ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

30 de noviembre de 2020 El diario on-line para los operadores y los usuarios del transporte 03:35 GMT+1



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 31 AGOSTO 2012

Reefer

La domanda di reefer è destinata a restare immutata nel 2013

La MCI (Maersk Container Industry), ditta produttrice di container e macchinari reefer, prevede che la domanda di contenitori refrigerati resterà immutata l'anno prossimo.

“Gli elementi fondamentali nei traffici reefer a livello mondiale restano molto buoni” afferma il primo dirigente commerciale Soren Leth Johanssen.

Le osservazioni di Johanssen sembrerebbero una risposta diretta alle relazioni secondo cui la sua affiliata e maggiore cliente, la Maersk Line, avrebbe deciso di non comprare alcun container reefer nel 2013.

In un rapporto del 16 agosto, il The Journal of Commerce Online ha riferito che William Duggan, vice presidente servizi refrigerati per il Nord America della Maersk, avrebbe dichiarato che “la Maersk ha preso la decisione di non effettuare investimenti in contenitori refrigerati nel 2013 sulla base dei ritorni cui stiamo assistendo”.

Duggan afferma che la domanda dei clienti per i servizi refrigerati resta elevata, ma che le tariffe relative a quelle spedizioni non sono abbastanza alte da giustificare ulteriori investimenti il prossimo anno.

“I reefer costano quasi quattro volte quanto un contenitore per carichi secchi e quindi noi non riteniamo che possa esserci un ritorno adeguato” ha dichiarato.

Pur non mettendo in dubbio la strategia della Maersk Line, Johannsen ha dichiarato che “per adesso, la decisione della Maersk Line non ha comportato conseguenze sulla nostra produzione in Cina, ovvero per quanto attiene i nostri investimenti in Cile, dal momento che la domanda di fondo a livello mondiale per quanto riguarda i reefer efficienti dal punto di vista dell'energia è rimasta immutata.

Infatti, in certi momenti del passato abbiamo avuto problemi a far fronte alla domanda della Star Cool.

La Maersk Line per noi è un cliente prezioso, come molti altri, e noi non vogliamo anticipare le sue decisioni sovrane.

Possiamo dire, peraltro, che la domanda di equipaggiamento refrigerato è indotta dalla crescita dei volumi dei carichi, dalle sostituzioni (60.000 stimati nel 2013) e dalla conversione di navi rinfusiere in navi portacontainer, il che si riflette anche nel fatto che le vendite della Star Cool si sono sviluppate in modo quasi esponenziale dal 2005.

Se la domanda a livello mondiale dovesse diminuire in modo significativo nel corso dei prossimi anni, noi ovviamente ci adegueremmo di conseguenza, ma per ora non ravvisiamo segnali in tal senso.

Se qualche cliente dovesse rinviare i nuovi investimenti, ciò comporterebbe semplicemente un futuro arretrato di ordinazioni e da questa dinamica trarrebbe vantaggio la nostra fabbrica cilena nel 2014” afferma Johannsen.

Dal 2008 al 2012, la Maersk Line ha acquisito più di 100.000 nuovi reefer, portando la propria flotta complessiva ad oltre 250.000 unità.

Resta da vedersi se la decisione di sospendere gli investimenti in reefer l'anno prossimo possa essere controproducente per l'operatore danese; peraltro, analisi indipendenti del mercato sembrerebbero supportare la situazione della MCI.

Jonathan Harrison, responsabile della britannica Harrison Consulting, commenta: “Di solito noi non pensiamo che il cambiamento dell'approccio da parte di un singolo vettore possa modificare in misura significativa l'evoluzione complessiva del mercato.

Se i traffici di container refrigerati dovessero continuare a crescere, la domanda potrebbe essere soddisfatta dalle altre linee di navigazione che dispongono di equipaggiamento proprio, ovvero da tutte le linee di navigazione - Maersk Line compresa - che prendono altro equipaggiamento in noleggio” ha detto Harrison.
(da: worldcargonews.com, 22.08.2012)



PSA Genova Pra'


Buscar hoteles
Destino
Fecha de llegada
Fecha de salida


Indice Primera página Noticiario C.I.S.Co.
Página anterior

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Génova - ITALIA
tel.: +39.10.2462122, fax: +39.10.2516768, e-mail: admin@informare.it