ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

28 November 2014 The on-line newspaper devoted to the world of transports 09:26 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXVIII - Numero 7/2010 - LUGLIO 2010

Trasporto ferroviario

La sfida delle ferrovie europee

Il porto di Anversa ha confermato che la percentuale dei propri traffici containerizzati per l'hinterland movimentati via rotaia lo scorso anno è diminuita dall'11% al 10%, mentre la quota del trasporto fluviale su chiatta si è incrementata dal 32,4% al 34,8%.

La linea di tendenza si è ripetuta a Rotterdam, dove la quota delle ferrovie è scesa dal 13% all'11%, mentre quella delle chiatte è aumentata dal 30% al 33%.

Le cifre relative alla ferrovia costituiscono un dato indicativo del fallimento della strategia di liberalizzazione delle ferrovie intrapresa dall'Unione Europea al fine di rendere tale modalità di trasporto maggiormente competitiva.

Le ragioni di tale insuccesso sono aspramente dibattute, ma quello che appare chiaro è che non tutti gli stati membri hanno ancora realizzato un campo di gioco livellato affinché le società ferroviarie straniere possano arrivare a fare concorrenza con maggiore efficacia nei confronti degli operatori storici controllati dallo stato.

Lo scorso mese la Commissione Europea ha deciso di deferire 13 stati membri alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea a causa della mancata “corretta implementazione di varie parti della normativa europea fondamentale sull'apertura del mercato ferroviario comunitario alla concorrenza, nota come primo pacchetto ferroviario”.

Si dice che notevoli problematiche rimangano in Austria, Repubblica Ceca, Germania, Grecia, Francia, Ungheria, Irlanda, Lussemburgo, Polonia, Portogallo, Slovenia e Spagna, che potrebbero comportare pesanti sanzioni pecuniarie.

Fra le violazioni alla normativa individuate c'è l'insufficiente indipendenza dei dirigenti delle infrastrutture statali - che in ogni paese sono responsabili della definizione degli oneri di accesso e dell'assegnazione delle tracce - rispetto alle società ferroviarie statali di cui sono alle dipendenze, il che determina la possibilità di favoritismi e di concorrenza sleale.

E proprio questa è stata regolarmente la lamentela da parte dell'Associazione Europea Trasporto merci Ferroviario, che rappresenta le società ferroviarie indipendenti.

La Commissione Europea inizialmente aveva intrapreso le procedure per violazione della normativa nei confronti di 24 stati membri a giugno del 2008, ma 11 di loro nel frattempo hanno adottato le misure necessarie a prevenire ulteriori azioni legali.

Sembra chiaro, pertanto, che i restanti 13 membri vogliono lottare in tribunale per difendere le proprie particolarità.

Nel frattempo, la Commissione Europea è attualmente al lavoro su un nuovo “pacchetto ferroviario” che spera di poter sottoporre agli stati membri entro al fine dell'anno.
(da: ci-online.co.uk, 12.07.2010)



ABB Marine Solutions


Search for hotel
Destination
Check-in date
Check-out date


Index Home Page C.I.S.Co. Newsletter
Previous page

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genoa - ITALY
phone: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail