ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

25 luglio 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 20.16 GMT+2



CENTRO ITALIANO STUDI CONTAINERS ANNO XVIII - Numero 7-8/2000 - LUGLIO/AGOSTO 2000

Leasing

Una nuova vita per il noleggio di contenitori

Il noleggio di containers è sempre stato guidato dall'informatica: il box come prodotto per i clienti presenta un minore interesse rispetto alla sua localizzazione, alla sua disponibilità ed alle sue specifiche. Questa dipendenza dai dati - veloci, affidabili ed approfonditi - ha alimentato una proliferazione di servizi di noleggio su Internet.

Oltre alla fornitura di servizi migliori e su misura, Internet offre alle società di noleggio indiscutibili opportunità di ridurre i costi. Questo è uno dei principali motivi per cui nel settore ci si rivolge ad Internet, concordano le imprese; ma - come sostengono - anche i clienti del noleggio traggono vantaggi da questa linea di tendenza.

"Quando - due anni fa circa - abbiamo iniziato a guardare ad Internet, si era in un momento di grande consolidamento e di riduzione dei profitti nel settore. Avevamo appurato la necessità di abbassare i costi dell'attività lavorativa - sia per noi che per i clienti - ed Internet assicura il veicolo giusto per farlo" spiega Stuart Downie, vice presidente delle operazioni della flotta alla Transamerica Leasing.

Dieci mesi dopo il lancio della prima iniziativa online della Transamerica - il Tradex1 - Downie sta procedendo ad una revisione del servizio allo scopo di determinare le direzioni future dei servizi basati su Internet.

"Stiamo di nuovo guardando al Tradex1 per vedere quali nuovi servizi potremmo offrire e se dovremmo rilanciare completamente il servizio ovvero combinarlo con il TradexOnline" ha dichiarato Downie.

Il Tradex1 è un prodotto della Transamerica Leasing che esiste solamente su Internet: i clienti approvati in precedenza sono in grado di effettuare transazioni in linea in ordine a tutte le loro attività, senza bisogno di alcun contatto telefonico o personale. Il servizio può attingere da una flotta di contenitori dedicata di più di un milione di TEU in tutto il mondo.

Il TradexOnline (www.tradexonline.com) è la facciata di casa virtuale della Transamerica: esso offre agli utenti un accesso ad un'ampia varietà di specifiche, localizzazioni e dati sulle movimentazioni relativi ai containers. Il TradexOnline, che ha già conseguito 5.000 contatti alla settimana, ha recentemente aggiunto nuove schermate che mostrano la disponibilità globale dei contenitori ed offrono servizi protetti da parola d'ordine quali i riferimenti all'inizio ed alla fine noleggio, nonché la possibilità di correggere ed approvare in linea le stime sui danni.

Dopo aver rifinito l'offerta del TradexOnline e dal momento che il Tradex1 è attualmente in fase di revisione, Downie concentrerà i futuri sforzi nella promozione dei vantaggi offerti dai servizi in linea presso i clienti, nel sollecito delle risposte e, alla fine, nella conduzione di Transamerica ulteriormente sulla strada del commercio online. Egli si era reso conto che il futuro del noleggio quale settore di attività sarebbe divenuto sempre più intrecciato con Internet.

"Non si arriverà mai al 100%, ma ogni cliente che noleggia containers dalla Transamerica ha a disposizione una incredibile risorsa che può apportargli concreti vantaggi in termini di risparmio sui costi relativi alle sue attività. Per questa ragione, confido che, col tempo, riusciremo a convincere una grande percentuale di nostri clienti ad usare i servizi in linea" ha dichiarato.

Ondata di sviluppo

I siti web societari di tutto il settore sono in costante sviluppo man mano che cresce la sete di servizi Internet. La Cronos, ad esempio, ha aggiunto un servizio online di informazioni sulle scorte che riguarda tutti i porti di cui la Cronos si serve.

La risposta è stata positiva e di conseguenza sia la Cronos che i suoi clienti sono in grado di operare con maggiore efficienza, ha dichiarato Elinor Wexler, vice presidente comunicazioni societarie della Cronos.

"Con la sua velocità operativa, la tecnologia del noleggio online è in grado di consentire nuove ed innovative forme di diffusione delle informazioni. Allo stesso tempo, essa ha il potenziale per far conseguire al settore del noleggio di contenitori risparmi tangibili sui costi" spiega la Wexler.

Anche se la lusinga di questi risparmi è notevole, la Wexler avverte coloro che ritengono che le società di noleggio possano abbandonare le strutture di servizio tradizionali a favore dei più bassi costi di gestione del commercio virtuale.

"L'accesso online è - e continuerà ad esserlo - una parte del nostro servizio normale e ad ogni modo non cambierà il nostro status di società di noleggio tradizionale. Operando in realtà nell'ambito di un duplice ambiente, noi semplicemente offriamo una scelta ai nostri clienti, a seconda delle loro preferenze, al fine di assicurargli i servizi di noleggio che richiedono" ha detto la Wexler.

Mantenere le strutture

Anche Mel Williams, vice presidente operazioni della GE Sea CO, sostiene la persistente fedeltà della propria società alle tradizionali strutture commerciali.

Attraverso il www.geseaco.com, la GE Sea CO rende disponibili le informazioni più comunemente richieste - specifiche delle attrezzature ed informazioni sulle unità - mediante la pagina pubblica senza necessità di accesso tramite parola d'ordine.

"Crediamo che le linee di navigazione, i caricatori, i depositi, i consolidatori, le fabbriche, i porti e le autorità doganali facciano tutti quanti regolarmente uso di questi dati" ha detto Williams, sottolineando il ruolo di servizio che i siti di successo del noleggio hanno bisogno di svolgere.

Un collegamento dalla pagina interna porta gli utenti autorizzati al sito extranet della GE Sea CO, il SeaWeb. Qui, le applicazioni offerte comprendono i regolarmente aggiornati Sommario Dettagliato Scorte, AutoRV (mediante il quale gli utenti riferiscono perdite, valore accertato delle sostituzioni e richieste di cessione dei contenitori), AutoDI (che collega gli utenti in relazione alle richieste di trasferimento dei contenitori) nonché la prenotazione online. Una ulteriore applicazione, la Richiesta informazioni sulle Riparazioni, è in corso di sviluppo e Williams indica le notificazioni di danno e le approvazioni di riparazione, così come i dati di certificazione, quali aree che trarranno altri benefici ancora nel prossimo futuro.

L'avanzata funzionalità, tuttavia, a giudizio di Williams può solamente essere complementare al servizio fornito da esseri umani che lavorano in ufficio. Questo perché, anche se il commercio elettronico ha rappresentato "uno sviluppo entusiasmante e di valore", il livello di specializzazione e di esperienza richiesto è notevole.

"L'E-commerce non sostituirà mai del tutto la rete di uffici assai estesa della GE Sea CO o i suoi tecnici ben addestrati od altri professionisti che conoscono l'equipaggiamento e le esigenze dei loro clienti" crede Williams.

Alla Textainer (www.textainer.com) vengono fornite informazioni - ed accessi differenziati - adatte alle esigenze di diverse tipologie di clienti. Già in linea vi è una opzione "desktop clienti" che offre un accesso protetto da password ai dati relativi alla disponibilità di equipaggiamento per localizzazione e tipo di equipaggiamento, al fine di calcolarne il valore di deprezzamento, controllare lo status delle loro prenotazioni e rivedere le stime di riparazione. Il passo successivo, attualmente in fase di sviluppo, è un portale simile dedicato agli operatori di depositi.

John Maccarone, presidente e dirigente capo della Textainer, identifica l'attrazione principale di Internet nel suo ruolo di strumento di produttività e - in misura minore - di strumento di vendita e di rifornimento.

Anche le attività di riposizionamento - a suo dire - sono state adattate al modello operativo online. La Textainer è stata attenta a sviluppare i propri servizi quale risposta diretta alle esigenze espresse dai clienti e ha sollecitato risposte alle domande inoltrate al fine di assicurarsi di avere effettivamente soddisfatto tali esigenze. Come spiega Maccarone, capire il cliente è imperativo.

"Dati i tempi attuali, abbiamo bisogno di essere presenti sia nei mercati tradizionali che in quelli online. Sia le attività inerenti ai contenitori usati che quelle della logistica sono state tradizionalmente condotte per mezzo di singole trattative e molti soggetti preferiscono dialogare in tal modo" osserva Maccarone.

Tuttavia, l'interesse della Textainer per il commercio online resta forte. Quale primo noleggiatore ad aggregarsi al servizio di riposizionamento Interbox, nonché quale attuale sito operativo del test beta per la nuova iniziativa eWorldfreight.com, la società è chiaramente interessata al potenziale di Internet quale mezzo per il noleggio ed il commercio di contenitori.

"Man mano che vengono introdotte le nuove iniziative di commercio elettronico, valutiamo il loro impatto sulla Textainer e sull'intero settore del noleggio di containers. Data la proliferazione dei siti web logistici e correlati alle vendite, sembra certo che Internet svolgerà un ruolo sempre più importante nel futuro del nostro settore" conclude Maccarone.
(da: Container Management, luglio 2000)


FIORE ABB Marine Solutions Salerno Container Terminal


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Anno XVIII
Numero 7-8/2000

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail