ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

19 avril 2014 Le quotidien en ligne pour les opérateurs et les usagers du transport 05:19 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 30 MARZO 2012

Logistica

UPS compra la TNT Express

La United Parcel Service Inc ha dichiarato che acquisirà la TNT Express NV con sede nei Paesi Bassi per 6,77 miliardi di dollari USA (5,16 miliardi di euro) in contanti.

L'accordo creerà una società con vendite annuali di 60 miliardi di euro.

Come riferisce la Associated Press, l'accordo sottoscritto - che rappresenta la maggiore acquisizione di sempre della UPS - garantisce agli azionisti della TNT 9,5 euro per ogni quota detenuta.

Il maggiore azionista della TNT, la società postale olandese PostNL, ha dichiarato di essersi impegnato ad offrire la propria quota del 29,9% alla UPS.

L'offerta della UPS rappresenta un sovrapprezzo del 54% al prezzo di chiusura della TNT del 16 febbraio scorso, ma è solo del 5,6% più alto dell'offerta “informale” di 9 euro della UPS fatta il giorno dopo e che era stata respinta dai dirigenti della TNT.

Le azioni della TNT hanno chiuso a 9,35 euro venerdì 16 marzo in attesa di un'offerta più alta.

Esso sono poi aumentate dell'1,1% sino a 9,447 euro ad Amsterdam, segnale, questo, che gli investitori ritenevano che l'offerta sarebbe stata quasi certamente accettata.

La UPS con sede ad Atlanta (USA) è il più grande corriere del mondo, mentre la TNT, con sede a Hoofdorp, nei Paesi Bassi, è la seconda società di posta celere d'Europa dopo la DHL, che appartiene alla tedesca Deutsche Post.

La combinazione delle due imprese avrà 475.000 dipendenti in tutto il mondo ed incrementerà le vendite internazionali della UPS sino a circa il 36% del suo totale rispetto all'odierno 26%.

“Perché la TNT è così attraente?” ha domandato il dirigente finanziario capo della UPS, Kurt Kuehn, in occasione di una conferenza stampa svoltasi ad Amsterdam.

“Lo è perché essa effettua operazioni in zone in cui il nostro servizio è poco presente: Brasile, Australia, Medio Oriente, la rete stradale e ferroviaria in Europa”.

Kuehn dichiara che la UPS spera di dare ulteriore impulso alle proprie vendite internazionali sino al 50% nei prossimi cinque anni.

Il suo consiglio agli investitori è quello di “tener presente ciò che attualmente è in gioco”.

Il 21 febbraio, la TNT ha riferito una perdita di 173 milioni di euro in relazione al 4° trimestre 2012, compreso un addebito di 104 milioni di euro relativo alla sua filiale brasiliana ed un altro di 45 milioni di euro da ascrivere alla propria flotta di aeromobili.

I proventi sono aumentati del 2,8% sino a 1,85 miliardi di euro.

La UPS afferma di non aspettarsi che l'accordo debba far fronte ad una seria opposizione da parte delle autorità anti-trust, dal momento che la TNT non è praticamente presente negli Stati Uniti, mentre il mercato dei corrieri espressi in Europa è assai frammentato.

Stando ai dati forniti dalla TNT, la combinazione fra UPS e TNT avrà una quota di circa il 16% del mercato europeo, leggermente inferiore a quella della DHL.

Il maggiore rivale internazionale della UPS, la FedEx Corp, ha una quota del 3% circa in Europa, dietro alle società britanniche e francesi.

Alla richiesta di spiegare come mai la UPS voglia espandersi in Europa in un momento in cui l'economia del continente è incerta alla luce della violenta crisi debitoria, il dirigente Kuehn ha affermato che l'iniziativa dimostra “l'impegno da tempo profuso dalla società in Europa”.
(da: worldcargonews.com, 19.03.2012)



Bari Port Authority


Rechercher des hôtels
Destination
Date d'arrivée
Date de départ


Index Première Page Bulletin C.I.S.Co.
Page précédente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Gênes - ITALIE
tél.: +39.010.2462122, fax: +39.010.2516768, e-mail