ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

24 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 11:00 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXIX - Numero 5/2011 - MAGGIO 2011

Reefer

Reefer in ripresa

La produzione di contenitori reefer nel 2010 ha recuperato gran parte del terreno perduto nel corso della recessione del 2009 e ha terminato l'anno su una nota positiva.

Il settore è rimasto in ottime condizioni anche nei mesi di apertura di quest'anno, con attività intensa per i principali produttori.

Infatti, si parla di un balzo verso l'alto della produzione del 15%, che comporta un risultato complessivo di circa 220.000 TEU, quasi un ritorno al livello del 2007/08 (v. tabella 1).

Come nel 2010, quest'anno le società di leasing potrebbero dimostrarsi quali acquirenti predominanti, dal momento che hanno ancora accesso a finanziamenti più competitivi rispetto a molte linee di navigazione.

Nel 2010, il settore del noleggio di contenitori ha ricevuto in consegna di oltre il 55% (107.000 TEU) della produzione mondiale, lasciando appena 83.000 TEU al settore della navigazione di linea.

Ciò, rispetto alle quote dei noleggiatori del 2009 e 2008, attestatesi rispettivamente al 50% e 30%.

TABELLA 1
RIASSUNTO DELLA PRODUZIONE GLOBALE DI CONTAINER REEFER INTEGRALI
E DELLE DIMENSIONI DELLA FLOTTA


2007

2008

2009

2010

Unità prodotte

117.500

115.000

52.500

97.500

TEU prodotti

224.000

223.000

102.000

190.000

Capacità TEU *

220.000

245.000

230.000

230.000

Dimensioni flotta TEU **

1.520.000

1.670.000

1.700.000

1.825.000

Vettori marittimi (%)

69.5

72,5

72,2

70,0

Società di noleggio (%)

30,5

27,5

27,8

30,0

Note: * = a fine anno, sulla base di operazione annuale a doppio turno; ** = a fine anno.

Fonte: Andrew Foxcroft Container Data UK


Anche se la Triton Container e la TAL International hanno fatto la parte del leone nelle consegne (quasi 60.000 TEU), significativi incrementi sono stati registrati anche dalla Beacon Intermodal Leasing, dalla Seacube Container Leasing (che hanno ricevuto altri 10.000 TEU ciascuno) e dalla Textainer, dalla Cronos, dalla CAI International e dalla GESeaCo.

Il sostenuto investimento complessivo da parte dei noleggiatori nel 2010 ha incrementato le dimensioni delle loro flotte, In termini di proprietà, nuovamente sino al 30%.

La flotta noleggiata alla fine del 2010 ammontava a quasi 550.000 TEU, rispetto al totale mondiale di 1.825.000 TEU, con 75.000 TEU in più (quasi il 16%) rispetto all'anno precedente.

Al contrario, solo la Maersk Line e la Hamburg Sud, descritte come “attivi compratori”, hanno preso in consegna la quota di produzione di questo settore.

Complessivamente, il parco reefer dei vettori è aumentato del 4% appena, che equivale ad ulteriori 50.000 TEU nel 2010.

Le scorte dei reefer da tempo sono dominate dalle unità high-cube da 40 piedi, dal momento che questo tipo dimensionale rappresenta oltre il 90% della produzione degli ultimi anni.

Gran parte delle unità residue è costituita da 20 piedi, sebbene ci sia stata una ripresa della domanda di reefer da 40 piedi “standard”, quelli alti 8 piedi e 6 pollici.

I due principali vettori attivi nel trasporto di banane, la Chiquita Brands e la Dole Shipping, sono in gran parte responsabili di questa tendenza, avendo ricevuto in consegna rispettivamente 2.600 e 3.250 unità di questo tipo lo scorso anno.

Inoltre, all'inizio di quest'anno la Chiquita ha comprato altre 2.000 unità.

Tutte queste attrezzature della Chiquita sono equipaggiate con macchinari PrimeLINE della Carrier Transicold.

Il recente grosso slancio dei reefer standard da 40 piedi è correlato anche al calo dello stock da noleggio, dal momento che quest'ultimo è stato del tutto venduto e/o dismesso negli ultimi anni.

Per quanto attiene la produzione, la CIMC ha sperimentato lo scorso anno una forte ripresa dei propri livelli produttivi, con un risultato complessivo di 110.500 TEU (57.000 unità).

I noleggiatori hanno assunto il controllo di circa il 70% delle consegne; il maggior costruttore di box reefer ha provveduto a quasi tutte le esigenze della Triton, della TAL, della Seacube e della Cronos.

La CIMC ha inoltre realizzato le ordinazioni della Hamburg Sud effettuate nel 2010.

Altrove, la MCI-Qingdao ha costruito 52.500 TEU (26.500 unità) nel 2010.

TABELLA 2
PREZZO MEDIO DI PRODUZIONE DEI REEFER INTEGRALI
E TARIFFA GIORNALIERA DEI LEASING A TERMINE (IN DOLLARI usa)


2° trim. 2010

3° trim. 2010

4° trim. 2010

1° trim. 2011

20 piedi


Prezzo di costruzione dei box

5.800

5.800

6.000

6.200

Prezzo dei macchinari

7.400

7.400

7.400

7.500

Prezzo finito complessivo

13.200

13.200

13.400

13.700

Tariffa giornaliera

4,70

4,80

5,00

5,10

40 piedi high-cube


Prezzo di costruzione dei box

9.000

9.000

9.300

9.600

Prezzo dei macchinari

7.500

7.500

7.500

7.600

Prezzo finito complessivo

16.500

16.500

16.800

17.200

Tariffa giornaliera

5,80

5,90

6,10

6,25

Nota:  i prezzi dei box e dei macchinari si riferiscono a specifiche comuni; le tariffe di noleggio si riferiscono ad unità di nuova costruzione ed a termini quinquennali.

Fonte: Andrew Foxcroft Container Data UK


Com'è avvenuto anche per le due fabbriche della CIMC, un'operazione su due turni è stata mantenuta dalla MCI-Qingdao per gran parte della seconda metà del 2010; tale situazione persiste nel 2011.

La MCI è stata il naturale beneficiario della notevole attività della Maersk ordinata nel 2010 (e nel 2011), sebbene il suo impianto dedicato ai reefer abbia tratto altresì guadagni da ordinazioni minori da altre compagnie di navigazione quali la Hanjin Shipping, la Seaboard Marine, la TAL CAI, la Dole e la Chiquita.

Nel contempo, la Shanghai Reeferco, che è gestita dal Singamas Group, ha fatto registrare una produzione record di reefer nel 2010 con 27.000 TEU (14.000 unità) costruiti.

Questa fabbrica ha tyratto vantaggio dalla notevole attività ordinata dalla Beacon, dalla CAI e dalla Dong Fang International Leasing, dal lato dei noleggiatori, nonché dalla Evergreen, dalla MISC, dalla OOCL e dalla consociata PIL fra le linee di navigazione.

Anch'essa prevede un altro anno di produzione su larga scala.

Sebbene le prospettive per la produzione di box reefer siano state ulteriormente sollevate negli ultimi mesi da uno stabile incremento dei prezzi, alcuni di tali guadagni sono stati erosi dagli elevati costi di produzione (v. tabella 2).

Il prezzo medio consegnato per un contenitore reefer da 40 piedi (macchinari esclusi) nel primo trimestre del 2011 è stato di 9.600 dollari USA, con un aumento del 10% rispetto alla situazione di un anno fa.

L'aumento è stato assai minore rispetto a quello relativo all'equipaggiamento standard, malgrado il costo dell'acciaio inossidabile – il prodotto di base del reefer – si sia incrementato di oltre il 25% e nonostante la presenza di costi del lavoro più elevati.

I prezzi dei macchinari sono rimasti relativamente stabili, aggirandosi in media poco oltre i 7.500 dollari USA per un 40 piedi nei primi mesi del 2011.

Tutti e quattro i produttori affermati di macchinari reefer hanno sperimentato una ripresa dei propri risultati nel 2010, sebbene si sia verificato qualche scossone nella suddivisione delle quote di mercato nel settore.

La Carrier è rimasta il fornitore di punta con circa il 50% delle vendite, seguita dalla Daikin Industries e dalla MCI Star Cool, ciascuna con una quota di quasi il 20%, e dalla Thermo King Corp, le cui vendite di macchinari Magnum hanno rappresentato la residua percentuale del 10%.

Tutte quante hanno continuato a produrre senza sosta dall'inizio del 2011.
(da: Containerisation International, 01.05.2011)


PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail