testata inforMARE

15 agosto 2022 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 23:23 GMT+2




Ancorare i porti al territorio. Dai traffici alla marittimizzazione,
McGraw-Hill, Milano

Musso, E. - Ghiara, H.
(a cura di)

Abstract

Il boom del commercio internazionale - dovuto alla rilocalizzazione mondiale delle produzioni e ai mutamenti nei mercati delle materie prime e dei consumi - fa crescere i traffici sul mare e nei porti. Questi, perduti i monopoli geografici del passato, competono sempre più aspramente. Ma la crescita dei traffici non garantisce alla regione portuale un aumento del valore aggiunto e dei benefici economici, mentre implica l’uso di spazio e infrastrutture e costi ambientali crescenti, fonte di conflitti e possibili “rifiuti” (lo scenario della demarittimizzazione delle città portuali). Occorre allora non solo puntare sull’efficienza del ciclo logistico, ma sui benefici economici e il valore aggiunto in loco, ormai il vero indicatore del successo durevole di un porto. Quel che conta non è tanto l’occupazione diretta delle attività portuali, in calo a causa dell’automazione e delle economie di scala, ma l’occupazione e il valore aggiunto delle attività indotte o attratte dai porti, il cui insediamento dipende assai più dal contesto delle altre imprese e delle istituzioni che dal volume di traffico. Il concetto di cluster marittimo-portuale diventa allora essenziale per la competitività economica dei sistemi portuali, anche a scale subregionali o interregionali. Proprio dal cluster può venire una crescita dell’economia portuale indipendente da quella del traffico (che il territorio quasi mai può sostenere all’infinito). Può nascere, cioè, la (ri)marittimizzazione, o capacità di creare su un territorio, anche vasto e a rete, un contesto di eccellenza - fatto di imprese, istituzioni, formazione e capacità innovativa - che ponga ancora il porto come polo trainante per la logistica, cuore strategico dell’economia globale del secolo XXI.









Indice Prima pagina Università degli Studi di Genova
Dipartimento di Economia - Sezione Trasporti

- Via Raffaele Paolucci 17r/19r - 16129 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail