ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

17 February 2020 The on-line newspaper devoted to the world of transports 16:37 GMT+1



CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERS YEAR XVI - Number 12/98 - DECEMBER 1998

International Trade

Il commercio dei contenitori di seconda mano

L'offerta di contenitori di seconda mano in tutto il mondo continua a crescere. Oggi è più probabile di quanto non accadesse in precedenza che i contenitori finiscano in qualche angolo sperduto del mondo da dove i loro proprietari non si aspettano che ritornino a prezzi accettabili. La zone più remote della Cina e della Russia, ad esempio, adesso ricevono merci containerizzate, ma possono non essere in grado di far tornare indietro i containers. Anche gli squilibri commerciali, che possono comportare la presenza di equipaggiamento inattivo, possono far sì che gli operatori considerino la rivendita come una strategia sempre più valida e, secondo un commerciante americano, realmente essi tengono sempre di più conto della rivendita del contenitore nel calcolo dei propri costi.

La crescita anno dopo anno della flotta containerizzata globale sta a significare che un numero sempre più grande di contenitori raggiunge ogni anno il termine dei loro 12, 13 o 14 anni di vita. Secondo quanto si sente dire, i vecchi contenitori di oggi giungono sul mercato della rivendita in condizioni ragionevolmente buone, in parte grazie all'uso dell'acciaio Corten in una percentuale maggiore della flotta.

Malgrado il numero in continua crescita di contenitori di seconda mano disponibili, la domanda sembra tenere il ritmo dell'offerta. Nessuno dei grossi operatori sembra avere particolari difficoltà nel collocare i propri boxes sul mercato di seconda mano. Come osserva Stephen Brocato, presidente del noleggiatore Cronos, "fino a quando la Russia, la Cina ed il Terzo Mondo non potranno disporre di un sistema intermodale e di un sistema bancario pienamente funzionali, continuerà ad esserci una domanda per i contenitori di seconda mano".

Il gioco del dollaro

Secondo Anders Norlin della OWL (One Way Lease) con sede a San Francisco, il mercato statunitense finora quest'anno è andato bene. Norlin nota che la domanda di contenitori di seconda mano ha seguito l'andazzo degli anni scorsi con un rallentamento nel primo trimestre, una ripresa nel secondo ed un nuovo calo in estate, seguito da un periodo di spinta fino a novembre. I prezzi relativi ad un contenitore standard da 20 piedi negli U.S.A. spaziano dai 700-800 dollari in zone quali New York ai 1.600 dollari nelle località più remote.

Norlin osserva che molte linee di navigazione hanno tratto vantaggio dai buoni prezzi che si possono spuntare negli Stati Uniti e stanno incamerando altro equipaggiamento da vendere in loco. Tuttavia, egli afferma che non si tratta "di una vera e propria azione di dumping" ed aggiunge che i grossi accaparratori, come i noleggiatori Transamerica e GE SeaCo, "sanno che non è bene far sì che il mercato venga a conoscenza che si sta commettendo una illegalità di quel tipo". Il vice presidente della Transamerica Leasing, Andrew Atkins, riconosce che la propria società inevitabilmente "gioca il gioco del dollaro" e dirotta i boxes in tutto il mondo alla volta delle migliori zone di vendita.

I mercati europei, d'altro canto, non sono andati troppo bene. Mel Williams, direttore generale della divisione contenitori della GE SeaCo, ha fatto notare come ciò sia dovuto ad un notevole eccesso di equipaggiamento nel mercato europeo.

Grande clamore ha circondato il lancio di tre servizi Internet lo scorso anno, che consentono l'acquisto e la vendita di contenitori in rete. Fino adesso, tuttavia, i servizi in linea della Speed IT-Sales, della Unicon International e della OWL non sembrano avere alterato in misura significativa la natura del commercio di contenitori. Williams della GE SeaCo afferma che la propria società utilizza il sistema della Speed IT in modo limitato, ma precisa: "Internet non ha aperto nessun'altra nuova via. Il problema è che non si tratta di un modo definito per vendere o pubblicizzare un prodotto. La maggior parte della nostra attività viene condotta attraverso una rete".

Brocato concorda. Egli non ritiene che il mercato sia abbastanza grande da giustificare l'uso di Internet. Per una grossa società come la Cronos, afferma Brocato, non vale proprio la pena di mettersi a contrattare le singole richieste di contenitori che inevitabilmente dovrebbero apparire su Internet. La Cronos tratta con acquirenti di grossi quantitativi ed il lavoro viene effettuato per fax e per telefono.

Anders Norlin della OWL ribatte che, anche se un numero minore di contenitori rispetto a quello atteso viene acquisito via Internet, il sito web ciononostante resta un importante strumento di lavoro. Egli afferma che molti dei suoi clienti prima danno un'occhiata al sito web e poi contattano la società per telefono o fax. "L'interazione con il singolo è importante, ma Internet ha allargato il raggio d'azione delle nostre transazioni e ci ha fornito contatti con tutto il mondo".
(da: Container Management, novembre 1998)

PSA Genova Pra' Logistics Solution


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Year XVI
Number 12/98

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail