ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 20:37 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXV - Numero 9/2007 - SETTEMBRE 2007

Trasporto ferroviario

Aumentano le opportunità ferroviarie nel Regno Unito per i caricatori di rinfuse secche

La concorrenza per i traffici containerizzati nel sistema ferroviario britannico, che lo contraddistingue dalle operazioni di trasporto merci nell’Europa continentale, è ugualmente evidente quando si tratta di rinfuse secche.

I caricatori del Regno Unito dispongono di tre principali opzioni tra cui scegliere: Freightliner, EWS e FirstGBRf (in precedenza, denominata GB Railfreight prima del mutamento del suo marchio a giugno).

Per ognuno di questi operatori, il carbone costituisce un mercato chiave, in particolare nel trasporto delle importazioni di carbone dal terminal di scarico alla centrale elettrica.

La FirstGBRf è stata l’ultima a guardare al mercato di importazione del carbone.

Dalla nomina di Jonathan Moser quale dirigente per lo sviluppo delle attività nel 2005 con l’incarico specifico di acquisire nuove attività inerenti al carbone, la società ha potuto far segnare qualche concreto successo.

A settembre dello scorso anno, la GBRf ha effettuato la sua prima incursione in questo settore, allorquando ha sottoscritto un contratto pluriennale per la movimentazione di oltre 1 milione di tonnellate di carbone ogni anno dal porto di Tyne alla centrale elettrica Drax, nei pressi di Selby, nel North Yorkshire.

Esso è stato seguito a dicembre da un accordo con il fornitore di energia EDF Energy entrato in vigore il 1° luglio, ai sensi del quale l’operatore ferroviario deve spedire sino a 800.000 tonnellate all’anno di carbone importato dal porto di Hull alle centrali elettriche a carbone della EDF a Cottam e West Burton, nel Nottinghamshire.

Anche la EWS sta ora dedicando molta più attenzione all’attività di importazione di carbone, avendo costituito a novembre la EWS Energy specificamente allo scopo di venire incontro alle esigenze di trasporto ferroviario dell’industria impegnata nella fornitura di elettricità.

L’unità operativa, che effettua in media 700 convogli ferroviari di carbone alla settimana e serve tutti i principali terminal rinfusieri, sta ora lavorando con l’operatore di rete Network Rail al fine di incrementare il tonnellaggio medio trasportato da ciascun treno dall’attuale livello di 1.400 tonnellate mediante l’effettuazione di convogli più lunghi.

Afferma un portavoce della società: “I treni di lunghezza doppia comporteranno la consegna di maggiori volumi di carbone ai clienti sulle direttrici a lungo raggio obbligatorie”.

La Freightliner Heavy Haul (FHH) è cresciuta rapidamente da quando ha effettuato nel 2000 il proprio primo treno di carbone.

La società ha trasportato più di 12 milioni di tonnellate di carbone nel 2006/07, con un aumento di 2 milioni di tonnellate rispetto all’anno precedente.

Una portavoce afferma che l’incremento del carico utile è decisivo per la prossima strategia.

“All’inizio di quest’anno abbiamo preso in consegna 109 carri ferroviari HXA di nuova progettazione” dichiara.

“I carri sono un metro più corti dei loro predecessori, ma sono tuttavia in grado di trasportare gli stessi volumi di carbone.

Questo consente il trasporto di un numero maggiore di carri per ciascun locomotore, aumentando così il carico utile del 17%.”

La FHH ha ora effettuato un’ulteriore ordinazione di 100 carri, che dovrebbero essere consegnati alla fine di quest’anno.
(da: Cargo Systems, luglio & agosto 2007, pag. 34)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Anno XXV
Numero 9/2007

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail