ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

25 ottobre 2014 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 23.13 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 29 GIUGNO 2012

Trasporto stradale

L'Europa litiga sui mega-camion

La controversia sui “mega-camion” è entrata in una nuova fase dopo che un Commissario Europeo ha dato il via libera alle movimentazioni transfrontaliere di veicoli da 25 metri.

In una lettera del Vice Presidente della Commissione Europea Sim Kallas a Brian Simpson, Presidente della Commissione Trasporti e Turismo del Parlamento Europeo, il primo ha affermato che sono permesse le movimentazioni dei camion più lunghi fra stati membri dell'Unione Europea che lo consentano.

La Commissione, tuttavia, ha dichiarato che potrebbe intentare una causa in ordine alla decisione del Commissario, affermando che Kallas ha agito al di là dei suoi poteri.

La disputa potrebbe essere vista da alcuni come un tentativo da parte dei parlamentari di strappare più potere decisionale ai commissari che non sono tali per elezione, piuttosto che una disputa sulla materia in questione.

Attualmente, i camion più lunghi vengono utilizzati ampiamente in Scandinavia, in zone della Germania ed in estesi collaudi in Olanda, ma altrove hanno avuto un uso limitato a causa dell'incertezza normativa e dell'opposizione politica.

I politici da poco eletti negli stati tedeschi dello Schleswig-Holstein e della Nord Renania-Westfalia hanno recentemente escluso la partecipazione a collaudi di veicoli più lunghi, mentre il Regno Unito sta conducendo i propri collaudi di combinazioni di grandi semirimorchi.

Il responsabile degli affari internazionali della TLN, organismo degli operatori di trasporto olandese, ha espresso il proprio rammarico per la disputa in corso ma ha dichiarato che l'adozione di camion più lunghi “è al di là del punto di non ritorno”.

I rappresentanti dei caricatori europei, nel contempo, hanno accolto con favore la puntualizzazione della Commissione Europea.

“Il trasporto transfrontaliero di veicoli EMS supporta gli sforzi del nostro settore di ottimizzare le proprie operazioni logistiche e di ridurre l'impatto sull'ambiente” afferma Nicolette van der Jagt, Direttore Generale della CLECAT (Organizzazione Europea per le Spedizioni e la Logistica).

“Gli utenti dei servizi di trasporto merci continueranno a stare fianco a fianco su questo argomento.

Il potenziale incremento dell'uso dei veicoli EMS assicurerà altresì efficienza in più alle operazioni multimodali che probabilmente trarranno grandi vantaggi da queste combinazioni che si adattano perfettamente al trasporto intermodale”.

Finora i recenti sviluppi non hanno comportato ricadute per il Regno Unito, il cui Dipartimento dei Trasporti governativo sta conducendo collaudi propri di combinazioni di semirimorchi più lunghi.

Philippa Edmunds, dirigente della Freight on Rail, che è espressione dell'opposizione all'adozione nel Regno Unito di camion più lunghi, ha dichiarato: “Si suppone che la Commissione implementi la normativa esistente e non che ne adotti una nuova.

Invece di correre dietro a modifiche antidemocratiche all'attuale politica per consentire i traffici transfrontalieri di mega-camion, la Commissione dovrebbe valutare la sicurezza stradale, la congestione e le implicazioni dell'inquinamento indotti dai mega-camion e lasciare che il Parlamento ed i Ministri dei Trasporti prendano le decisioni nel normale modo democratico”.
(da: lloydsloadinglist.com, 21.06.2012)



ABB Marine Solutions


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail