrema ricchezza di movimento ed interdipendenza reciproca che anima il bacino del Mediterraneo;
  • il bacino Mediterraneo domanda merci ed esporta valore aggiunto
  • . Il Mediterraneo, nel suo complesso, ricopre un ruolo di grande importatore di merci "povere" e di esportatore di merci "ricche"; il ruolo dei container è progressivamente in aumento, ma la sua rilevanza non può rappresentare l'unico indicatore dell'andamento dei traffici. Analizzando i dati relativi ai diversi modi di trasporto delle merci via mare si è potuto constatare come, a parte determinate rotte e alcuni dettagli merceologici, il trasporto per container rappresenti oggi, e sia destinato a rappresentare nel prossimo futuro, una quota significativa ma non certo esclusiva del trasporto totale che interessa il bacino mediterraneo.

 

LA RISPOSTA DEGLI ARMATORI AL NUOVO SVILUPPO DEI TRAFFICI MARITTIMI MEDITERRANEI

Le prospettive sopra-delineate appaiono di grande interesse per l'armamento nazionale che, ove riuscisse ad inserirsi opportunamente in questo scenario, potrebbe realizzare importanti obbiettivi : in primo luogo la "cattura" di gran parte del "traffico aggiunto" indotto dalla costituzione della Zona ed in secondo luogo dalle nuove possibilità che lo sviluppo dei traffici mediterranei offrirebbe in molti campi collaterali alle attività di shipping.

In sostanza si tratta di far ricuperare all'armamento italiano nuove posizioni nei traffici intra-mediterranei e nelle attività collegate : facendone il punto di riferimento per il futuro sviluppo della Regione Mediterranea globalmente intesa ed offrendo agli interessi dell'industria italiana ed europea un vettore marittimo opportunamente dimensionato ed adeguatamente collegato ad una rete distributiva intermodale attiva in tutto Mediterraneo.

In quest'ottica assume particolare rilievo il ruolo delle emergenti economie mediterranee con particolare rilevanza di Turchia ed Egitto per la dimensione dei rispettivi mercati ed il posizionamento strategico : quella turca che rappresenta il collegamento ideale dell'area mediterranea con i ricchi mercati della Federazione Russa e dell'Ucraina (via mar Nero); quella egiziana di gran lunga la più importante ed emergente tra i paesi arabi della sponda sud.

In concreto ciò comporterebbe l'espansione delle attuali linee di traffico e la creazione di nuove appoggiate a terminals dedicati sia nella sponda nord che sud, da aggiornare o realizzare ex novo con la collaborazione dei vettori marittimi nazionali, la creazione in detti paesi di nuove organizzazioni logistiche in joint con strutture locali, l'individuazione di navi particolarmente attrezzate per talune tipologie di traffici intra-mediterranei, ecc' : in pratica il coinvolgimento di tutta la filiera navale e logistica del nostro Paese ( dalla costruzione navale alla gestione di terminals, dall'attività agenziale alla formazione ecc..).

Il perseguimento degli obbiettivi sopra-citati richiede, a monte, la messa punto di un disegno strategico ben preciso che dovrebbe essere realizzato in più fasi :

  1. in primo luogo : la costituzione, il più possibile informale ed ai costi più ridotti, di un " GRUPPO DI INTERESSE " trasversale che riunisca le rappresentanze di tutte le categorie interessate, nel breve e nel medio periodo, all'obbiettivo principale : armamento, cantieristica, logistica ecc..) che raccolga le opzioni di ciascuna categoria e le inserisca in un quadro generale di riferimento, ricapitolante le aspirazioni ed i ruoli di ciascuno nella costruzione e nello sviluppo dell'attività commerciale/industriale della futura Zona.
  2. la raccolta di tutte le informazioni, studi e progetti concernenti lo sviluppo delle singole economie degli stati rivieraschi del sud con particolare riguardo ai collegamenti intra-mediterranei ( linee di navigazione, navi, terminals portuali ecc'.)
  3. il monitoraggio metodico del progetto "Zona di Libero Scambio" per quanto concerne i futuri accordi di natura commerciale-doganale e le relative possibili ricadute nel settore trasportistico-logistico, in particolare per quanto riguarda gli incrementi nella domanda di stiva che ne potrebbero derivare
  4. lo studio possibili azioni di adeguamento (tramite finanziamenti, aggiornamento tecnologico, azioni di formazioni, ecc' ) di singoli terminals mediterranei da assumere in gestione attraverso joint ventures costituite con aziende locali
  5. la partecipazione del GRUPPO alle iniziative organizzate sullo stesso tema da organismi economici di livello come ad es. il Laboratorio Euro-Mediterraneo, organizzato dalla Promos.

Le informazioni così acquisite rappresenterebbero la base conoscitiva indispensabile per la redazione di un complessivo "Progetto strategico" che dovrebbe contenere il quadro di riferimento macro-economico della Zona con le indicazioni di settore necessarie agli associati delle singole categorie per poter decidere eventuali singoli investimenti o partecipazioni ad iniziative plurime.

La disponibilità di detto "progetto strategico" potrebbe consentire di anticipare eventuali concorrenti di altri paesi comunitari /mediterranei e di occupare per tempo migliori posizioni commerciali e logistiche dell'area mediterranea.

Per la costituzione della Zona, che rappresenta uno dei più concreti ed interessanti obbiettivi che si presentano nel breve-medio termine all'armamento ed all'economia italiana, difficilmente verrà rispettata la scadenza del 2010 : ciò non ostante è indispensabile iniziare a dotarsi per tempo degli strumenti conoscitivi ed operativi diretti a mettere l'armamento italiano in condizione di vantaggio rispetto agli altri partners comunitari : ed in questo senso i 5 anni che ci separano dalla scadenza sembrano appena sufficienti.

Per quanto riguarda il finanziamento delle iniziative più sopra proposte ( costi per studi, promozione, valutazione delle esigenze di aggiornamenti infrastrutturali, ecc'): si ritiene che la rilevanza non solo commerciale dell'obbiettivo Zona e delle positive ricadute che ne deriverebbero all'intero sistema produttivo italiano, dovrebbe richiamare l'attenzione e la disponibilità degli Istituti finanziari : sia di quelli privati sia di quelli pubblici deputati alla promozione del sistema economico nazionale.

In fase iniziale sarebbe opportuno riservare il progetto alle sole istanze nazionali per evidenti motivi di convenienza politico-economica: solo una volta che l'apparato nazionale fosse sufficientemente posizionato si potrebbe prendere in considerazione il coinvolgimento nella sua gestione di altre realtà comunitarie. Ciò significa che, almeno in un primo tempo, solo risorse e competenze italiane dovrebbero essere coinvolte nell'iniziativa, rinunciando alla disponibilità eventuale di collaborazioni e risorse di origine UE o di altri partners comunitari.

 

Lo SHORT SEA SHIPPING e le AUTOSTRADE DEL MARE

L'armamento italiano non fa parte del gruppo dei grandi vettori che dominano il mercato mondiale, ma svolge comunque un importante ruolo per alcuni settori geografici e nell'ambito dello short sea shipping.

A questo riguardo, è bene sottolineare che lo short sea shipping è già da molto tempo una realtà vitale del sistema di trasporto europeo, ma a causa di un'attenzione prevalentemente orientata al trasporto terrestre, soprattutto in Italia, si è spesso verificata una sottovalutazione del suo ruolo effettivo.

Nel Libro Bianco sulla politica comune dei trasporti nell'Unione Europea, che ben evidenzia le opportunità dello Short Sea Shipping, si rileva che la navigazione marittima fra porti dell'Unione Europea copre il 41% del trasporto merci intra-comunitario e, negli ultimi anni è stata l'unica modalità a riuscire a tenere il passo con la crescita del trasporto su strada. In dieci anni il traffico short sea è aumentato del 27%, erodendo ben 4 punti percentuali alle quote del trasporto ferroviario e stradale, che oggi ammontano rispettivamente all'8 e al 44% nel settore delle merci. Questo significa anche che già oggi molte merci per raggiungere il Nord Europa, invece di attraversare le Alpi, preferiscono le vie del mare e poi la strada per il segmento terminale del viaggio.

Le iniziative che riguardano lo short sea shipping si integrano poi con un altro progetto suscettibile di notevoli opportunità per il Paese e per le imprese italiane: le Autostrade del Mare.

Queste si manifestano come una realtà in costante evoluzione nello scenario del trasporto nazionale ed internazionale, continuando a crescere a ritmi sostenuti, in attesa degli auspicati interventi del Governo nazionale a favore di un riequilibrio modale e grazie ad una costante attenzione in sede europea.

Queste infrastrutture di trasporto non tracciate sembrano aver maturato un orientamento all'internazionalizzazione, attraverso una diversificazione delle tratte che consente loro di assumere un ruolo strategico nei corridoi paneuropei. Nuove linee sono oggi attive: Civitavecchia - Barcellona, Civitavecchia - Tolone, Livorno ' Tunisi, Palermo ' Tunisi, Savona-Tarragona, ed è imminente il collegamento Civitavecchia-Tunisi.

A livello internazionale, nel Mediterraneo sono state attivate 16 direttrici, con una offerta settimanale di quasi 135.000 metri lineari (+347,5% rispetto al 1999), e un trasporto di quasi 450.000 semirimorchi e oltre 365.000 autoarticolati.

Una ricerca effettuata dal CNEL sui servizi di linea ha messo in luce che se vi sono 52 collegamenti da porti italiani con le aree del Sud-Est asiatico, dell'America settentrionale, centrale e meridionale, sono ben 120 i servizi internazionali che uniscono l'Italia al resto del Mediterraneo e oltre 160 ogni settimana le partenze internazionali di ferry dai nostri porti per il resto del bacino.

 

CONCLUSIONI

Concludo con due sole considerazioni, che evidentemente non esauriscono il dibattito; piuttosto aprono lo spazio all'ulteriore riflessione e si pongono come stimolo per guardare in avanti.

Il sistema Mediterraneo va seguito con grande attenzione, va analizzato e monitorato in continuazione per seguirne evoluzione e nuove opportunità.

Si tratta infatti di un sistema ricco, ad elevato potenziale di valore aggiunto e dovremmo quindi tutti lavorare, insieme, per valorizzarne questo potenziale.

Per questo motivo riteniamo di poter proporre lo sviluppo del "progetto strategico" cui si è fatto riferimento in precedenza.

Lo sviluppo di un'area di libero commercio nel Mediterraneo potrà essere l'occasione di sviluppo per il Nord Africa, i Balcani, il Medio Oriente, aiutando lo sviluppo democratico ed economico di questi Paesi anche attraverso l'impegno a fornire competenze e assistenza per lo sviluppo di porti e infrastrutture aiutando nel contempo lo sviluppo, facilitando gli investimenti produttivi, creando lavoro, limitando i flussi clandestini,

Affermava Braudel che il Mediterraneo è già "una rete di città che si tengono per mano". Noi tutti siamo convinti che l'armamento italiano possa fare la sua parte affinché questa rete possa continuare a crescere.

›››Archivo
DESDE LA PRIMERA PÁGINA
AGCM, il processo di selezione dei concessionari portuali non dovrebbe prendere le mosse esclusivamente dall'istanza del soggetto interessato
Roma
Illustrate le considerazioni in base alle quali è stata respinta la richiesta di Caronte & Tourist di realizzare un sistema di approdo per la rotta Reggio Calabria-Messina
A Venezia le navi da crociera di lusso di piccola dimensione approderanno al terminal di Fusina
Venezia
Accordo tra Venice Ro-Port Mos e Venezia Terminal Passeggeri
Attivato il nuovo corridoio ferroviario merci fra Turchia e Uzbekistan
Tashkent
Attraversa i territori di Iran e Turkmenistan
La società ferroviaria merci austriaca RCG istituisce una propria filiale in Cina
Vienna
L'azienda gestisce circa 600 treni all'anno lungo la Nuova Via della Seta
ESPO, l'applicazione dell'EU ETS al trasporto marittimo deve essere monitorata da subito
Bruxelles
Ryckbost: il dirottamento di navi verso porti extra-UE e il trasferimento modale verso la strada devono essere visti come fallimenti
Il governo di Podgorica punterebbe ad una fusione tra Luka Bar e Port of Adria
Podgorica
La società che gestisce il porto di Bar ha evidenziato più volte la necessità di riappropriarsi delle aree gestite dal gruppo turco GPH
Approvato il progetto di costruzione del nuovo container terminal di TIL/MSC nel porto di Valencia
Valencia
L'investimento complessivo darà di quasi 1,6 miliardi di euro
CER, ERFA, UIP, UNIFE e UIRR esortano l'UE a porre le condizioni per la crescita del trasporto ferroviario delle merci
Bruxelles
Invito ai ministri dei Trasporti dell'Unione Europea a far proprie le ambizioni espresse dalla Commissione
Porto di Gioia Tauro, riduzione delle tasse d'ancoraggio per promuovere i traffici
Gioia Tauro
Destinata a tale scopo la somma di un milione di euro
Il primo gennaio Hapag-Lloyd applicherà una riduzione del surcharge Marine Fuel Recovery
Amburgo
La diminuzione, dopo tre trimestri di aumenti, sarà generalizzata
Federagenti rileva l'urgenza di proteggere i porti dai fenomeni climatici avversi
Roma
Annunciato un appello circostanziato ai ministeri competenti, primo fra tutti quello del Mare
Anche i risultati della tailandese RCL mostrano il rallentamento del mercato dello shipping containerizzato
Bangkok
Nel periodo luglio-settembre i ricavi sono aumentati del +53%
L'Agenzia per il Lavoro Portuale della Sardegna continuerà ad operare per altri tre anni
Cagliari
L'AdSP della Sardegna afferma che quello del lavoro portuale è un settore che gode di ottima salute
FEPORT, oltre che dell'effetto delle norme ambientali, è preoccupata di quello della possibile proroga del regolamento di esenzione per categoria per i consorzi di linea
Bruxelles
La federazione invita la Commissione UE a tenere conto dell'impatto dei sistemi Big Data e della Business Intelligence & Analytics sull'ambiente competitivo
ECSA è soddisfatta dell'esito del primo trilogo sull'inclusione dello shipping nell'EU ETS
Bruxelles
Ora - ha sottolineato il relatore del Parlamento europeo Liese - siamo vicini ad un accordo formale. Per Assarmatori, il bicchiere è mezzo vuoto
Sbarcato a Savona un carico di grano proveniente dall'Ucraina
Savona
È il primo a giungere in Liguria dall'inizio del conflitto
I porti turchi chiuderanno il 2022 con un'ulteriore crescita del traffico delle merci
Ankara
Atteso un totale di 545 milioni di tonnellate rispetto ai 526 milioni dello scorso anno
Gara per la vendita della terza nave da crociera ordinata da Swan Hellenic a Helsinki Shipyard
Helsinki
È lunga 125,0 metri e larga 24,3 metri
Partnership della giapponese NYK e dell'indonesiana PIS incentrata sul trasporto marittimo di GNL
Tokyo
L'intesa include altri segmenti d'attività, tra cui le rinfuse petrolifere e le FSRU
Federlogistica, giù le mani del Ministero dei Beni culturali dalla blue economy
Roma
Merlo: non possono non generare grande preoccupazione le recenti dichiarazioni del sottosegretario Sgarbi
Aumento dei costi e concomitante riduzione dei traffici pongono sotto pressione i terminalisti portuali italiani
PROXIMAS SALIDAS
Visual Sailing List
Salida
Destinación:
- orden alfabético
- nación
- aréa geogràfica
Dal porto di Rijeka è partito il primo servizio ferroviario regolare per il mercato austriaco
Rijeka
Avvio del treno blocco dall'Adriatic Gate Container Terminal
Nel terzo trimestre l'indice del fatturato dei servizi di trasporto e magazzinaggio ha registrato una crescita congiunturale del +3,9%
Roma
La variazione tendenziale è del +19,9%
Il Propeller Club di Salerno ha sviscerato le problematiche e le opportunità offerte dal cold ironing
Salerno
Il PNRR destina 700 milioni a 34 porti per l'elettrificazione delle banchine
Lloyd's Register ha ottenuto l'autorizzazione ad ispezionare il naviglio italiano adibito a viaggi nazionali
Londra
Il gruppo britannico potrà agire in qualità di ente tecnico ed organismo tecnico riconosciuto
Il BIMCO prevede che il trend di indebolimento del mercato dello shipping containerizzato si protrarrà nel 2023 e nel 2024
Bagsværd
I carrier, pur di riempire le navi, potrebbero innescare una spirale di discesa dei noli
Hupac incrementerà la frequenza del servizio intermodale Rotterdam-Pordenone
Chiasso
Salirà da tre a cinque rotazioni a settimana
Assarmatori, le tempistiche di applicazione dell'ETS per il trasporto marittimo, in particolare per le Autostrade del Mare, e per il trasporto stradale devono essere allineate
Roma
Messina: è necessario prevenire pericolosi, e potenzialmente irreversibili, fenomeni di trasferimento modale
MSC ha preso in consegna il proprio primo aereo cargo
Ginevra
Verrà impiegato tra Cina. USA, Messico ed Europa
La russa Uralchem sta realizzando un terminal portuale a Taman, in Crimea, per l'esportazione di ammoniaca
Mosca
Dovrebbe diventare operativo entro la fine del 2023
L'indiana Allcargo Logistics acquisisce il 75% del consolidatore tedesco Fair Trade
Mumbai
Investimento di circa 12 milioni di euro
Grimaldi potenzierà i collegamenti con la Grecia
Bari
La frequenza della linea Venezia - Bari - Patrasso diverrà giornaliera
Progetto per la produzione a bordo delle navi di idrogeno pulito e carbonio solido dal metano
Helsinki
Accordo tra le finlandesi Wärtsilä e Hycamite
Bucchioni: SNAM ha diritto di sviluppare la sua attività, ma il porto della Spezia ha il diritto di decidere come utilizzare le proprie infrastrutture
La Spezia
I terminal ex art.16 e art.18 - ha ricordato il presidente degli agenti marittimi - sono le imprese titolate a svolgere le operazioni di imbarco-sbarco merci
Nel terzo trimestre il traffico delle merci nel porto marocchino di Tanger Med è cresciuto del +19%
Ksar El Majaz
Nei primi nove mesi del 2022 l'incremento è stato del +11%
PUERTOS
Puertos italianos:
Ancona Génova Rávena
Augusta Gioia Tauro Salerno
Bari La Spezia Savona
Brindisi Liorna Taranto
Cagliari Nápoli Trapani
Carrara Palermo Trieste
Civitavecchia Piombino Venecia
Interpuertos Italianos: lista Puertos del mundo: Mapa
BANCO DE DATOS
Armadores Reparadores navales y astilleros
Expedicionarios Abastecedores de bordo
Agencias marítimas Transportistas
MEETINGS
Genova, workshop “Nuove energie ai porti”
Genova
Si terrà venerdì a Palazzo San Giorgio
Interporto di Nola, convegno su ZES e logistica
Nola
Si terrà il 3 novembre
››› Archivo
RESEÑA DE LA PRENSA
Exclusive: India to offer incentives to boost shipbuilding industry - sources
(Reuters)
Lichtblick für Seehäfen
(junge Welt)
››› Reseña de la Prensa Archivo
FORUM de lo shipping y
de la logística
Relazione del presidente Daniele Rossi
Napoli, 30 settembre 2020
››› Archivo
- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Génova - ITALIA
tel.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail
Partita iva: 03532950106
Registrazione Stampa 33/96 Tribunale di Genova
Director: Bruno Bellio
Prohibida la reproducción, total o parcial, sin el explicito consentimento del editor
Búsqueda en inforMARE Presentación
Feed RSS Espacios publicitarios

inforMARE en Pdf
Móvil