ShipStore web site ShipStore advertising
testata inforMARE
ShipStore web site ShipStore advertising

21 ottobre 2020 Il quotidiano on-line per gli operatori e gli utenti del trasporto 11:58 GMT+2



COUNCIL OF INTERMODAL SHIPPING CONSULTANTS ANNO XXX - Numero 15 OTTOBRE 2012

Reefer

Per i caricatori di frutta i prezzi della Maersk sono eccessivi

I caricatori di agrumi hanno definito come “eccessivi” ed “alquanto imperfetti” gli aumenti tariffari programmati dalle compagnie di navigazione di linea Maersk Line e Safmarine, controllate dal gruppo AP Møller Maersk.

In occasione di una relazione di presentazione nel corso della conferenza Cool Logistics svoltasi ad Anversa, il c.e.o. della Maersk Line Søren Skou ha affermato che l'aumento rappresenta un incremento del 30% dei prezzi a livello globale e ha aggiunto che il vettore potrebbe ripensare la propria partecipazione ai traffici reefer se non dovesse vedere migliori rendimenti.

Skou ha dichiarato che nel corso degli ultimi sette anni le tariffe di trasporto refrigerato non sono state in grado di coprire gli incrementi dovuti all'inflazione o relativi ai costi del rifornimento di carburante, e che da qui al 2015 il settore avrebbe bisogno di investire 3,5 miliardi di dollari USA in nuovi equipaggiamenti, anche i quali non potrebbero essere coperti dalle tariffe attuali.

La CGA (Associazione Piantatori Agrumi del Sudafrica) ha affermato che i singoli produttori/esportatori, così come la CGA medesima, hanno predisposto relazioni sulla valutazione dell'impatto degli incrementi programmati.

Il c.e.o. dell'Associazione, Justin Chadwick, ha dichiarato che non sussiste “alcuna plausibile spiegazione a sostegno di tale incremento”.

Spiega Chadwick: “Sulla direttrice di traffico Sudafrica-Europa, le tariffe di nolo sono considerate sufficienti a realizzare rendimenti sugli investimenti in equipaggiamenti e ad ingenerare un profitto”.

Chadwick crede che altre linee di navigazione possano seguire la linea della Maersk sugli aumenti dei prezzi.

Il c.e.o. ha dichiarato che i costi della logistica costituivano già un pesante sovraccarico sul settore degli agrumi e che, dati il costo dell'inflazione nel 2013 e gli “opportunistici” incrementi dei noli, il futuro del settore degli agrumi sembra difficile, specialmente in termini di rendimenti per gli agricoltori.

Chadwick ha detto inoltre di essere deluso per la richiesta della Maersk di rinegoziare i carichi movimentati prima del programmato incremento a gennaio 2013, nonché dal modo iniquo con cui le imposte sui rifornimenti di carburante sono state applicate.

Naturalmente, gli esportatori di agrumi dispongono di una scelta sempre più limitata quando si tratta di movimentare i loro carichi, dal momento che la flotta navale specialista di reefer ha un'offerta scarsa, dato che gli armatori e gli operatori assegnano meno capacità ai traffici sudafricani.

Inoltre, sia la Maersk che la Safmarine hanno chiarito che, senza l'incremento tariffario generale di 1.500 dollari USA, non ci sarebbe alcun investimento in nuovo equipaggiamento.

Potenzialmente, ciò mette a repentaglio una parte dell'importantissimo settore della frutta in Sudafrica.
(da: loadsloadinglist.com, 05.10.2012)



PSA Genova Pra'


Cerca il tuo albergo
Destinazione
Data di arrivo
Data di partenza


Indice Prima pagina Notiziario C.I.S.Co.
Pagina precedente

- Piazza Matteotti 1/3 - 16123 Genova - ITALIA
tel.: 010.2462122, fax: 010.2516768, e-mail