ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

13 December 2019 The on-line newspaper devoted to the world of transports 11:03 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS YEAR XXVII - Number 12/2009 - DECEMBER 2009

Conferenze e convegni

I porti del Mediterraneo devono puntare all'entroterra

In occasione di un discorso programmatico indirizzato ai partecipanti alla "Med Freight Conference" di Containerisation International, svoltasi a Marsiglia nello scorso mese di novembre, Christine Cabau, vice presidente anziano della CMA CGM per quanto attiene le linee relative ad Asia, Mediterraneo, Mar Rosso, Mar Nero ed Adriatico, ha dichiarato che i porti del Mediterraneo dovrebbero cogliere le opportunità che si presentano sui fronti dell'intermodalità e della logistica.

"I porti mediterranei necessitano di svolgere un ruolo più attivo nell'ambito della distribuzione europea" sostiene la Cabau "e questo significa incrementare la loro penetrazione in zone interne d'Europa quali Francia, Germania, Svizzera, Ungheria, Slovacchia e persino Russia".

Aggiunge la Cabau: "Marsiglia potrebbe e dovrebbe costituire una porta d'accesso naturale per Parigi dall'Asia.

Potenzialmente, questo potrebbe far risparmiare quattro giorni rispetto all'instradamento dei carichi sulle navi della rotta Asia/Nord Europa con scarico dei container a Le Havre.

Altrove, Trieste e/o Capodistria dovrebbero essere utilizzati dai vettori quali porte d'accesso naturali per la Repubblica Ceca, la Slovacchia ed altre nazioni dell'Europa Centrale, dal momento che i collegamenti intermodali e ferroviari sono eccellenti.

Questi due porti hanno anche il potenziale quali centri di carico per Mosca".

Anche se hanno concordato sul fatto che i porti del Mediterraneo sono in una posizione migliore per portar via quote di mercato alle porte d'accesso nord-europee, diversi partecipanti alla conferenza hanno suggerito che i porti hanno bisogno di lavorare sodo al fine di modificare la percezione che molta gente ha di loro.

Molti vettori e proprietari della merce ritengono ancora che i porti del Mediterraneo siano afflitti dagli scioperi - ed i recenti eventi del Pireo non aiutano in questo senso -, siano carenti quanto ad investimenti ed abbiano scarsi collegamenti con l'entroterra.

Kieran Ring, c.e.o. dell'Institute of Global Logistics, ha richiesto una maggiore collaborazione fra coloro che hanno interessi nei porti e le circostanti comunità allo scopo di risolvere i problemi.

Ring ha altresì affermato che per diversi traffici i porti del Mediterraneo offrono soluzioni di forniture sensibili all'ambiente per diverse origini/destinazioni interne più di quanto non facciano le loro controparti del nord.

"Dato che il summit di Copenhagen è proprio dietro l'angolo, le questioni ambientali potrebbero fare il gioco dei porti del Mediterraneo".
(da: ci-online.co.uk, 27.11.2009)



PSA Genova Pra' Salerno Container Terminal Logistics Solution
Vincenzo Miele    


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Year XXVII
Number 12/2009

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail